sabato, Giugno 22, 2024

Diamo uno sguardo più da vicino al falso dibattito dell'industria del clima contro gli uomini di paglia – Doc

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Ci sono una serie di pagine e articoli su Internet che supereranno le critiche e lo scetticismo sul clima una volta per tutte, e convinceranno tutti i bravi cittadini a mettere da parte ogni scetticismo sul clima. Tali pagine di solito consistono in dieci punti che analizzano le obiezioni più importanti ai “negazionisti del clima” e dicono al lettore cosa è politicamente corretto, in modo che la pace familiare venga ripristinata e si fermi la diffusione di “teorie del complotto e posizioni antigovernative”. Il problema è che questi siti si riferiscono solo a quasi-argomenti come l’industria del clima Auguri stessi, non per reali obiezioni.

Il difetto più importante della politica climatica è il presupposto che se gli scienziati del clima riescono a dimostrare che la Terra si sta riscaldando, che il clima è fuori equilibrio e che Noi Sebbene siano stati accusati, hanno anche dimostrato che la costruzione di enormi quantità di turbine eoliche, pannelli solari e altre “misure climatiche” ridurrebbe le emissioni di anidride carbonica e che ciò fermerebbe i futuri cambiamenti climatici. Questo non ha nulla a che fare con la scienza. Stai confondendo il problema con le misure. Solo perché a qualcuno è stato diagnosticato un cancro non significa che abbia dimostrato l’efficacia di un particolare farmaco antitumorale. Non è così che funziona la scienza. Diamo quindi uno sguardo più da vicino alle false argomentazioni dell’industria del clima contro gli uomini di paglia:

L’industria del clima sfrutta la mancanza di comprensione scientifica da parte delle persone

Il problema climatico e l’azione per il clima sono due fenomeni completamente separati, che richiedono prove completamente separate, e non esiste alcuna prova scientifica che la “transizione verde” e la “transizione energetica” possano o avranno successo. Inoltre, non vi è alcuna prova scientifica dietro l’affermazione che queste “misure climatiche” “domeranno” il riscaldamento globale o gestiranno il cambiamento climatico a nostro piacimento. Mancano completamente prove che suggeriscano che questa spesa creerà un clima migliore in futuro. Allora ti affidi all’”empirismo futurista”, che è un brutto scherzo negli ambienti scientifici.

Proprio perché l’industria del clima non ha alcuna scienza dietro le misure climatiche o il clima futuro, è stato sfacciatamente affermato che la ricerca sul clima che dimostra che il clima si sta riscaldando dimostra anche che le misure climatiche funzionano. È un circuito completo. Qualsiasi verifica dei fatti rivelerebbe che si tratta di una frode nella ricerca, ma finora né il mondo accademico né i media hanno voluto occuparsi di questo ritardo.

Lo scioglimento dei ghiacci in Groenlandia (che avviene ogni estate) lo dimostra NO Le turbine eoliche risolvono il problema. Capire? Questa è un’affermazione completamente infondata e un completo abuso della scienza. Eppure è proprio questo falso presupposto che sta alla base dell’enorme e costoso cambiamento che conosciamo come “transizione verde”, che è anche inquietantemente redditizio per un partenariato pubblico-privato che è esploso con i soldi dei contribuenti.

Abusare della scienza per salvare il pianeta

Questo ci porta al “dibattito affine” condotto dagli attivisti climatici – quasi sempre contro uomini non autentici, piuttosto che contro critici reali e informati. La ragione di ciò è che gli attivisti climatici non hanno argomenti contro le vere critiche, quindi non hanno altra scelta che imbrogliare in questo modo. Ecco dieci “argomentazioni” tipiche degli attivisti climatici – e dieci risposte con critiche reali a cui non risponderanno.

READ  Il nuovo ministro dello Spazio norvegese partecipa a un incontro con l'Agenzia spaziale europea e l'Unione europea

Argomento del desiderio 1: Ci sono sempre state tempeste: Non è questo il punto di noi critici. Il punto è che gli scienziati del clima viaggiano per il mondo descrivendo ogni tempesta, incendio, incidente o problema come “prova” della crisi climatica – e questo si trasforma in una sorta di guerra nei media filogovernativi. Ma questo non prova nulla, perché il tempo non è clima – almeno questo è quello che hanno detto gli stessi climatologi – finché non si sono verificati reali cambiamenti climatici. Poi il tempo è diventato clima. Tuttavia, ciò non prova che la “transizione verde” funzionerà o che creerà meno tempeste in futuro, purché paghiamo abbastanza tasse sul clima e mangiamo insetti.

