Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Discussione, Religione | spazio di vulnerabilità

opinioni Questo è l’argomento della discussione. La pubblicazione esprime il punto di vista dell’autore.

Ci stiamo avvicinando velocemente al Natale. Il momento in cui celebriamo che Dio si è fatto uomo. Il tempo in cui Dio divenne come noi e rinunciò al suo regno. Tutti abbiamo ascoltato il Vangelo di Natale, con l’imperatore Augusto e il suo comando di censire il mondo intero, e come Giuseppe e Maria si avviarono verso Betlemme e Maria che diede alla luce il suo primogenito in una stalla. E lì, in una stalla di Betlemme, Dio stesso si è fatto uomo. a un bambino. avvolto e messo in due paia di mani stanche. In questa stalla, Dio si è reso completamente dipendente da due persone. Due persone con i loro difetti e mancanze che ritroviamo in ognuno di noi. Se è proprio vero che Dio stesso è diventato un essere umano, e non solo un essere umano, ma un bambino, allora è radicale. Radicalmente debole.

Seguimi un po’ più in basso lungo le righe della Bibbia alla ricerca della vulnerabilità. In Luca capitolo 9, Gesù parla di seguirlo. Nel versetto 23 possiamo vedere che sta dicendo “Se qualcuno mi segue…”. Seguire Gesù allora, come oggi, era una scelta che le persone facevano di loro spontanea volontà. Gesù ne era pienamente consapevole, e quindi non ha detto: “Quando qualcuno vuole seguirmi”. Gesù sapeva che se qualcuno voleva seguirlo, doveva esistere anche la possibilità di scegliere di non seguirlo. “Se qualcuno vuole seguirmi…”.

Dove c’è vera accettazione e amore, c’è anche la possibilità del rifiuto. È solo quando la possibilità di poter dire di no diventa realtà. Essere in questo spazio è debole. Per la maggior parte di noi, questo è un posto stimolante e potenzialmente doloroso. Molti di noi costruiscono muri per proteggersi da un potenziale rifiuto. Eventuali brutte esperienze in cui la fiducia viene infranta giacciono come pesanti nuvole sulla vita. Nel peggiore dei casi, rischiamo di alienare le persone con cui siamo felici, per paura del rifiuto e dell’abbandono. Non sai che la profezia spesso finisce, purtroppo, con l’autorealizzazione, e che in misura maggiore finisci per sentirti non amato e solo. Forse non si era disposti ad entrare nello spazio in cui esiste la possibilità di una vera accettazione. La paura di affrontare il rifiuto è diventata un grosso ostacolo da superare. Essere vulnerabili è essere coraggiosi, proprio perché stai rischiando qualcosa. Il famoso professor Bren Brown, che ha studiato la vulnerabilità per più di due decenni, afferma, tra le altre cose, “la vulnerabilità ci fa vedere noi stessi”. La debolezza richiede qualcosa da noi. Ci richiede di far entrare gli altri oltre le nostre mura. In questo modo, possiamo essere visti e incontrati nel profondo dell’essere umani. Tuttavia, richiede un’azione efficace da parte di ciascuno. “La vulnerabilità è permettere a noi stessi di essere visti.” ti ho permesso di vedermi. Mi richiede di scegliere di farti entrare.

READ  Nonostante tre giorni e undici tentativi - la Camera dei Rappresentanti è ancora senza leader - chiude

Mi chiedo se la vulnerabilità non inizi in noi stessi. Per prima cosa osare essere nudi e onesti con noi stessi. Quando osiamo porci domande, può essere difficile chiedere e difficile ascoltare le risposte. Consentire alle persone di fare qualcosa che non sai nemmeno cosa sia o in cosa consiste ti sembrerà più intimidatorio che invitare qualcuno a fare qualcosa che conosci tu stesso, sia quando si tratta dei tuoi punti di forza che di quelli deboli. Potrebbe essere che abbiamo paura di ciò che vogliamo trovare dentro di noi, rendendo difficile per noi far entrare gli altri per vedere chi siamo veramente?

“Non puoi fare nulla con un’altra persona senza tenere in mano qualcosa della sua vita”, ha scritto il filosofo danese Knud Logstrup nel suo libro The Moral Challenge. Siamo stati creati per vivere in società. nella vicina comunità. Siamo stati creati per essere amati, per vedere e incontrare nel profondo dell’essere umano. Quando Dio stesso sceglie di venire sulla Terra da bambino, mettendo letteralmente la Sua vita nelle mani di due persone, mi sfida. Mi sfida perché guardare la storia, con i miei occhi umani, indica che l’esperienza di Dio è che non ci si può fidare dell’uomo. Adamo ed Eva mangiarono dall’albero proibito, l’unico albero che non potevano toccare nel Giardino dell’Eden. Tuttavia, nonostante ciò, Dio sceglie di nuovo di mostrarsi debole. Avrebbe potuto sfuggire a un piano a prova di proiettile, ma ha scelto di rimanere nello spazio di vulnerabilità in cui esistono accettazione e rifiuto. Questo mi sfida ad osare di essere vulnerabile. Vulnerabile nell’incontrare me stesso e gli altri, in modo da poter costruire ancora una volta relazioni vere e strette dove ti senti amato, visto e incontrato.

READ  Il sostegno degli Emirati Arabi Uniti per il recupero delle Florida Keys devastate dall'uragano dà speranza per la distruzione

È terrificante, ma bellissimo. È debole ma audace. Ma mi mostra solo che se vogliamo vivere una vita reale, è lì che dobbiamo vivere. Questo è quando viviamo davvero.