Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Corona è peggio della guerra – NRK Eurex – Notizie sul documentario straniero

Alcuni turisti sparsi in cappelli di Babbo Natale e un gruppo di scout con i tamburi indicano il punto davanti alla Chiesa della Natività a Betlemme. Ma sono meno del solito.

Nella città in cui Gesù è nato più di 2000 anni fa, il controllo delle infezioni ha lasciato il segno sulla folla, o meno.

I pochi turisti che trovano la loro strada in città ottengono quasi il servizio più importante per se stessi.

Dove migliaia di turisti e minacciosi si riuniscono negli anni normali, ora il posto è povero tra la gente. Le guardie di sicurezza palestinesi sono quasi sole nel presepe.

Foto: Jaafar Shtayyeh/AFP

Molto strano, dice l’olandese Christel Alyan all’agenzia di stampa francese.

Vive a Gerusalemme con il marito palestinese, ma la vigilia di Natale ha in programma di fare un viaggio a Betlemme.

grande perdita

Betlemme si trova nella Cisgiordania occupata, un miglio a sud di Gerusalemme. Quindi, in pratica, sono gli israeliti che controllano il flusso nella città. Inoltre, quando le frontiere sono chiuse alle epidemie, fa fatica chi vive abitualmente a spese dei turisti.

– Prima della pandemia, le persone venivano qui da molti paesi diversi per festeggiare il Natale, ma ora penso che quelli qui non siano turisti, afferma Christel Alayan.

L’assenza di turisti è stata particolarmente evidente lo scorso anno, quando la celebrazione del Natale è stata completamente annullata. Quest’anno la città è un po’ più vivace, ma finora è solo un riflesso dei festeggiamenti degli anni precedenti.

– Se fosse solo per un anno, sarebbe una contraddizione interessante. Ma non sappiamo cosa ci riserverà il futuro, ed è una perdita enorme per le persone qui.

Negozi chiusi intorno a Piazza della Mangiatoia a Betlemme

Molti negozianti si sono arresi e hanno chiuso i battenti prima delle vacanze di Natale.

Foto: Abbas Momani/AFP

Grazie per il vaccino

Le vacanze di Natale sono il giorno più importante dell’anno a Betlemme. Il direttore del turismo della città Rola Maaya ringrazia Vaccines per aver portato le persone in città quest’anno.

In un anno medio, circa 3 milioni di turisti vengono a Betlemme. Durante le vacanze di Natale, solitamente, negli hotel della città vengono circa 10.000 ospiti. Circa la metà sono stranieri.

Quest’anno, la città ha cercato di attirare visitatori da aree più vicine. Tuttavia, circa un quarto delle camere d’albergo è vuoto, secondo Elias Arjah, capo dell’Associazione degli hotel palestinesi.

Davanti alla Chiesa della Natività sono stati eretti posti di blocco e sono apparse le forze dell’ordine. La paura di attacchi terroristici è grande. Sono ammessi solo piccoli gruppi.

Una guardia giurata palestinese all'ingresso della Chiesa della Natività a Betlemme

Una guardia giurata palestinese vigila all’ingresso del presepe.

Foto: Jaafar Shtayyeh/AFP

Nella cripta sotto la Chiesa della Natività si è radunato un piccolo gruppo di pellegrini.

Le prove ci dicono cosa sarebbe dovuto accadere più di 2000 anni fa.

Fødselskyrkja è una delle chiese più antiche del mondo ancora in uso. Fu costruito nel IV secolo su una grotta che è stata indicata come il luogo di nascita di Gesù. Fin dall’antichità, la grotta sarebbe stata utile come stalla per animali domestici.

Pellegrini cristiani alla Chiesa della Natività a Betlemme la vigilia di Natale 2021

Pellegrini cristiani in una cripta sotto la chiesa della Natività a Betlemme alla vigilia di Natale.

Foto: Abbas Momani/AFP

– È completamente irreversibile, afferma l’americano Hudson Harder. Il 21enne dell’Oklahoma studia all’Università Ebraica di Gerusalemme.

Dice che mentre è bello avere così tanto spazio, è triste avere tutti i piccoli negozi chiusi e pensare a quanti soldi stanno perdendo.

Si radunarono intorno al patriarca

L’unica folla alla vigilia di Natale si è verificata quando il Patriarca cattolico romano di Gerusalemme è apparso in piazza nel pomeriggio. Ben presto fu circondato da seguaci.

Pierbattista Pizzaballa, Patriarca cattolico di Gerusalemme, visita Betlemme il 24 dicembre 2021

Pierbattista Pizzaballa, Patriarca cattolico romano di Gerusalemme, visita Betlemme la vigilia di Natale.

Foto: Musa Naw Qawasma/Reuters

Il momento clou della celebrazione del Natale della città è la tradizionale messa di mezzanotte, che il patriarca celebra nella chiesa principale.

Molti sono dovuti venire a vedere gli Scout palestinesi esibirsi sul campo. È anche una tradizione duratura e segnano la scena sonora con i loro tamburi.

Scout palestinesi a Betlemme alla vigilia di Natale 2021

Gli scout palestinesi hanno organizzato una tradizionale parata della vigilia di Natale.

Foto: Abbas Momani/AFP

I clienti sono scomparsi

Molti piccoli negozi della città si sono arresi e hanno chiuso venerdì.

In un negozio intorno a Krybbetorget, Victor Epiphane Tabash vende figure scolpite negli ulivi da Papa Francesco e Gesù Bambino in una mangiatoia.

Un artigiano palestinese scolpisce una statua di Gesù a Betlemme

La vendita di tali souvenir è un’importante fonte di reddito per molti artigiani e negozianti palestinesi.

Foto: Hazem Bader/AFP

Quest’anno è il 57esimo anno in cui è dietro il bancone. Perché è un Natale triste.

– Non c’è niente da dire sul Natale. L’unica cosa che dà un senso di vita, dice, sono gli scout, che passano suonando canzoni tradizionali di Natale su trombe, tamburi e cornamuse.

Tabash ha mantenuto in vita le sue operazioni durante la pandemia grazie alle esportazioni.

– Nessun cliente viene qui. Siamo riusciti a superare la rivolta mentre stavamo combattendo. Ma il coronavirus è peggio, dice all’AFP.

Guarda una foto di festeggiare il Natale in tutto il mondo

READ  Nuove regole di ingresso dal governo: si applicano da lunedì 19 luglio - NRK Norvegia - Panoramica delle notizie da tutto il paese