Cos’è l’indipendenza nella scienza? Parte 5 – Ritorno a Rottingen e Hatchett

0
2
Cos’è l’indipendenza nella scienza?  Parte 5 – Ritorno a Rottingen e Hatchett

Lynn Wick. Fax da tv2.no

A Terry, Associazioni e diritto sanitario.

16 aprile 2024

Questa è la parte finale di una serie di cinque articoli. Nella parte 1 Ho fatto riferimento a un simposio organizzato dall'Accademia norvegese delle scienze (DNVA) in cui è stata cristallizzata la questione di cosa costituisca l'indipendenza nella scienza. In Parte 2 Ho seguito il PATH, cioè Parte 3 Ho contattato il Wellcome Trust e… Parte 4 Ho frequentato il CEPI. In questa sezione riassumerò le figure principali del caso, John Arne Roentgen e Richard Hatchett.

Nelle parti 2-4, spiego che PATH, Wellcome Trust e CEPI non sono organizzazioni scientifiche indipendenti, ma fanno invece parte dell’enorme industria farmaceutica e finanziaria in cui decine, se non centinaia di miliardi di dollari vengono investiti ogni anno.

L'ho dimostrato con indagini molto semplici, e se scavi più attentamente di quanto ho fatto io, il quadro diventerà più chiaro.

Ora tornerò alle due persone chiave dell'intero caso, John Arne Rottingen e Richard Hatchett.

John Arne Röttingen

(Rottingen durante un incontro a Davos al World Economic Forum nel 2017. Foto: Flickr)

Per un breve riepilogo del curriculum a Radicamento Recentemente è diventato amministratore delegato del Wellcome Trust. In precedenza è stato Ambasciatore della Salute Globale presso il Dipartimento di Stato e Consigliere Speciale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Ha studiato all’Università di Oslo, all’Università di Oxford (coinvolta nel vaccino AstraZeneca Corona) e alla Harvard Kennedy School. È stato anche una figura di spicco nella FHI. Nel 2017 è stato nominato CEO ad interim di CEPI al momento della sua fondazione. Ha anche guidato Gruppo di ricerca Ciò rende la ricerca altamente discutibile, per usare un eufemismo, troppo conclusiva per etichettare le forme di trattamento contro il Covid-19 come inefficaci, in modo che possa essere lanciato un vaccino. Sapete sicuramente che non era legalmente possibile lanciare un vaccino contro il coronavirus con l’approvazione di emergenza finché esistevano trattamenti efficaci? Dovremo tornarci ancora, ma ecco come lo descrive Wikipedia:

A partire dal 2020, Röttingen ha anche presieduto il gruppo esecutivo e il comitato direttivo internazionale della sperimentazione sulla solidarietà dell'OMS per confrontare quattro trattamenti non testati per le persone ospedalizzate con grave COVID-19.

Inoltre, è anche membro del Consiglio di amministrazione della Global Alliance for Vaccines and Immunization (GAVI), che come ho spiegato nella Parte IV è paragonabile alla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), nel senso che il vaccino lo stakeholder è colui che riceve denaro dall’industria dei vaccini. Infine, come spiegato nella Parte II, è membro del consiglio di amministrazione delle parti interessate del vaccino PATH.

READ  I fatti sono offensivi? - smp.n

Per riassumere su Røttingen: bisognerebbe cercare a lungo per trovare qualcuno meno indipendente di lui. È un pezzo grosso dell'industria farmaceutica e dei vaccini norvegese, pienamente coinvolto negli interessi dell'industria dei grandi capitali in ogni direzione.

Richard Hatchett

(Hatchett durante un incontro a Davos al World Economic Forum nel 2019. Immagine: Flickr)

Breve revisione di base Richard J. Accetta Dimostra che ha studiato come epidemiologo-oncologo alla Vanderbilt University. È stato anche impiegato dal famoso Imperial College di Londra. Forse ricordate che è stato l’Imperial College a inventare i loro modelli/“analisi” semi-falsi in cui avvertivano che le persone sarebbero morte come mosche a causa del Covid-19 se non fossero stati implementati rigidi blocchi in tutto il mondo? Inoltre, Hatchett è a capo della CEPI, stakeholder dei vaccini, da quando è subentrato a Röttingen nel 2017. Secondo Wikipedia, ha anche inventato il concetto del cosiddetto “distanziamento sociale” durante il governo Bush già nel 2005-2006! Nel 2005-2011 è stato al NIAID sotto la guida di A. Fauci, l’uomo che non ha detto una vera parola durante la pandemia di coronavirus. Hatchett è stato anche consigliere del governo degli Stati Uniti durante la pandemia di influenza suina del 2009, una pandemia che è stata a lungo uno dei più grandi scandali medici e politici che il mondo abbia mai visto, fino a quando la pandemia di coronavirus non ha mandato in frantumi quel titolo in ogni modo possibile. Inoltre, nel periodo 2011-2017, Hatchett era in testa FreddoAutorità per lo sviluppo della ricerca avanzata biomedica, e nel maggio 2020 è stato nominato membro del gruppo di esperti della Task Force sui vaccini del governo britannico.

Quindi Hatchett è proprio come Röttingen, un uomo di industrialismo e di grandi interessi finanziari, anche se ha poca strada da fare prima di essere completamente invischiato nel complesso di corruzione medico-industriale come Röttingen.

(Che ho messo in parola corruzione Questo non vuol dire che penso che tutti nel settore siano corrotti. Si intende piuttosto descrivere il fatto che l'intero complesso industriale è così infestato dai collegamenti e dall'influenza degli interessi finanziari, nonché in molti casi dalla pura corruzione, che questo termine è del tutto appropriato per l'intero settore).

