Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dio o la scienza?  Sì, per favore, entrambi!

Dio o la scienza? Sì, per favore, entrambi!

Hai mai studiato dentro le tue dita? Le linee e i motivi sottili e strani sulle nostre dita si vedono meglio attraverso una lente d'ingrandimento. E pensa; La scienza naturale dimostra che nessuno sulla terra ha la stessa impronta digitale, nemmeno i gemelli identici. Ogni persona – anche in questo modo – è unica e irripetibile.

Isaac Newton, considerato uno dei più grandi scienziati e matematici di tutti i tempi, era infatti affascinato anche dalla vista delle sue dita, e si espresse così: “Se non ci fossero state altre prove, il solo pollice mi avrebbe convinto. ” Dell’esistenza di Dio”.

Nessuna contraddizione

Con Isaac Newton non c'era contraddizione tra la scienza e l'esistenza di Dio. Al contrario, pensava fosse chiaro che questo mondo, con questa meravigliosa diversità di forme e movimenti, non poteva derivare da altro che dall'universo. La perfetta e libera volontà di Dio, che provvede a governare tutte le cose. Da questa fonte scaturirono le leggi che chiamiamo leggi naturali. Per i naturalisti e i filosofi del XVII secolo era chiaro che non aveva senso parlare di leggi naturali senza un legislatore.

Cerca la verità

Georges Lemaître, fisico e astronomo belga morto nel 1968, fu il primo a scoprire che l’intero universo era in espansione e che doveva quindi aver avuto inizio da qualcosa, che in seguito venne chiamato “Big Bang”.

Lemaitre crede inoltre che la ricerca della verità sia la forma più alta di attività umana e che la ricerca della verità sia qualcosa di unico nell'essere umano. Per Lemaitre c'erano due fonti di verità: 1. la verità scientifica attraverso la natura, e 2. Dichiarare la verità nella Bibbia.

La scienza non spiega tutto

La pietra angolare di tutta la scienza è che tutto ha una causa, ma come tutta la materia e tutta la materia nel vasto universo possano aver avuto origine – nel “Big Bang” – dal nulla – la scienza non è stata in grado di spiegare. Né la scienza è stata in grado di spiegare esattamente come la vita stessa sia nata dalla materia senza vita.

READ  Tottenham, Antonio Conte | Conte chiede tempo dopo il caos difensivo:

Coscienza umana

La scienza non può dire quale sia l'origine della coscienza umana, senza fare semplicemente riferimento agli impulsi elettrici tra diverse aree del cervello. Che il Creatore, causa prima di tutto ciò che viene creato, sia la coscienza, dovrebbe potercelo dare un indizio. Molti eminenti studiosi suggeriscono che la coscienza esiste perché Dio è coscienza.

Una delle caratteristiche fondamentali della coscienza umana è il bisogno di essere amati. I bambini corrono effettivamente il rischio di lesioni permanentiUno Dal perdere le cure amorevoli durante la crescita. L'amore, nel senso di amare ed essere amati, è assolutamente essenziale per noi.

Senso dell'umorismo e coscienza

L’umorismo è un’altra caratteristica unica di noi umani. Abbiamo tutti sperimentato come un bambino sicuro e adorabile possa scoppiare in una risata gioiosa e contagiosa. Il senso dell’umorismo è una risorsa umana inestimabile e una qualità meravigliosa per tutte le età e fasi della nostra vita.

Che la nostra coscienza sia dotata anche di coscienza è indiscutibile, ed è importante per le nostre valutazioni morali.

Paura e desiderio di perfezione

Un'altra cosa essenziale nella coscienza umana è la capacità di provare stupore. Quando contempliamo l'indescrivibile, nella natura e nel cielo intorno a noi, spesso nasce un sentimento di riverenza e di confronto con qualcosa di potente. Siamo in soggezione.

Inoltre, sperimentare le più belle opere d’arte create dall’uomo – siano esse architettura, arti visive, musica, danza, teatro o poesia – può anche aiutare a suscitare una sorta di riverenza o stupore e darci un senso di desiderio e desiderio per qualcosa di perfetto. Molti sottolineano che in questo modo Dio ha posto in noi la nostalgia di Se stesso.

READ  - Irreale con ferrovia urbana in galleria

La giustizia sarà pienamente raggiunta?

Riguardo alla perfezione, Gesù dice ai suoi discepoli: “Amate i vostri nemici e pregate per coloro che vi perseguitano. Siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro (…) perché fa sorgere il suo sole sui cattivi e sui buoni e manda pioggia sui giusti e sugli ingiusti”.

Il male e l’ingiustizia caratterizzano gran parte del nostro mondo, provocando sofferenze umane inimmaginabili. La giustizia sarà mai “pienamente servita”? Nella nostra coscienza, il desiderio di giustizia è una caratteristica prominente. Nel Discorso della Montagna Gesù dice: “Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati”.

La vita sulla Terra è una fase iniziale

La vita sulla terra viene descritta nella Bibbia come una sorta di preesistenza in cielo: proprio come l'uccellino dentro l'uovo è dotato sia di occhi che di ali, ma non può ancora usarli prima che l'uovo si schiuda, così lo siamo anche noi esseri umani. Hanno un'incredibile quantità di capacità e potenzialità non realizzate, alle quali solo la continuazione della vita – nel Regno di Dio – dà tutto il significato.

Un criminale è stato inchiodato a morte per i crimini commessi. Ma accanto a lui pendeva Gesù, il Figlio di Dio, che fu innocentemente punito a favore dell'umanità. Quando il criminale si rivolse a Gesù con questa preghiera: “Ricordati di me quando entrerai nel tuo regno”, fu accolto dalla grazia e dall’amore di Gesù, che diede al criminale questa risposta: “Davvero, oggi mi unirai a me in Paradiso!”

La scienza non può rispondere a tutto

La scienza ha fatto molta strada ed esplora costantemente nuove aree del mondo che ci circonda. Possiamo esserne felici e goderne i frutti in innumerevoli ambiti della vita. Tuttavia, come ho accennato prima, è impossibile per la scienza fornire risposte a tutto.

READ  Abbiamo bisogno di nuovi studenti di conoscenze infermieristiche

La Bibbia dice nel profeta Isaia: “O Dio, tu sei il Dio che ti copre”. Ma si dice anche (in Romani) che ciò che si può conoscere di Dio è apertamente davanti a noi: “Dio stesso si è fatto conoscere. Il suo essere invisibile, la sua eterna potenza e divinità, sono stati visti e conosciuti dalle sue opere fin dai tempi creazione del mondo”.

Dio non obbliga nessuno

Ma Dio non obbliga nessuno a credere. Allora saremmo come i pezzi di un gioco per computer, pre-programmati per fare “la cosa giusta”.

Noi esseri umani siamo molto più di questo. Come accennato in precedenza, con le nostre impronte digitali siamo individui unici e unici, e siamo personalità dotate di coscienza, stupore, umorismo, desiderio di amore – preferibilmente anche desiderio di giustizia e perfezione – e non ultima la capacità di creare le nostre impronte digitali. , scelte importanti…

Quale scelta migliore di quanto affermato in Romani 12:1? “Offrire il corpo come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio”.

Sven Malo, Risa