Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Ci sono crisi ovunque – VG

Più caldo: la Terra si sta riscaldando e il clima sta diventando più umido e selvaggio con il riscaldamento globale. I leader mondiali cercheranno di impedirlo durante il vertice sul clima, che inizierà domenica in Egitto.

Otterrà l’accordo di 2.000 persone provenienti da 194 paesi. Il capo negoziatore del Summit sul clima, la norvegese Marianne Carlsen, parla del dramma dietro le quinte.

Inserito:

Più di 25.000 politici e attivisti si riuniranno domenica per discutere della crisi climatica. I negoziati sul clima di quest’anno si svolgono presso la soleggiata attrazione turistica di Sharm el-Sheikh in Egitto, e non sarà facile:

194 paesi cercheranno di concordare una politica che conserverà il riscaldamento globale. Succede dopo un’estate di clima rigido in tutti i continenti.

Al di fuori delle sale riunioni, c’è molto che le separa:

L’Europa è colpita dalla guerra e dalla crisi energetica, gli Stati Uniti sono nel mezzo di difficili elezioni di medio termine, le relazioni USA-Cina sono a un punto di congelamento e la Russia è completamente fuori, solo per citarne alcuni.

Vedi sotto: il meglio e il peggio dei picchi climatici

Una di queste: Marianne Carlsen è la donna più longeva nella leadership internazionale dei negoziati sul clima delle Nazioni Unite.

Questo crea un punto di partenza difficile per il vertice sul clima di quest’anno. Ci sono crisi ovunque, ma i paesi sono ancora in grado di comprendere e affrontare l’urgente necessità di fare qualcosa per il cambiamento climatico, dice Marianne Carlsen a VG.

Per il terzo (e ultimo) anno consecutivo, il gruppo di lavoro guida lo SBI, che garantirà il raggiungimento di un accordo durante il Vertice sul clima. Saranno presenti Ucraina, Russia, Stati Uniti e Cina.

Carlsen è una delle quattro donne che hanno svolto questo ruolo – al vertice sul clima, dove solo il 14 per cento di tutti i leader negoziali sono donne.

opinioni forti

Farò in modo che 2.000 rivenditori si uniscano e prendano decisioni piccole e grandi, in modo che tutti raggiungano risultati che possano migliorare il lavoro che devono svolgere a casa.

“Ci sono molte decisioni grandi e piccole che vengono prese nella mia stanza, che hanno un rapporto diretto con ciò che lo stato ottiene in casa”, spiega Carlsen.

O più metaforicamente:

– Io sono il custode che farà partecipare tutti al lavaggio del cassetto.

Non è sempre comune:

Ci sono molte opinioni forti su come condurre i negoziati. Non tutti sono sempre ugualmente entusiasti di tutto ciò che suggerisco.

Primo scatto: l’Egitto e la località balneare di Sharm El-Sheikh ospitano i negoziati sul clima di quest’anno, che si terranno dalle 18:00 alle 18:00. Novembre.

fragile equilibrio

All’inizio della conferenza, i paesi della convenzione su cui stanno lavorando assomigliano più a un complesso test scolastico con molte opzioni di risposta. Durante le due settimane il testo diventa più chiaro e si scelgono delle alternative.

Mentre i negoziati volge al termine, le riunioni spesso iniziano a sembrare pure maratone e i delegati negoziali ai paesi e i politici del clima lavorano letteralmente tra le riunioni.

Protesta: durante ogni vertice sul clima ci sono proteste, come è successo qui durante i negoziati a Glasgow lo scorso anno.

I rivenditori di diversi paesi possono reagire a tutto ciò che Carlsen, Distributore senior del rapporto ha presentato, oppure sentono che gli mette le parole in bocca. Nient’altro che questo fino a quando i negoziati non si impantanano in una carreggiata.

Se uno dei paesi rifiuta, i negoziati si fermano e l’accordo finisce.