Sommario e conclusione

Con indagini molto semplici ho dimostrato molto semplicemente quanto sia difficile procedere per poter affermare che Röttingen e Hatchett rappresentano una scienza indipendente.

READ  Scienza, stress e ambiente - La primavera silenziosa di Rachel Carson compie 60 anni | Centro per la teoria della scienza

Inoltre dirò qualche parola sui due fenomeni che credo caratterizzino oggi il campo dei vaccini in generale, e in misura maggiore negli ultimi anni in particolare. Vaccini corona. Nessuno dei due fenomeni è considerato scienza.

Il primo fenomeno è la straordinaria comprensione della cosiddetta ricerca sui vaccini finanziata e persino portata avanti dall’industria stessa indipendente ricerca. Questa è, a mio avviso, un'opinione incredibilmente strana, tuttavia, sembra ormai essere abbastanza diffusa tra la popolazione norvegese, e anche tra i professionisti. Quest'ultimo, credo di averlo presentato in questa recensione in cinque parti, si applica in massima misura al DNVA.

Il secondo fenomeno è un approccio quasi religioso ai vaccini come fenomeno. Il culto del vaccino era quasi nato:

(fax da tv2.no)

La foto qui sopra di una donna norvegese che non solo è disposta a farsi uccidere da un prodotto della Big Pharma, ma annuncia il tutto sulla prima pagina dei giornali e in quella che possiamo vedere come una forma di devozione a questo culto, è forse una delle gli esempi rabbiosi di una mentalità di culto religioso. Nello specifico, questo non ha necessariamente nulla a che fare con il DNVA, anche se penso che questo approccio quasi settario ai vaccini sia diventato così importante da oggi che sono propenso a sostenere che da oggi si applichi anche al maggioranza del mondo. I cosiddetti “professionisti”.

Alcuni commenti di uno dei nostri specialisti

Nei dialoghi con i protagonisti di Rete Diritto e Salute sul tema della vera conoscenza scientifica Vorrei evidenziare tre voci che sono strettamente legate all'essenza dell'argomento. Abbiamo ricevuto questi tre da qualcuno con un forte background nei campi legati alla pandemia e nella ricerca.

Il primo è che a volte sembra avere quei titoli di lavoro Scienze E Professionalità Sono appena stato licenziato. il termine “Reato accessorio” Si potrebbe anche dire che si applica in senso opposto, ad esempio “orgoglio associativo” o come in questo caso “La scienza per correlazione”. Cioè, solo perché qualcosa si chiama qualcosa (egli è chiamato Per informazione) o se la persona ha un titolo accademico o una qualifica professionale di rilievo, verrà automaticamente trattata come “scientifica”. Come in questo caso con il DNVA affermano che Røttingen è:

“…ex direttore del Consiglio norvegese delle ricerche, vicedirettore generale dell'Istituto di sanità pubblica e direttore senior del Centro di conoscenza.”

Durante tutta la pandemia, abbiamo riscontrato così tante incoerenze nelle narrazioni degli ambienti professionali che è difficile tenerne traccia tutte. Il secondo commento si riferisce a questa evidente contraddizione:

“CEPI è un'organizzazione indipendente senza scopo di lucro” Finanziato dalle autorità di vari paesi E Altri attori (enfasi mia)

La contraddizione non potrebbe essere più netta di così. La terza voce che voglio evidenziare è quella che ho commentato molto brevemente nella prima parte senza approfondire ulteriormente. Nello specifico la dichiarazione antiscientifica al DNVA sull'essere “in linea con il Comitato per il Nobel”:

“Siamo d’accordo anche con il ragionamento del Comitato per il Nobel in Medicina…”

Ciò ha portato al nostro seguente commento sulla discussione menzionata qui testualmente:

Capisco tali affermazioni da parte dei giornalisti quando ripetono a pappagallo ciò che l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha elaborato in termini di raccomandazioni, per esempio. Perché i giornalisti sanno poco o niente di questo argomento e quindi devono affidarsi in parte alle dichiarazioni dei professionisti. È quindi particolarmente importante che i dati siano equilibrati. (VVP punto 3.2. “È buona pratica giornalistica puntare all'ampiezza e alla pertinenza nella selezione delle fonti.”). Ma quando i membri dell'Accademia delle Scienze rilasciano dichiarazioni del tipo “Siamo alleati con…” Fa rumore.

Questo è un punto importante. DNVA non dovrebbe essere così “Secondo…”, Questo è chiamato Posizionamento Non ha nulla a che fare con la scienza. Si sente parlare di qualcuno che afferma una cosa, di un altro che afferma un'altra cosa e così via Lui sceglie Solo uno di questi Atteggiamenti.

READ  Dov'è finita la calda aureola norvegese?

Per dare un’ultima svolta prima della fine, la questione dell’industria che si accaparra sia la politica che quasi l’intero settore sanitario non è un fenomeno sconosciuto. Qui puoi ottenerlo dalla bocca/penna di un medico norvegese:

Infine, vorrei ringraziare ancora per la risposta complementare che abbiamo ricevuto dal DNVA, descritta nella Parte I, e saremmo grati se potessero fornire una risposta alle nostre critiche che chiamano rappresentanti scientifici/professionali indipendenti di Hatchett e Røttingen .


Articoli precedenti:

Cos’è l’indipendenza nella scienza? Parte 1

Cos’è l’indipendenza nella scienza? Parte 2 – Percorso

Cos’è l’indipendenza nella scienza? Parte 3 – Benvenuto Trust

Cos’è l’indipendenza nella scienza? Parte 4 – Coalizione per le innovazioni in materia di preparazione alle epidemie (CEPI).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here