Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Come fanno gli scienziati a sapere come sarà il momento della nostra morte?

Oh vita! Sei nato e cresciuto un po’, ti sei innamorato di una persona (o di un pesce), hai fatto delle piccole persone, e prima che te ne accorga, è il momento della parte successiva: la morte. L’inevitabile morte della nostra esistenza.

Ci sono diversi modi in cui puoi morire. Di solito è causato da malattie cardiache o cancro, ma circa 600 persone soffrono di dispnea involontaria ogni anno.

Qualunque cosa accada, a un certo punto dovrai affrontare la morte medica, che è come la vita, ma senza respirazione e circolazione sanguigna.

In altre parole, è l’inizio del passaggio da questa vita all’altra.

Per la maggior parte delle persone, la morte non è del tutto istantanea.

Cosa può dirci la scienza moderna sull’esperienza dell’ultimo respiro?

Nelle fasi finali della pre-morte, le persone sono spesso insensibili, quindi di solito immaginiamo l’esperienza come una sonnolenta scomparsa subconscia dalla vita.

Potrebbe essere più colorato…Getty Images – Sagittario

Ma alcuni test raccontano una storia completamente diversa.

Nel 2013 i ricercatori Università Da Michigan Hanno misurato l’attività cerebrale dei topi da laboratorio quando sono morti.

Ed è successo qualcosa di interessante.

Dopo che i topi hanno avuto un infarto…Nessun battito cardiaco o respiroI loro cervelli hanno mostrato una maggiore attività globale, con livelli di onde gamma inferiori sincronizzate in tutto il cervello rispetto ai normali stati di veglia.

Sorprendentemente, il tipo specifico di attività cerebrale è collegato La percezione emotiva delle persone in studi precedenti.

In altre parole, quei topi potrebbero averlo sperimentato qualche cosa Quando erano tra la morte clinica e la morte cerebrale completa.

L’esperimento ha sfidato l’ipotesi che il cervello fosse inattivo al momento della morte.

READ  Deichman, Deichman bjørvika | Deichman Holmlia apre una stanza in memoria di Benjamin Hermansen: - È importante che non lo dimentichiamo mai

Invece, la prolungata perdita di coscienza è stata preceduta da un aumento della coscienza, e si è chiesto: cosa provano i topi quando muoiono? Potrebbe valere lo stesso per gli esseri umani?

Gli esseri umani hanno cervelli più grandi e complessi dei topi, ma è stato condotto un esperimento più interessante Collegio Imperiale A Londra nel 2018, ha messo in evidenza l’aspetto delle persone che muoiono.

fine della droga?Getty Images

I ricercatori hanno voluto esplorare le somiglianze tra i due diversi fenomeni.

D’altra parte, ci sono esperienze di pre-morte o esperienze di pre-morteCirca il 20% delle allucinazioni sperimenta la rianimazione dopo una morte medica.

D’altra parte, le allucinazioni causate dalla droga psichedelica TMD (Produce in modo affidabile un’ampia gamma di effetti soggettivi sulla funzione del cervello umano, inclusi percezione, affetto e cognizione.)

Quindi hanno somministrato ai soggetti una dose di DMT e, quando sono tornati alla realtà, hanno chiesto loro di descrivere le loro esperienze utilizzando una lista di controllo comunemente usata per valutare le esperienze di pre-morte.

Sono stati sorpresi di trovare un’incredibile quantità di terreno comune.

Le esperienze di NDE e DMT includono sentimenti di “trascendenza del tempo e dello spazio” e “unità con oggetti e persone vicini”.

L’esperienza di pre-morte era simile a una potente allucinazione.

Quando guardiamo alla morte, la pensiamo come un processo doloroso. Ma la scienza si chiede: cos’è una droga?

Il neuroscienziato Chris Timmerman ha studiato l'esperienza della morte nel 2018.
Il neuroscienziato Chris Timmerman ha studiato l’esperienza della morte nel 2018.

Abbiamo chiesto al dottor Chris Timmerman, che ha guidato la ricerca all’Imperial College di Londra. Cosa può dire questo test sulla morte?.

“Penso che la lezione principale della ricerca sia che possiamo vedere la morte nella vita e nelle esperienze di vita”, ha detto.

