Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Campione dei Campioni – Spiegato

Campione dei Campioni – Spiegato

È abbastanza chiaro che le prestazioni sono influenzate dalla mancanza di sonno e il riposo è importante. “Ho pensato che fosse molto rilassante dormire con Tyrell”, dice Camilla Gersem, 30 anni, a Dagbladet.

È una dei 10 atleti che quest'anno hanno contribuito a superare i limiti per vincere il titolo definito nella canzone NRK “Master of Masters”.

La casa partecipante di quest'anno adorna la cima di una roccia a Lindesnes, con una vista mozzafiato sul Njervesjord. La lussuosa villa a sud offre un ampio spazio esterno, una piscina privata per i partecipanti e un totale di sei camere da letto.

Tuttavia, durante le riprese della quindicesima stagione dello show di successo sono state utilizzate solo quattro stanze.

Come nelle stagioni precedenti, le stesse star dello sport non scelgono dove dormiranno o con chi condivideranno la stanza. Sono pre-zonizzati e il tempo che devono dormire e riprendersi nella stessa stanza svanisce. La maggior parte di loro condivide addirittura lo stesso letto.

Benessere: I concorrenti del Master of Masters Tyrell Eickhoff e Astrid Ørnholdt Jacobsen mostrano la villa in cui vivevano mentre registravano lo spettacolo a Lindesnes. Video: Corridore Rosso
Mostra di più

Scegli il letto singolo

– Condividere una stanza con qualcuno con cui non sei abituato a condividere una stanza può disturbare il tuo sonno così tanto da influenzare il tuo livello di prestazione, dice a Dagbladet il medico e ricercatore del sonno Björn Bjorvatn.

Ma non c'è alcuna indicazione che sia stato positivo per gli atleti averli vicini e cari durante la stagione di quest'anno.

“Sono abituato a dormire con qualcuno che ha i capelli un po' più lunghi di te”, dice Anders Auckland, 51 anni, ridendo dal letto matrimoniale che condivide con Stian Sivertzen, 34 anni.

Ci è stata assegnata una camera tripla con l'assassino, Uli-Christian Brenn (34 anni), Auckland e Sivertzen.

READ  Il suo compagno di squadra deve aver drogato il miglior tiratore del mondo - NRK Sport - Notizie sportive, risultati e programma delle trasmissioni

“Ero in qualche modo consapevole di dormire meglio in un letto singolo che in un letto matrimoniale con qualcun altro”, dice Brin a Dagbladet, il quale ammette di aver scelto il letto singolo per un motivo.

– Era per dormire da solo, sì. In effetti ci ho pensato, dormo meglio da solo.

Le loro stanze: Anders Auckland (51), Ole Christian Breen (34) e Stian Sievertzen (34) hanno condiviso una stanza nella stagione di Mr. Champions di quest'anno. Foto: NRK
Mostra di più

L'esperto del sonno Ståle Pallesen ritiene che la qualità del sonno in “Master of Champions” varierà notevolmente da un partecipante all'altro, a seconda di ciò che preferisce o a cui è abituato prima.

Secondo lui, ciò che spesso può causare disturbi del sonno sono i rumori e i movimenti, oppure il fatto che persone con ritmi circadiani diversi dormano insieme.

russare

L'esperto del sonno sottolinea inoltre l'importanza che i partecipanti ricevano un sonno ottimale per recuperare bene ed essere in grado di dare il meglio di sé nelle competizioni.

– È una questione di motivazione e che non hanno necessariamente la forza di spingersi allo stesso modo se non dormono bene, dice Balesin al Dagbladet.

Sebbene dopo la prima notte Auckland sia stata in grado di confermare che Sivitsyn russava, per lui non è stato un problema.

Il sonno è molto importante durante le gare e durante gli allenamenti. Penso che questo valga sia che tu sia un atleta o meno. Il sonno potrebbe essere più importante di quanto molti pensino, ma condividere il letto con Stian è stato fantastico, dice Auckland a Dagbladet, aggiungendo:

– Partecipo ad allenamenti e gare da quando avevo 12-13 anni e vivi sempre vicino a più persone nella stessa stanza. Penso che questo sia qualcosa a cui tutti gli atleti sono abituati.

Gara musicale Eurovision: Drag e budget ridotto non vanno di pari passo, afferma l'artista Skrellex, che rivela i dettagli dietro le quinte quando ha preso parte all'MGP 2023. Video: Agusta Magnusdottir e Orjan Ryland
Mostra di più

– Può essere influenzato

I partecipanti si sono già fatti strada attraverso una serie di competizioni nella stagione di quest'anno. Alcuni si sono addirittura sorpresi diventando vincitori in settori che non avrebbero mai immaginato avrebbero avuto così tanto successo.

– A causa delle gare tutto il giorno ci si stanca, quindi non è difficile dormire anche la sera, dice Gersem a Dagbladet, che è stato il vincitore del tema durante la settimana “Råskap”.

I partecipanti di quest'anno: Anders Auckland (da sinistra), Tyrell Eckhoff, Stjan Sievertzen, Astrid Ørnholdt Jacobsen, Ole-Christian Brenn, Camilla Gersem, Marit Malm Fräfjord, Terje Håkonsen, Birgitte Lersbriggen e Pål-Andre Helland.  Foto: Alice Asplund, Nordic Banjay/NRK

I partecipanti di quest'anno: Anders Auckland (da sinistra), Tyrell Eckhoff, Stjan Sievertzen, Astrid Ørnholdt Jacobsen, Ole-Christian Brenn, Camilla Gersem, Marit Malm Fråjord, Terje Håkonsen, Birgitte Lersbriggen e Pål-Andre Helland. Foto: Alice Asplund, Nordic Banjay/NRK
Mostra di più

L'allenatore di calcio ed ex calciatore, Pal Andre Helland (34), condivideva la stanza con Terje Hakonsen (49). Helland si era abituato ad avere un compagno di stanza durante la sua carriera da giocatore e pensava che sarebbe stato divertente andare a letto con il pattinatore.

– Sono un padre di bambini piccoli e avevo due figli a casa, quindi dormire con Terry era solo un lusso, dice a Dagbladet.

Ha funzionato

Pia Basberg, project editor di NRK per Mesternes Mester, afferma che c'erano due stanze che non sono state utilizzate durante la registrazione. Secondo NRK, una stanza veniva utilizzata come riserva in caso di malattia, mentre l’altra, inutilizzata, funzionava male come camera da letto.

Passberg spiega che molti atleti sono abituati a dormire nelle stanze con altri compagni di squadra quando sono fuori.

– Il fatto che i partecipanti dormano nella stessa stanza fa comunque parte del concetto di “Champion of Masters”. Ha funzionato perfettamente per 15 stagioni.

Sottolinea inoltre che è una realtà classica coinvolgere i telespettatori in ciò che accade al di fuori delle competizioni.

– Il fatto che gli atleti condividano stanze e pasti è una parte importante e speciale di “Master of Masters”: crea unità e amicizia e significa che gli spettatori conoscono meglio i partecipanti, conclude Passberg.