– Ho imparato alcuni trucchi: è molto importante comunicare in modo onesto, chiaro e alla pari con tutti. È molto importante ascoltare, anche se non sono sempre d’accordo con ciò che viene detto, dice Carlsen.

Hecktech: Carlsen ha davanti a sé innumerevoli ore di riunioni e negoziati sul clima. Qui poco prima di partire per l’Egitto, sulla strada dal treno pendolare per lavorare per il Ministero dei cambiamenti climatici.

Questi saranno i problemi principali

Quali sono le sue aspettative per il vertice sul clima in Egitto?

– Spero di vedere una grande e forte mobilitazione per tutti. Carlsen risponde che i negoziati dovrebbero portare a decisioni che promuovono l’azione per il clima e che inviano un segnale forte che tutti devono farlo più velocemente.

READ  La ragazza di Albert Derlund: - Un amico finora sconosciuto nel dolore dopo la morte

Ci sono ancora due aspettative per il vertice di quest’anno:

  • In molti, compresa la presidenza egiziana, parlano del vertice sul clima di quest’anno di “attuazione”, ovvero che gli obiettivi prima fissati devono ora essere raggiunti attraverso misure concrete.
  • Inoltre, si prevede che i finanziamenti per il clima ei cosiddetti “Perdite e danni”Perdite e danni sono spesso definiti come le conseguenze del cambiamento climatico, che non possono più essere evitate bloccando nuove emissioni o adattandosi. Diventa grande, poiché i paesi in via di sviluppo chiedono denaro alle nazioni ricche per costruire infrastrutture danneggiate dopo il maltempo e prepararsi a più siccità, inondazioni e uragani.

Leggi anche

previsioni meteorologiche estreme

Il meglio che può accadere in Egitto è che riceviamo una chiara conferma dell’accordo da Glasgow per lavorare verso un obiettivo di 1,5°C e un messaggio su come aumentare il sostegno all’adattamento climatico e le perdite e i danni, a seconda del clima. e il ministro dell’Ambiente Espen Barth Eide durante un’intervista con la stampa questa settimana.

La cosa peggiore che potrebbe accadere è che manchiamo l’obiettivo di riscaldamento di 1,5 gradi e non siamo d’accordo su come procedere per finanziare perdite e danni.

Anche viaggiare: il ministro del clima Espen Barth Eide (AP) partecipa al vertice sul clima. Lo stesso fanno il Primo Ministro Stoer e il Ministro dello Sviluppo Tweenerheim.

obiettivo ambizioso

L’accordo di Parigi occupa l’intero vertice sul clima.

Sette anni fa, durante Trattative a Parigii paesi delle Nazioni Unite hanno promesso che il globo non dovrebbe salire più di 2 gradi, preferibilmente non più di 1,5 gradi.

Questo obiettivo è ora sotto grande pressione.

Pochi scienziati ora credono che sia possibile mantenere l’obiettivo. È probabile, secondo loro, che nel 2030 supereremo 1,5 gradi, ma il riscaldamento potrebbe interrompersi dopo e la temperatura diminuirà.

Per raggiungere l’obiettivo dell’accordo di Parigi, il mondo nel suo insieme deve ridurre le emissioni di gas serra di oltre il 42% entro il 2030.

– È difficile ma non impossibile. Sappiamo cosa serve e siamo molto lontani da lì. Quindi è solo guidare e motivare le persone a fare di più. Tutti i paesi devono andare nella stessa direzione. Questo è un cambiamento fondamentale che stiamo vivendo, afferma il capo negoziatore Marianne Carlsen.

READ  Intelligence britannica: - carburante per i cannoni di Putin
Caso di studio: un bambino corre dietro un cartello con la scritta “clima” durante una protesta a San Francisco lo scorso autunno, prima dei negoziati sul clima.

Dice che non sa leggere la Convenzione di Parigi sul letto. Quindi diventa più sottile di quanto non sia già.

– Nelle ultime settimane mi sono alzato ogni notte e ho pensato: “Cosa hai dimenticato?”