READ  Si è tenuta la Settimana del College of Science - UASLP

“Quello che sappiamo ora è che sembra esserci un aumento dell’attività elettrica.

“Queste onde gamma sono molto chiare e possono causare esperienze di pre-morte.

“Ci sono anche aree specifiche nel cervello, come il lobo temporale mediale – le aree responsabili della memoria, del sonno e persino dell’apprendimento – che possono essere associate a queste esperienze.

“In un certo senso, il nostro cervello imita in qualche modo l’aspetto della realtà”.

circolare Circa il 20% di coloro che sono stati dichiarati clinicamente morti e quelli vivi hanno riportato un’esperienza di pre-morte.

Tutti sperimentano, ma solo pochi ricordano, o queste esperienze sono rare?

“C’è una forte possibilità che il deficit di richiamo sia causato da una serie di fattori”, ha spiegato Timmerman.

“Nella nostra esperienza con la DMT psichedelica, abbiamo scoperto che quando ne facciamo un’overdose, parte dell’esperienza viene dimenticata.

“Quello che penso è che l’esperienza sia troppo nuova per essere descritta o descritta a parole.

“Quando un’esperienza supera la capacità di descriverla in linguaggio, è difficile ricordarla.

“Ma alcune persone non riescono proprio a goderselo.”

Quale ulteriore ricerca ci aiuterà a capire la morte?

Ha risposto: “È molto interessante cosa sta succedendo con le scansioni cerebrali in questi giorni e come possiamo capire cosa sta succedendo nel cervello e come torna all’esperienza”.

“Le scansioni vengono eseguite per le persone che puoi attivare e, se guardano un film, che tipo di film guardano.

“Quindi, a un certo punto, le nostre tecnologie di imaging cerebrale diventeranno così avanzate da poter leggere la mente delle persone in modo da poter comprendere meglio i meccanismi cerebrali alla base di queste esperienze insolite e insolite”.

La scienza della morte è uno spettacolo piuttosto cupo, ma ciò che già sappiamo dipinge un quadro sorprendentemente ottimista.

Tra cielo e vita
Tra cielo e vitaGetty Images

Ad esempio, sappiamo che le persone che hanno avuto esperienze di pre-morte spesso riferiscono sentimenti di calma e pace e mostrano una riduzione duratura dello stress correlato alla morte.

READ  I medici sono arrabbiati con il Norwegian Trauma Service - NRK Nordland

Sappiamo anche che le NDE sono ampiamente descritte come indolori, il che significa che l’accresciuta consapevolezza che possiamo sperimentare dopo la morte è indolore.

E forse un po’ di divertimento.

La ricerca mostra anche che le persone tendono a perdere le proprie emozioni in un certo ordine.

Prima fame e sete, poi parla e guarda.

L’udito e il tatto durano più a lungoCiò significa che molte persone possono sentire e sentire i propri cari nei loro ultimi istanti, anche se sembrano inconsapevoli.

Recenti scansioni cerebrali di un paziente con epilessia morente hanno mostrato attività legate alla memoria e ai sogni, portando a ipotizzare che potrebbe esserci del vero nella “vita che lampeggia davanti ai suoi occhi”.

vecchiaia e morte
vecchiaia e morteGetty Images

Infine, sappiamo da queste esperienze che un’esperienza di pre-morte può comportare una maggiore consapevolezza e forse anche allucinazioni. Un ultimo viaggio psichedelico prima di ogni altra cosa.

“In una società come la nostra, dove tendiamo a negare la morte e cerchiamo di nasconderla sotto il tappeto, penso che sia una delle migliori lezioni che la ricerca sulla droga può insegnarci: Come possiamo integrarlo nelle nostre vite?Concluse Timmerman.

Alla fine, moriremo tutti. Ma queste esperienze mostrano che la transizione tra la vita e la morte può essere più esperienziale, emotiva e psicologica di quanto potremmo aspettarci.

Siamo programmati come animali per temere la morte, ma una comprensione più profonda della morte può aiutarci a rilassarci un po’.

Gli ultimi istanti non saranno spaventosi. solo una parte Un viaggio inevitabile nell’ignoto, forse indolore e forse psicotico.