Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dammi più versioni dell’ultimo lavoro orchestrale di Lasse Thoresen! • ballata n

Ultima Festival 2022: Filarmonica di Oslo, Valentin Silvestrove e Lasse Thoreson – Oslo Concert Hall 22 settembre
Direttore Peter Silvey
Ensemble 96 e il Coro Filarmonico di Oslo
Direttori Nina D. Carlson e Austin Fewang

La serata in sala da concerto inizia con la Settima Sinfonia di Valentino Silvestro È stato completato nel 2003. Silvestro, il più grande compositore e rifugiato ucraino, ha 84 anni. È un po’ ridicolo vedere quell’uomo sul palco ricevere fiori, sapendo che non dovrebbe essere qui. Sarà di casa a Kiev. Guarda questa clip dal canale YouTube del compositore. Il contrasto tra l’immagine di lui nell’appartamento e la guerra è doloroso, ed è rimasto con me per tutta l’esperienza del concerto.

La sinfonia si apre brutalmente, bruscamente e forse brutta, prima che inizi la musica, in una serie di suoni belli ed emotivi. Quindi torniamo a un’immagine più scura. È così che Silvestrove si alterna avanti e indietro.

Valentin Silvestrov ha ringraziato la band dopo l’esibizione. (Foto:)

Silvestrev ha detto che la sinfonia era in parte basata sulla sinfonia incompiuta di Schubert. Qui si sente chiaramente il linguaggio tonale di Schubert. Ma se ascolti da altre angolazioni, è interessante sentire le connessioni di Silvestro con i musicisti al di fuori della musica d’arte. La parte per pianoforte a metà dell’orchestra avrebbe potuto essere facilmente presa dagli assoli improvvisati di Keith Jarrett. È romantico come un film estivo italiano.

Allo stesso tempo, è paradossalmente intenso e scuro. La musica è così Dritto verso l’alto Mi fa godere la musica di Silvestro Onestamente. Niente è esagerato qui, nessun cliché musicale nascosto. Qui Silvestrev gioca con i codici dell’ascoltatore.

READ  Guida al pranzo con Long & Short: Null Null: il nuovo ristorante di pasta di Oslo

Vivere questa musica con Silvestro è potente, ma dove c’è oggi la guerra, sembra troppo presto per entrare in riflessione. È guerra No. C’è un retrogusto di stare seduti in una sala da concerto e di “far finta di niente” ma di “cogliere l’occasione” per godersi la musica ucraina. Mentre mi sedevo in sala era una contraddizione dentro di me, non criticare Altima, OFO o il pubblico. Ma penso che sia importante essere consapevoli dell’insoddisfazione e non rimanerne coinvolti.

Maggiori informazioni su Silvestrov in un prossimo rapporto su ballade.no.

Lasse Thoresen – ΩN: Essere

– Non posso sopportare di entrare più volte nel tunnel per finire un’opera che è stata eseguita solo una volta, ed è improbabile che venga considerata eseguita molte volte, ha detto Lasse Thoresen a Maroni Jensen in Ballad prima della premiere di ieri. di ΩN: Essere. Dice che è stato il suo ultimo grande lavoro orchestrale.

È stato difficile leggere un’intervista con qualcuno che ha dedicato la sua vita alla musica, e stavo ribollendo di frustrazione quando ho sentito il lavoro eseguito ieri all’Oslo Concert Hall.

Presto ci rendiamo conto del coro, che vediamo in lontananza, ma sentiamo dagli altoparlanti nel soffitto sopra di noi. Il cantante canta un testo senza parole scritto secondo il ritmo e l’espressione della musica. Ma in questo contesto musicale gioca su un codice dentro di noi che rimanda a qualcosa di religioso o metafisico.

L’espressione musicale che ci abbraccia è proprio alle stelle.

L’intero cinturino è attivato e brilla come un cristallo. L’immagine audio è piena di informazioni, complessa, ma semplice. Un raggio di luce focalizzato che abbraccia l’intero spettro dei colori, come se si guardasse direttamente il sole.

READ  Il muscoloso bambino di 5 anni è stato definito "il ragazzo più forte del mondo".

Il lavoro è semplicemente travolgente e sarebbe disonesto da parte mia usare un’altra parola. Qui, Thoreson ha suonato tutte le corde per dare vita all’ascoltatore e sentirlo dovrebbe essere.

Il lavoro è semplicemente travolgente

Thoreson voleva che il pubblico “… sedesse in un suono orchestrale mentre ascoltava i movimenti dell’orchestra”.

A causa della qualità del suono degli altoparlanti, ma spesso perché il volume era troppo alto, soprattutto nelle parti più pesanti del lavoro, questa idea non ha funzionato. Quello che ho sentito nella musica avrebbe dovuto avvolgerci in un calore radioso che ha finito per essere un netto disagio in cui sono diventato nervoso e mi sono messo il dito nell’orecchio in diverse occasioni.

Non è colpa di Thoreson, ma lo rende triste Edizione per me E qui sta il nucleo. Questa è solo una versione. La musica è troppo grande per bruciare dopo.

Sul lavoro di Lasse Thoresen essere Ma non c’è musica in un batter d’occhio. Il pensiero di fare da solo questo grande compito Una volta Mi sento triste. Laddove la vecchia musica di oggi è rilevante attraverso nuove interpretazioni, perché il capolavoro di Thoreson non dovrebbe essere lo stesso in Dark Night?

Sogno molte nuove trame diverse L’Essere. Altri locali, altre orchestre, altri cantanti, forse altoparlanti surround e tecnici del suono in una stanza con un pubblico al centro e un grande coro che lavora a stretto contatto con gli altri in anticipo.

In entrambe le creazioni abbiamo ottenuto oscurità, luce e molti ammiccamenti altissimi. Sia la musica ucraina che quella norvegese ci hanno mostrato stasera che l’arte non raggiunge il suo pubblico senza il quadro politico in cui è stata creata E il destino dell’ultimo lavoro orchestrale di Thoresen potrebbe non essere segnato, ma molte persone dopo questa serata nella sala da concerto di Oslo?

READ  Italo-americani e la lingua del cibo: come Kalamari è diventato Kalamara e come la Ricotta è diventata Ricotta

Leggi l’affermazione della Filarmonica di Oslo secondo cui le orchestre norvegesi suonano pochissime opere norvegesi già presentate in anteprima da altre: – Errori sulle bande norvegesi e sui compiti assegnati