Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Codice Maverick: una stanza per gli avversari! | La prospettiva di oggi

Nell’ambito della ricerca organizzativa, sono state fatte diverse scoperte che mostrano che traiamo vantaggio dal fatto che ci sono dissidenti, cioè coloro che osano sostenere opinioni diverse dalla maggioranza, scrive Troels Leland.

Trols Leyland è ricercatore presso la NHH/Hauge School of Management

Punto di vista: Le persone che la pensano diversamente dalla maggioranza, gli oppositori, non solo creano una maggiore diversità. Contribuiscono a preziose intuizioni, altre prospettive e nuove idee. Abbiamo bisogno di più, non di meno, da questo giorno.

Nell’ambito della ricerca organizzativa, sono state fatte diverse scoperte che mostrano che traiamo vantaggio dal fatto che ci sono dissidenti, cioè coloro che osano sostenere punti di vista diversi dalla maggioranza. In effetti, questo è anche il caso se ciò che rappresentano alla fine si rivela errato. Diversi studi mostrano che la qualità delle decisioni nelle organizzazioni aumenta quando questo tipo di opinione di minoranza viene comunicata durante il processo. In effetti, le decisioni possono essere migliori quando qualcuno osa sfidare una mentalità consolidata. È necessario che punti di vista diversi emergano e diventino parte della valutazione che viene effettuata fino a quando non viene presa una decisione.

Naturalmente, qui non stiamo parlando di litigi o difficoltà, né di divergenze per amore della differenza. Mentre potrebbe essere utile per qualcuno porre domande di controllo critico o assumere il ruolo di avversario o “avvocato del diavolo”, il disertore va più in profondità. Ciò avviene, tra l’altro, promuovendo un punto di vista diverso, una soluzione alternativa o un nuovo modo di vedere le cose in modo costruttivo. Ciò consente di valutare diversi argomenti e punti di vista, affinandoli l’uno contro l’altro e contribuendo all’ampiezza delle opinioni che vengono presentate all’arena. Questo, a sua volta, consente di vedere ancora più sfumature. Possiamo imparare qualcosa di nuovo ed essere arricchiti da altri modi di guardare il mondo. E non ultimo: possiamo trovare nuove soluzioni e risposte alle sfide che affrontiamo proprio perché scegliamo di lasciar andare nuove idee e idee.

READ  Sviluppo urbano Fana | Messaggio shock: il sospetto di inquinamento potrebbe abbassare la nuova sala gigante

In molti modi, è assolutamente essenziale in una sana cultura organizzativa che mostri rispetto e cerchi di capire la prospettiva di coloro che la pensano diversamente. Naturalmente, dovrebbe essere che le diverse opinioni siano discusse francamente e che il contenuto effettivo delle argomentazioni sia ciò che viene discusso. Le organizzazioni caratterizzate da compliance e allineamento rappresentano l’opposto. Qui è difficile immaginare che l’innovazione e le soluzioni creative godano di buone condizioni di crescita. Una cultura forte va bene, ma non se è così rigida e radicata da diventare più importante adattarsi e parlare correttamente politicamente che osare sfidare e pensare in un modo nuovo. Quindi la pressione a conformarsi può diventare così grande che le voci che promuovono altre opinioni svaniscono e muoiono.

All’estremo, questo può portare a ciò che viene chiamato pensiero di gruppo. Qui, il desiderio di armonia, accordo e conformità diventa così grande che semplicemente non si pensa a soluzioni alternative. È molto difficile formulare opinioni dissenzienti in un contesto del genere. Pertanto, c’è un’alta probabilità che proposte buone e costruttive vengano respinte e di conseguenza ti ritroverai con decisioni sbagliate. Poi, ovviamente, non è che il consenso e l’accordo siano negativi. Tuttavia, questo dovrebbe essere il risultato di un processo in cui vengono esplorate prima le varie alternative, piuttosto che decidere effettivamente la risposta. Quindi abbiamo bisogno di dissidenti che osano sfidare la mentalità consolidata e trovare altre idee e prospettive.

Infine: affinché le organizzazioni decidano il codice dei dissidenti, sono necessari manager e dipendenti che rendano facile per i dissidenti esprimere le loro opinioni alternative e assicurarsi che la loro voce sia ascoltata prima che venga presa una decisione o una soluzione. Richiede apertura, coraggio e sicurezza. Se vogliamo essere in grado di sviluppare le migliori soluzioni per le sfide di domani, questa è la chiave: fare spazio a pensatori diversi! Abbandonate i dissidenti!