venerdì, Giugno 14, 2024

Bruciare il Corano come strumento deriva da mentalità totalitarie | Syed Sohaib

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "
Sotto il regime nazista in Germania, nel 1933 ebbero luogo massicci roghi di libri come parte della loro repressione culturale e propagandistica per controllare l’informazione e sopprimere le idee dissenzienti, scrive l’autore dell’articolo.
Foto: Wikimedia Commons

Syed Suhaib ha scritto in questo post che il desiderio di bruciare il Corano illustra il desiderio di creare paura, provocazione e polarizzazione tra i vari segmenti della società.




19Coinvolto

Syed Sohaib
Ultimi messaggi di Syed Suhaib (mostra tutto)

Di recente, abbiamo assistito a numerosi casi di incendi del Corano sia in Svezia che in Danimarca. Queste azioni hanno portato a forti reazioni a livello internazionale e hanno creato dibattiti in molti paesi.

In molti Paesi occidentali, il dibattito sul rogo del Corano ruota attorno alla distinzione tra la questione della libertà di espressione e il rispetto dei sentimenti religiosi. Sebbene ci siano molti che riconoscono che tali azioni sono profondamente offensive, irrispettose, degradanti e dolorose per quasi 1,8 miliardi di persone nel mondo, ci sono molti che sostengono tali azioni vedendole come una forma di libertà di espressione.

Alla luce di queste azioni, è interessante tornare alla storia dove vediamo che il fenomeno del rogo dei libri era una caratteristica dei regimi totalitari e uno strumento sistematico per sopprimere l’informazione, sopprimere le minoranze, controllare la conoscenza e plasmare le società secondo la propria. ideologia.

Bruciare libri – uno strumento dei regimi totalitari

Durante il regime nazista in Germania, nel 1933 ebbe luogo un diffuso rogo di libri come parte della repressione culturale e della propaganda per controllare le informazioni e sopprimere le idee dissenzienti. Le ragioni del rogo del libro nazista erano, tra le altre cose, la conformità ideologica. Volevano una società a senso unico con intolleranza per tutte le ideologie diverse dalla propria. Era anche una forma di propaganda per creare un’atmosfera di paura, polarizzazione e oppressione.

READ  La mia Liz e Mia Marie non hanno avuto altra scelta che diventare amiche in prigione

Nell’Unione Sovietica comunista, il rogo dei libri era usato come strumento per sopprimere e controllare le opinioni politiche e intellettuali dissenzienti. I libri ritenuti “controrivoluzionari” o “borghesi” furono banditi e bruciati.

Durante la Rivoluzione culturale di Mao Zedong in Cina, libri, opere d’arte e altri oggetti culturali furono distrutti e bruciati come parte di un movimento per purificare la società dagli elementi capitalisti e reazionari e promuovere così un’ideologia a senso unico.

Durante il governo di Pol Pot in Cambogia, scrittori e intellettuali erano visti come una minaccia all’agenda comunista radicale del regime dei Khmer Rossi. Molte biblioteche e scuole furono chiuse e libri furono distrutti e bruciati nel tentativo di eliminare l’influenza intellettuale e culturale.

I Mongoli, guidati da Gengis Khan, distrussero la famosa biblioteca di Baghdad conosciuta come la Casa della Saggezza e bruciarono centinaia di libri durante la loro conquista della città nel 1258.

Questi sono solo alcuni esempi di come il rogo di libri sia stato una caratteristica di vari regimi totalitari nel corso della storia. Pertanto, è un peccato che oggi in Occidente si sostenga il rogo del Corano in nome della libertà di espressione e di opinione.

Il Rinascimento europeo si ispira all’età dell’oro islamica, che a sua volta si ispira al Corano

L’Europa moderna si basa sulla ricerca e sulla scienza. Curiosità, pensiero critico e conoscenza sono oggi i tratti distintivi di questo continente.

Le ragioni del rogo del libro nazista erano, tra le altre cose, la conformità ideologica.

Questi valori accademici sono per molti versi ispirati ed ereditati dall’età dell’oro islamica. La conoscenza e la scienza europee durante il Medioevo furono fortemente influenzate dal mondo islamico. La trasmissione delle opere di molti studiosi musulmani in vari campi come la medicina, la matematica, l’astronomia e la filosofia, solo per citarne alcuni, ha avuto un grande impatto sulla scienza europea e ha contribuito a rivitalizzare e ampliare gli orizzonti intellettuali dell’Europa.

READ  Il comandante Flakeford è un segnale importante

Così l’età dell’oro islamica ha svolto un ruolo decisivo nella diffusione della conoscenza in Europa, stimolando il nuovo pensiero scientifico e contribuendo a gettare le basi per il Rinascimento europeo.

In questo contesto, è importante notare che l’età dell’oro islamica e noti studiosi musulmani sono stati direttamente ispirati dagli insegnamenti del Corano che incoraggiano la conoscenza, la scienza, il pensiero critico e lo sviluppo intellettuale.

I gruppi e gli individui che usano il rogo del Corano come strumento lo fanno a causa dei loro atteggiamenti di odio verso ciò che è diverso. È un’espressione della soppressione delle ideologie con cui non si è d’accordo e del desiderio di creare paura, provocazione e polarizzazione tra i diversi gruppi della società. Un’atmosfera così sgradevole e conflittuale nelle nostre società riporta alla memoria un’epoca in cui l’Europa era caratterizzata da regimi totalitari.

Bruciare il Corano è parole ingiuste che incitano all’odio

Non c’è dubbio che la libertà di espressione e di opinione sono principi molto importanti in una società libera e devono essere tutelati. Se la critica religiosa è l’obiettivo di questi gruppi e individui che bruciano il Corano, come affermano, allora questo può essere ottenuto criticando il contenuto del Corano ed entrando in discussioni critiche costruttive, discussioni e dialoghi con i seguaci del libro.

Ma il rogo del Corano, d’altra parte, che ha una chiara storia di essere uno strumento destinato a minare la libertà di espressione e la democrazia, non dovrebbe essere specificamente protetto da questi valori.

Il rogo del Corano, così come si è svolto in Europa in molte forme e in un certo numero di casi, aveva da un lato un chiaro e distinto messaggio di odio rivolto ai musulmani, e quindi non dovrebbe essere protetto dalla libertà di espressione .

READ  - Dai agli studenti spazio per pensare!

La Norvegia deve intervenire sulla breccia per chiarire ai suoi vicini e al resto del mondo che bruciare testi religiosi non è critica, ma incitamento all’odio che non merita protezione.

I post dei nostri lettori sono espressioni di opinione che esprimono la posizione di chi scrive. essere visto Qui Maggiori informazioni su come postare sulle nostre pagine di discussione.

More articles

Latest article