Nel buio della notte, Karlsen apre l’app “Calm” sul suo cellulare, calmandosi con i suoni della pioggia e delle onde.

Da domenica sarà calma.

Non è raro che i negoziatori stiano seduti tutta la notte per negoziare.

Guarda le foto di Karlsen dei passati negoziati sul clima:

1 / 8

The Gang: ciò che Carlsen chiama “la mia banda”, la segretaria, che, tra le altre cose, si assicura che Carlsen sia nel posto giusto al momento giusto.

– il ragazzo più carino

Carlsen in precedenza guidava la delegazione negoziale norvegese.

La Norvegia è un paese ricco, ad alte emissioni e produttore di petrolio con ambizioni climatiche. Quindi la Norvegia ha un ruolo politico importante, dice Carlsen.

Poiché l’economia norvegese è piccola e aperta, spesso adattiamo le norme nazionali alle normative internazionali, secondo Carlsen.

La Norvegia ha una buona reputazione. Siamo il ragazzo “simpatico” nel dormitorio 1: consegniamo nei tempi previsti e siamo qualcuno di cui ti puoi fidare.

Team Norvegia: Marianne Karlsen e Henrik Hallgrim Eriksen (accanto a lei) hanno negoziato per la Norvegia durante il vertice sul clima di Katowice in Polonia del 2018. All’epoca, Ola Elvestoen (V) era ministro del clima.

Vittorie più grandi

Al terzo vertice della storia sul clima, svoltosi a Kyoto in Giappone, le nazioni industrializzate si sono impegnate per la prima volta a limitare la quantità di emissioni di gas serra.

Dopo diversi tentativi, le Nazioni Unite sono riuscite a convincere tutti i paesi a concordare un accordo per limitare il riscaldamento globale, chiamato Accordo di Parigi, durante i negoziati del 2015. Siria e Nicaragua sono gli unici due paesi al mondo che non hanno firmato. L’accordo obbliga i paesi ad attuare i tagli climatici che promettono. Allo stesso tempo, l’entità dei tagli è volontaria, ma almeno ogni cinque anni gli obiettivi devono essere inaspriti.

Accordo: l’allora presidente francese François Hollande ha abbracciato la coordinatrice del clima delle Nazioni Unite Christina Figueres dopo la sospensione dell’accordo di Parigi nel 2015.

Dopo che i negoziati del 2020 sono stati sospesi a causa del Covid, si sono tenuti in Scozia l’anno scorso. La Norvegia è stata fondamentale per avere finalmente una dura negoziazione su come dovrebbe funzionare il mercato delle quote. I paesi hanno promesso di continuare a lavorare per limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi e di tornare con obiettivi climatici più severi già quest’anno. Per la prima volta i “combustibili fossili” sono stati menzionati nell’accordo firmato tra i due Paesi.

Sfidante: l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama al vertice di Parigi.

Le più grandi sconfitte

Nel giugno 2017, l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che gli Stati Uniti ritirato dall’accordo di Parigi. Trump lo ha giustificato dicendo che non avrebbe contribuito con denaro alle Nazioni Unite, di cui hanno beneficiato Cina e India, tra gli altri paesi. Gli Stati Uniti hanno aderito all’accordo di Parigi quando il democratico Joe Biden è diventato presidente nel 2021.

‘Troppo poco’: il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha mostrato all’epoca quanto poco credeva che il riscaldamento globale stesse affrontando il mondo, quando gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo di Parigi.

I negoziati sul clima di Copenaghen sono ricordati come l’incontro in cui nessuno è stato d’accordo su nulla. Grandi potenze come Stati Uniti, Cina e India non hanno voluto stipulare alcun accordo legalmente vincolante sulla riduzione delle emissioni e il vertice si è concluso con l’annuncio di obiettivi volontari.

Il Covid-19 ha annullato il vertice sul clima del 2020, quindi le due parti non sono state in grado di incontrarsi per concordare nuove ambizioni climatiche.