sabato, Giugno 22, 2024

Commento: cosa sta succedendo con Xbox?

Must read

Romano Strinati
Romano Strinati
"Esperto di social media. Pluripremiato fanatico del caffè. Esploratore generale. Risolutore di problemi."

Dopo aver costruito una grande star tra i giocatori più accaniti concentrandosi sulla compatibilità con le versioni precedenti e acquisendo sviluppatori di giochi rispettati, la nave Xbox guidata da Phil Spencer si è incagliata. Ciò non è avvenuto all’improvviso e inaspettatamente, ma nel corso di un lungo periodo di tempo, e quindi l’osservatore più imparziale potrebbe alzare la mano con lieve disgusto e dire basta.

Non dovrebbe essere difficile capire di cosa sto parlando, ma facciamo comunque un piccolo riassunto. Xbox non ha giochi, è lo slogan, quindi Microsoft sta comprando metà dell’industria. Fagocitare Bethesda e tutte le sue filiali e iniziare il lungo processo di acquisizione di Activision Blizzard. Dopo anni di giri di tribunale e avvocati, è stato inserito nel fondo. Microsoft è ancora a corto di giochi, finora, ma ha comunque iniziato l’anno licenziando inizialmente 1.900 dipendenti, in particolare presso la neo acquisita Activision Blizzard.

Quindi celebrano la primavera licenziando un nuovo gruppo di sviluppatori. Questa volta da Arkane Austin, la gente dietro il gioco d’azione di successo Redfall. Potrebbe non essere stata una bomba per le persone che hanno concesso a Redfall più di cinque minuti, ma Microsoft non si ferma qui. Dopo essersi lasciati alle spalle un 2023 spezzato in cui quasi nulla ha soddisfatto le aspettative del pubblico, hanno chiuso le porte di Tango Gameworks, lo studio giapponese dietro l’unico gioco che ha dato a Xbox molta pubblicità positiva nel 2023; Ciao Fi Rush.

Con questo, era l’unico studio in grado di creare una certa credibilità e guadagnare un punto d’appoggio nella storia giapponese. Perché? Ebbene, Hi-Fi Rush potrebbe non essere stato giocato abbastanza dalle persone con un abbonamento Game Pass.

READ  Apple - Dalla controcultura alla "Big Tech": la mela è cattiva?

Great Hi-Fi Rush è stato l’ultimo gioco di Tango.

Bethesda Softworks

Guai in Paradiso

Ci si potrebbe iniziare a chiedersi cosa stiano facendo Phil Spencer e i suoi amici. Si continua ad andare avanti. Naturalmente al momento ci sono valutazioni finanziarie di cui non siamo a conoscenza. Quando si acquista un grande conglomerato, si creano naturalmente posizioni sovrapposte che devono essere aumentate, ma stiamo parlando di un’azienda che può acquistare un conglomerato massiccio come Activision Blizzard per l’incredibile cifra di 69 miliardi di dollari, ma a quanto pare non riesce a mantenerne due. i piccoli studi durano molto più a lungo.

IL cercare Non sembra bello. E se c’è una cosa di cui Microsoft ha bisogno in questo momento più che qualche soldo in più sul conto, è che abbia un bell’aspetto.

Ci si potrebbe chiedere se Microsoft non si stia guardando allo specchio. Se non capiscono come appare il tutto. Se pensano che tutto funzionerà se buttano abbastanza soldi in una direzione o nell’altra come distrazione. Il segnale che stanno ora inviando sia al pubblico che ai loro sviluppatori è che nessuno è al sicuro. Fai un giga hit o morirai. Non sono proprio delle buone condizioni di lavoro.

Microsoft ha messo tutte le sue carte nella barca del Game Pass, e sta per affondare. I nuovi membri non si presentano così velocemente come Microsoft vorrebbe, e non c’è alcun interesse in questo. Quello che qualche anno fa veniva definito un servizio in cui i giochi piccoli e grandi potevano convivere, un servizio che renderebbe più sicuro essere uno sviluppatore perché non tutti i giochi dovrebbero essere un grande successo, ora è diventato una realtà Che è vero il contrario. Game Pass è esattamente uguale a qualsiasi altro negozio.

Xbox come marchio è nei guai

Il 2023 non è stato un buon anno per Xbox. Starfield avrebbe dovuto essere il più grande gioco di ruolo dell’anno scorso – Skyrim nello spazio – ma è stato gettato nel fosso da Baldur’s Gate III. Forza ha prodotto beni familiari, ma non ha dato fuoco al mondo. Xbox ne ha bisogno qui, e con urgenza.

E così arriviamo a Senua’s Saga: Hellblade II, un gioco che è senza dubbio tra i giochi più grandi e importanti sulla piattaforma Xbox. Anche se non si direbbe, se si guarda l’attenzione che il gioco sta ricevendo. Se non fosse stato per il fatto che ogni mese scrivo un articolo sui giochi del nostro negozio, non di certo avrei saputo che il giorno del lancio era proprio dietro l’angolo.

Potrebbe Senua’s Saga: Hellblade II essere il successo di cui Xbox ha bisogno?

Teoria dei ninja

Dov’è la promozione? Dove vengono visualizzati gli annunci ogni volta che vedo un video correlato a un gioco su YouTube? Dove sono i manifesti pubblicitari su tutti i siti di gioco mondiali? È come se Microsoft non credesse nel proprio gioco, ma si aspettasse che si svendesse completamente senza attirare alcuna trazione. Quando chiedo alle celebrità appassionate di videogiochi se dovrebbero giocare a Hellblade II, raramente sanno di cosa sto parlando.

Cosa succederebbe se Hellblade II si rivelasse il fallimento per il quale Microsoft aveva quasi predisposto? Ninja Theory sarà il prossimo studio a chiudere definitivamente i battenti dopo alcuni anni di dominio di Microsoft? E che dire dell’ossidiana e dell’inXile? Dovremmo preoccuparci che la ricerca di Call of Duty da parte di Microsoft significhi bussare alla porta per gli sviluppatori minori?

Il problema per Microsoft è che Sony, anno dopo anno, è riuscita a costruire la fiducia del grande pubblico al punto che può permettersi di commettere errori, mentre Microsoft non può permettersi questo lusso. Quasi nessuno ormai si fida di Xbox e quasi nessuno sa in che direzione andranno le cose. Game Pass sembra sempre più un esperimento rischioso che potrebbe avere conseguenze disastrose per molti studi di sviluppo.

Inoltre, Microsoft sta iniziando a creare più giochi multipiattaforma, il che, da un lato divertente, fa impazzire i guerrieri della console, ma dall’altro lato più serio aiuta a sollevare diversi grandi punti interrogativi su quale sia il vero scopo di Xbox.

Tutto si riduce a una semplice domanda; Se Microsoft non crede nella propria piattaforma e nei propri giochi, perché dovremmo farlo noi?

More articles

Latest article