Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– L’intero gioco di filatura – E24

Il più grande fornitore di energia elettrica della Norvegia aumenta il prezzo degli accordi sull’elettricità “variabile” a più del doppio del prezzo spot. – Totalmente irragionevole, dice l’esperto di autorità.

Sembra troppo male: l’analista di energia Sigbjørn Seland è rimasto sorpreso dagli aumenti dei prezzi nei contratti energetici variabili.

Inserito: Inserito:

– Gira completamente in libertà. Qui, i clienti dovrebbero uscire il più rapidamente possibile, afferma l’analista energetico Sigbjørn Seland di Storm Geo a E24.

Mentre il prezzo spot dell’elettricità è sceso da livelli record nelle ultime settimane, i clienti con presunti contratti di elettricità variabili devono ancora prepararsi a forti aumenti dei prezzi.

Con un contratto elettrico variabile, il prezzo è deciso dal fornitore e può essere modificato in qualsiasi momento con un preavviso di 14 giorni. Il Consiglio dei consumatori ha più volte messo in guardia sul tipo di accordo, descrivendolo come «ostile ai clienti».

Nelle ultime due settimane, i giganti dell’elettricità Fjordkraft, Norgesenergi e Hafslund Strøm hanno inviato avvisi sugli aumenti dei prezzi ai loro clienti variabili.

In media, il nuovo prezzo è di 3,39 NOK per kilowattora per i clienti della Norvegia meridionale, che è più del doppio dell’attuale tariffa spot di 1,60 NOK per kilowattora.

Seland ritiene che il livello dei prezzi sembri del tutto irragionevole e osserva che il mercato futuro è quasi “in caduta libera”.

Sulla borsa dell’energia Nord Pool, i contratti energetici per la consegna a gennaio sono scesi da un livello di circa 1,90 NOK per chilowattora prima di Natale, a circa un NOK ora.

Per i clienti della Norvegia meridionale, quest’ultimo corrisponde a un prezzo di circa 2 corone per chilowattora quando l’IVA è inclusa, secondo Sealand.

Alla luce di ciò, sembra strano che i fornitori fissino i prezzi. Questi accordi, dice Sealand, sembrano pessimi.

È normale considerare la cancellazione

Il più costoso del suddetto trio è Hafslund Strøm, che ha aumentato il prezzo del prodotto “Stable” nella Norvegia meridionale da 2,79 corone a 3,74 corone per kilowattora a partire dal 7 gennaio.

Tobias Gausemel Backe, direttore delle pubbliche relazioni di Hafslund Strøm, osserva che il nuovo livello di prezzo è stato annunciato prima di Natale, quando in alcuni giorni il prezzo giornaliero dell’elettricità era di appena 5 corone nella Norvegia orientale.

“Il mercato è molto incerto e sta cambiando ora, ed è stato difficile per un lungo periodo di tempo determinare il prezzo in anticipo”, ha scritto Buck in un’e-mail all’E24.

Nota che i clienti Stabil avevano un prezzo inferiore al tasso spot a dicembre.

“Poiché lo sviluppo dei prezzi è già avvenuto negli ultimi giorni, abbasseremo nuovamente il prezzo se la situazione continuerà, come appare oggi”, ha scritto Buck.

Risposta: Tobias Josemel Back, direttore delle pubbliche relazioni di Havslund Ström.

Norgesenergi ha annunciato un aumento dei prezzi per il suo prodotto variabile “prezzo stagionale” nella Norvegia meridionale da 2,89 NOK per kilowattora a 3,69 NOK, in vigore dal 7 gennaio.

Norgesenergi e Hafslund Strøm sono entrambe di proprietà del gruppo finlandese Fortum.

“L’aumento dei prezzi dell’elettricità è orribile per i clienti dell’elettricità e questa non è affatto una situazione desiderabile. La volatilità del mercato dell’elettricità e i prezzi estremamente elevati che abbiamo visto negli ultimi mesi sono stati una sorpresa per gli analisti. È chiaro che l’attuale i modelli di previsione dei prezzi non sono stati in grado di tenere conto dello stato di nuova energia che abbiamo visto finora in autunno e in inverno”, ha scritto Gundersen in una e-mail a E24.

Gundersen e Backe sottolineano che Seland ha detto tardi la vigilia di Natale commercio di azioni Che “non è ancora certo che abbiamo visto il picco dei prezzi” e che “non c’è un tetto. Abbiamo tariffe orarie in Germania, Paesi Bassi e Regno Unito che sono molto più alte di quelle che abbiamo visto finora nel sud della Norvegia. Probabilmente possiamo evitarlo, ma nulla può essere escluso.

“La dichiarazione dimostra chiaramente quanto sia difficile prevedere l’andamento dei prezzi nel mercato energetico odierno. Nel nostro dialogo con i clienti, siamo pienamente aperti al fatto che si tratta di una situazione estrema e che è difficile determinare il prezzo di una variabile accordo”, scrive Gundersen.

