Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Cultura e spettacolo, Kristen Hvam

Casper Andre Loej è un poeta ampiamente immaginabile, e la domanda è se vuole troppo, ha scritto il recensore Kristen Hvam.


Recensione della raccolta di poesie del poeta Kasper Andre Loej “A Place for a Walking Heart” a Tiden Norsk Forlag.

Casper Andre Loej non è un poeta che scende dalla montagna con lastre di pietra. La sua poesia ha ampio spazio di interpretazione, i suoi tentativi di stile, una sorta di brancolare per la perfezione, e la sua scelta di parole e immagini ti arriva all’improvviso, in composizioni sconosciute. Scrive un registro dei capelli su cui concentrarsi. Come recita una delle poesie della raccolta di quest’anno: “La mia presenza è impura e si aggrappa alla speranza. Non scelgo e non so”. Affascina un poeta dal grande potere allegorico, ma a volte si nasconde nell’incomprensibile.

Casper André Lugg di Manstad e altri tre artisti di Fredrikstad, il regista Ole-Hermann Gudim Lundberg e gli autori Monica Isakstuen e Selma Lønning Aarø, hanno ricevuto quest’anno una borsa di studio dallo stato. “A Place for the Continuous Heart” è la settima raccolta di poesie di Lag, che offre un totale di cinque sezioni o cicli. Tutti contengono poesie con poche strofe, prodotte in diverse stampe.

Ciclo iniziale Sono impostati in quelli che presumo siano capitoli (lettere maiuscole in altezza minuscola) con entrambi i margini dritti sinistro e destro, creando l’impressione di qualcosa di squadrato, geometrico. Le poesie di altri cicli sono scolpite più tradizionalmente, ma ciò che è comune a tutta la raccolta è che le poesie brevi senza lettere maiuscole o punteggiatura e poggiate sulla superficie di una grande carta pallida, come navi che soffrono di un naufragio in un mar bianco martoriato, si può immaginare.

READ  Len Nystrom: - Stai rivelando un nuovo flirt qui?

I capelli di Casper Andre Loej Come quotidiani incontri momentanei al crocevia tra natura e cultura, tra l’incontaminato e il cosiddetto civilizzato, tra la quiete e il rumore, l’urbano. Nella poesia di Log, il momento può essere una terra di nessuno tra passato e futuro. Qualcosa appare nella lingua, e solo lì.

Lo scrittore italiano Italo Calvino diceva che la poesia è l’arte di fare spazio al mare in un piccolo bicchiere. Pressati e volumizzati sono la base dei capelli. Lugg è notoriamente impassibile quando descrive l’incontro di un uomo con gli dei della natura.

Considero queste poesie come riflessi degli stati d’animo della mente, che si snodano nelle profondità della mente, come episodi annuali che ruotano attorno alla vita vivente. Le poesie esplorano il peso intrinseco del linguaggio e il pericolo delle parole verso ciò che è sradicato e sfrenato.

Le poesie di Log non spiegano nulla. Ma evoca sensazioni, poetici richiami di zone grigie e trincee, nostalgia e brama, ma forse prima di tutto queste insondabili meraviglie dei cicli del corpo e della ondeggiante ma fragile bellezza della natura. Nel complesso, la disparità costante nella vita. Per Lugg, la natura dovrebbe essere sia esperienza che sollievo.

Log non ha molta capacità di sciamare, e la natura nella sua poesia non struviana ha grandi immagini ispiratrici: “I campi sono pesanti come l’argento sporco”. Forse è così che The Lugg Project è un esame costante del potere del discorso lirico. Ho letto nella poesia di Log una divisione nella rappresentazione della civiltà moderna, e qui mi ricorda Rolf Jacobsen e la sua dimostrazione della dissonanza della modernità.

READ  VG Serie A deve mostrare

Ma a volte Lugg si impegna così tanto nella sua ricerca di “prelibatezze letterarie”, che alcune di queste poesie sembrano posare, anche se sono un po’ letterarie, a volte, alcuni versi sembrano semplicemente un po’ datati e artificiosi.

cento anni fa La poesia contemporanea era presuntuosa e acuta. I motivi erano spesso chiamati poesia lirica centrale e i poeti stabilivano i temi di base di “vita, morte e amore”. Quando la modernità ha capovolto tutto questo, i poeti della “vecchia guardia” sono entrati nella fistola. Ma è passato molto tempo da quando Overland e il “dibattito portavoce” sono adesso. Dalla fine degli anni ’60 fino ad oggi, i poeti hanno scritto per lo più poesie in stile moderno, e la poesia tradizionale continua con rime definitive e ritmo costante (e preferibilmente anche con un po’ di angoscia) nei testi. Non ho nulla da ridire su questo sviluppo, ma non c’è dubbio che il linguaggio della poesia nell’età della modernità non conta molto.

spero che nessuno se ne vada, Ma mi piace il linguaggio ben formato. Avrei potuto dare il mio braccio perché Eric Bayes ha scritto “E vedo il vecchio orafo, il sole del mattino, il mare che batte di nuovo in una botte”. O Bob Dylan “Per vivere al di fuori della legge devi essere onesto”. Il motivo per cui lo menziono qui è che ci sono anche formule belle e attraenti nei capelli Log.

Ad un precedente bivio, quando ho recensito “Det store svaet”, il libro di Lugg del 2017, mi sono permesso di chiedere un’ulteriore considerazione delle indagini. Non faccio lo stesso ora, perché mi rendo conto che questa mancanza di accesso è una deliberata disonestà. Ammetto che ci sono ancora sezioni reticolari molto alte nei capelli di Log. Pertanto, ho scelto di leggere “Un posto per un cuore che cammina” senza le elevate esigenze di chiarezza, senza una chiara aspettativa di comprensione, ma lasciando invece che le sottili fluttuazioni del linguaggio fluiscano attraverso la coscienza.

READ  La sorella di Britney Spears rompe il silenzio su Instagram - VG

Lo ha fatto con i profitti.