Argomento del desiderio 2: Gli esseri umani non hanno colpa: Non è questo il punto di noi critici. Il punto importante qui è che la politica climatica si basa sul fatto che piccoli cambiamenti nel contenuto di anidride carbonica dell’atmosfera controllano e prevalgono sul clima dell’intero mondo. Qui gli scienziati del clima ricorrono a espressioni come “miliardi di tonnellate” e a calcoli percentuali, dimostrando che noi esseri umani abbiamo aumentato il contenuto di anidride carbonica nell’atmosfera di quasi il 100%, e che non è mai stato così alto. Ma in realtà lo fanno camuffare Di quanta poca anidride carbonica stiamo parlando: il contenuto di anidride carbonica è aumentato da due a quattro decilitri per metro cubo d'aria. La politica climatica si basa sulla rimozione di un decilitro, poi il clima smetterà di fluttuare e la catastrofe sarà evitata. Non esiste alcuna prova scientifica per una cosa del genere.

Argomento del desiderio 3: 1.000 anni fa era più caldo: Non è questo il punto di noi critici. La conclusione è che il clima è in continua evoluzione e non può essere calcolato, previsto, previsto, corretto o controllato in alcun modo. Non abbiamo alcun controllo sul clima del pianeta e non lo avremo mai. qualunque cosa Fantascienza Senza un briciolo di esempi, empirici o probabilistici.

Argomentazione del Desiderio 4: Il ghiaccio polare sta tornando: Non è questo il punto di noi critici. Il punto qui è che gli scienziati del clima hanno deciso che il ghiaccio avrebbe dovuto scomparire e che l’orso polare avrebbe dovuto estinguersi, il che è chiaramente sbagliato. Ma invece di ammettere che le previsioni basate su modelli computerizzati non sono provate dalla scienza e sono sistematicamente errate da più di 50 anni, l’industria del clima continua a produrre le stesse previsioni fallite sul futuro, come se fossero fatti indiscutibili che nessuno ha mai sentito parlare. .

READ  Unisciti all'Olavsfest! La Chiesa Norvegese

Argomento del desiderio 5: il 97% dei ricercatori non è d'accordo con: Non è questo il punto di noi critici. Il punto è che la scienza non ha nulla a che fare con il consenso. Usare argomenti su cui “gli scienziati sono d'accordo” rivela solo una totale mancanza di comprensione e rispetto per la scienza, sfruttando al tempo stesso la scarsa conoscenza scientifica delle persone. È fraudolento. A ciò si aggiunge il fatto che centinaia di scienziati seri nel campo dell’atmosfera e del clima non sono d’accordo con le teorie sul clima. Inoltre, nessun vero scienziato crede che la prova del riscaldamento globale dimostri che le turbine eoliche fermeranno il riscaldamento globale. E' fuorigioco.

Argomentazione del desiderio 6: La scienza del clima è religione: Non è questo il punto di noi critici. Il punto è che l’industria del clima, che trae grandi benefici dal denaro degli altri, utilizza sistematicamente e persistentemente la propaganda intimidatoria in modo da poter continuare a essere il partito del denaro. Gran parte di questa propaganda ha chiari tratti religiosi sotto forma di peccato contro natura, penitenza, rinuncia al petrolio e sottomissione alle prove, perché allora emergerà un mondo nuovo e migliore. La climatologia non è scientifica. I profittatori del clima sfruttano la dottrina religiosa per ottenere ciò che vogliono, e la prova appare ogni giorno sui giornali: “Aspettatevi inondazioni, caos, caldo, morte e giudizio in futuro!” I critici climatici che non credono nella ricerca sulla sfera di cristallo sono stupidi, pericolosi e distruttivi per il futuro dei bambini. Se non si capisce che questo è un messaggio religioso, allora manca un senso critico maturo.