Terribile per i clienti energetici: il direttore delle comunicazioni di Norgesenergi, Geir Arne Gundersen, osserva che anche gli analisti hanno perso la direzione dei prezzi.

“Sand può ovviamente avere le sue opinioni, ma questo sembra essere un commento dello scatto di oggi e non tiene conto del fatto che i prezzi seguiranno il mercato anche in futuro”, ha scritto Buck.

Secondo Gundersen, i clienti Norgesenergi con prodotti intercambiabili in autunno e inverno hanno “prezzi molto favorevoli” rispetto al prezzo spot delle regioni dei prezzi meridionali.

“Quando ora vediamo che le prospettive stanno andando in una direzione diversa e più positiva rispetto a prima del nuovo anno, è naturale considerare l’annullamento dell’aumento dei prezzi. Lo abbiamo fatto prima, l’ultima volta nel dicembre dello scorso anno”, Ha scritto Gundersen.

I prezzi del gas scendono

Sealand spiega che sono i prezzi del gas più bassi che portano prima di tutto a ridurre i prezzi futuri dell’energia.

I prezzi nel mercato europeo del gas naturale sono scesi del 60% rispetto ai massimi appena prima di Natale. Questo ha diverse ragioni, ma il clima mite e il vento sono i più importanti. Seeland afferma che ciò porterà a prezzi dell’energia più bassi in Europa e nella regione nordica.

Gundersen di Norgesenergi osserva che, sebbene il quadro dei prezzi per gennaio sia ora inferiore a quanto previsto poco tempo fa, ci sono ancora fondamentali incerti.

I prezzi del gas sono ancora alti, il grado di riempimento è inferiore al solito, inoltre, tre centrali nucleari in Germania sono state chiuse, il che contribuisce a creare ulteriore incertezza. Un periodo di freddo e meno vento potrebbe portare rapidamente a un’istantanea diversa da quella a cui Sealand si riferisce oggi”, ha scritto Gundersen.

Fjordkraft ha aumentato il prezzo del suo prodotto variabile “elettricità prevista” da 1,55 NOK per kilowattora a 1,95 NOK dal 4 gennaio per i clienti della Norvegia meridionale e fino a 2,75 NOK dal 10 gennaio.

– Gli accordi variabili tengono traccia del prezzo di mercato passo dopo passo e sono valutati in base a un quadro generale che include sia la cronologia dei prezzi che le previsioni dei prezzi, afferma il consulente per le comunicazioni Jon V. Eikeland di Fjordkraft a E24.

Il prezzo di mercato segue: Consulente per le comunicazioni Jon V. Eikeland presso Fjordkraft.

Afferma che l’aumento dei prezzi è stato fissato prima di Natale, quando c’erano possibilità di prezzi più bassi a Natale seguito da un freddo gennaio, cosa menzionata anche da E24 all’epoca.

– I prezzi sono influenzati dal vento e dalla temperatura e la situazione delle risorse in Europa è scarsa. Finché c’è vento in Europa, questo aiuterà a mettere le risorse. Durante il Natale nello spazio e nei primi giorni di gennaio, in Germania c’è vento, ma sono previsti cambiamenti durante la settimana, afferma Ekeland.

NVE: forniti migliaia di accordi di switch

Eckland ha inoltre confermato che i clienti hanno beneficiato dell’accordo rispetto al tasso spot di dicembre. Come si è concluso l’accordo rispetto al tasso spot nel tempo, però, l’azienda non ha voluto rivelarlo.

L’aumento della percentuale di clienti con contratti di elettricità variabile spiega gran parte della forte crescita degli utili di Fjordkraft negli ultimi anni, secondo Sparebank 1 Markets.

Statistiche dei prezzi NVE dal 2020 Dimostra che con un consumo annuo di 20.000 kWh puoi risparmiare più di 4.000 kr passando da un normale contratto variabile a un contratto a tariffa spot.

“Se si passa dall’operazione variabile più costosa al miglior tasso spot, il risparmio sarà molto maggiore. I numeri rivelano anche che le operazioni variabili sono peggiorate ogni anno rispetto al tasso spot negli ultimi 10 anni”, ha scritto. . Consiglio dei consumatori Ad aprile dello scorso anno.

Eikeland sottolinea che gli accordi variabili non hanno lo scopo di battere il prezzo spot, ma piuttosto di dare al cliente un maggior grado di prevedibilità, conoscendo in anticipo il prezzo dell’energia elettrica e quindi non dovendo tener conto delle differenze orarie.

Il mercato è caratterizzato da un elevato grado di incertezza. Di recente, sabato, ci aspettavamo di ottenere due cifre con un punteggio negativo la prossima settimana. Mostra enormi differenze. Ekeland afferma che lo spazio per il risultato è ampio.

Leggi anche

Fjordkraft applica prezzi diversi per l’elettricità per lo stesso tipo di contratto

Leggi anche

La forza del fiordo continua a diminuire: ecco un grafico che illustra il grande problema del gigante dell’elettricità

READ  Grandi e piccoli 3 settembre - Gara 365