Argomentazione del desiderio 7: Non possono prevedere il tempo di domani, quindi come possono prevedere il clima futuro: Non è questo il punto di noi critici. Il punto è che il tempo e il clima sono fenomeni caotici e non lineari, il che significa che tutte le previsioni meteorologiche sono associate a un’incertezza crescente quanto più si prevedono cambiamenti a lungo termine. Tutti i meteorologi sono d'accordo su questo, ma le previsioni climatiche vengono presentate come del tutto certe e corrette. E non solo: la politica climatica si basa sul fatto che il clima può essere previsto con assoluta certezza fino al 2100 – nonostante cinquant’anni di allarmi falliti, il che è, ovviamente, una sciocchezza non scientifica.

Argomentazione del desiderio 8: le celle solari non copriranno la domanda di energia. Non è questo il punto di noi critici. Il punto è che l’industria del clima non ha mai fornito alcuna stima dei costi totali che possa giustificare la sua fiducia nelle turbine eoliche e nei pannelli solari come fonte di energia, con batterie, idrogeno e ammoniaca come fonte di riserva in futuro, e anche attraverso il rinnovamento nel futuro. prossimi 100 anni. . I conti non tornano, sono solo affermazioni. Inoltre, non hanno mai presentato alcun piano sulla provenienza delle materie prime, su come verranno riciclate o su cosa abbia a che fare questo massiccio utilizzo di risorse con le “rinnovabili”. Perché è tutto frutto dell'immaginazione basato sulla matematica di Topolino e sull'economia magica.

READ  - Dopo la guerra di aggressione, abbiamo apportato modifiche per aumentare la consapevolezza

9: La Cina sta costruendo centrali elettriche a carbone, quindi le nostre misure climatiche sono inutili. Non è questo il punto di noi critici. Il punto è che se hai intenzione di costruire molto rapidamente una società senza combustibili fossili, basata sullo “zero netto” e sull’energia “rinnovabile”, per “salvare il pianeta”, allora dovresti farlo. Innanzitutto La prova che funziona davvero è stata fornita attraverso esperimenti oggettivi su piccola scala nel corso di diversi anni. Quindi devi costruire questo sistema in un piccolo paese o su un'isola e fornire risultati che mostrino i requisiti di risorse, l'impatto, le inefficienze, il ciclo di vita, nonché i costi di riciclaggio, le nuove costruzioni e i prezzi dell'energia per diversi anni, in modo da avere una conclusione . Ma gli attivisti climatici non possono farlo, perché esperimenti di “transizione verde” su piccola scala non sono mai stati fatti. Invece, tutto deve essere costruito su larga scala in tutta Europa contemporaneamente, con enormi profitti per il settore privato. È pazzesco.

Affermano di avere tutti i fatti dalla loro parte, ma non osano ancora affrontare i loro critici nel dibattito

Se gli attivisti, gli scienziati e i politici dell’industria del clima hanno tutte le prove, tutte le ricerche, tutti i fatti, tutta la scienza, tutto l’empirismo dalla loro parte, come affermano… perché non osano affrontare pubblicamente i veri critici? ? discussione? dov'è il problema? Perché limitarsi a uomini di paglia in questo modo? Perché NRK dovrebbe vietare un vero dibattito sul clima attraverso il “ground zero” a partire dal 2019? Perché quasi tutti i media rifiutano di accettare i post dei lettori critici nei confronti del clima, anche quando provengono da ricercatori rispettabili? Perché gli attivisti climatici non frequentano mai le lezioni e non avanzano controargomentazioni?

Bene, perché gli attivisti climatici e l’industria climatica hanno torto e non vogliono che la gente scopra la frode.

Quando hai chiaramente ragione, non hai mai paura di affrontare i critici sbagliati. Allora non hai bisogno di proteggerti dai critici. Se hai davvero tutti gli argomenti e la scienza dalla tua parte, sei l'opposto desiderio Per affrontare i critici in pubblico ed esporli come stupidi pagliacci cospiratori tramite un microfono dal vivo. Ma il gruppo climatico non osa.

Perché no? Perché hanno torto. Perché questa debolezza dimostra che non hanno alcuna possibilità contro la vera critica. La “transizione verde” è nella migliore delle ipotesi autoinganno e isteria di massa, e nella peggiore delle ipotesi una truffa corrotta basata sulla bolla economica. E i loro beneficiari hanno un numero enorme di utili idioti che lavorano per loro. Non ultimi i politici.

Lui compra “Uno shock energetico atteso»!

More articles

Latest article