venerdì, Giugno 21, 2024

Discussione: Uno psicologo a bassa soglia, non solo un prete

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "
Malati di cancro: – Dovrebbero esserci servizi religiosi facilmente accessibili per coloro che li desiderano, ma il servizio di conversazione iniziale dovrebbe essere basato sulla scienza, come il resto dell’ospedale, scrive lo storico.

Perché è il prete ad avere la porta aperta negli ospedali e non anche lo psichiatra?

iconaQuesta è la cronaca. I fatti esprimono la posizione di chi scrive. Puoi inviare registri e post di discussione a [email protected].

Elena Kelly Martensen, Malato di cancro e scrittore

La prima volta che ci ho pensato, stavo camminando lungo il corridoio dell’ospedale Rikshospitalet dopo aver completato l’intervento chirurgico con una diagnosi di cancro su un pezzo di carta in tasca e la mia testa era piena di pensieri difficili.

Il prete aveva il suo studio, ben visibile dall’atrio in cui entrai, e aveva la porta aperta. Posso immaginare di sedermi su una sedia in quel momento e di parlare con una persona esperta, ma non con un prete. Uno psicologo può essere utile.

Perché non abbiamo uno psichiatra in ospedale con la porta aperta come un prete?

Lo stesso Ospedale Universitario di Oslo scrive riguardo al suo servizio di culto:

“Nel trattamento olistico e di qualità, l’UAC si preoccupa di incontrare la persona nella sua interezza. I cappellani ospedalieri ascoltano altri esseri umani e professionisti che hanno il dovere di riservatezza e che possono aiutare a risolvere i molti pensieri e sentimenti e contribuire alla sicurezza in una vita che cambia e/o situazione minacciosa.

Ma nel trattamento complessivo del paziente in ospedale, credo che lo psichiatra, e non il prete, dovrebbe essere il sintomo principale del sistema sanitario generale di consulenza, così come nella parte fisica dell’ospedale.

READ  Premio per la pace: il cliente deve pagare, non il Parlamento
Autore della cronaca: Ellen Kelly Martinsen.

I leader religiosi non possono essere i migliori esperti dei processi mentali che spesso insorgono nella persona malata. Né il semplice servizio di un ospedale dovrebbe essere a favore dei religiosi, anche se auguro loro il meglio.

Dovrebbero esserci servizi religiosi facilmente accessibili per coloro che li desiderano. Ma anche se ho avuto buone conversazioni con i sacerdoti riguardo agli affari della Chiesa, non desidero rivolgermi ai sacerdoti quando sono malato o ai miei parenti.

Come il resto dell’ospedale, il servizio di consultazione iniziale deve basarsi sulla scienza.

Oppure l’Università degli Stati Uniti non è davvero interessata a incontrare la persona nella sua interezza, come scrivono, separando la mente dal corpo, e offrendola con la stessa facilità al prete, per il quale sospetto che la Chiesa di Norvegia paghi?

Anche se il sacerdote non porta necessariamente nella conversazione la sua visione della vita, come paziente non posso esserne sicuro. Al sacerdote viene affidato il compito di parlare con i pazienti dell’ospedale e di “contribuire a dare sicurezza in situazioni di pericolo di vita” perché il sacerdote crede in Dio.

Per alcuni pazienti tutto ciò che ha a che fare con il sacerdote e con Dio è un misto di conflitto e dubbio, e se non c’è il desiderio immediato di parlare con il sacerdote in particolare, forse non dovremmo confondere queste componenti con la malattia e la paura in ospedale. .

Vista dell’ospedale: – Nel seminterrato del Radiumhospitalet, continuo a camminare davanti alla chiesa. All’inizio The Always Open Door mi ha fatto rabbrividire, scrive Elaine Kelly Martinsen.

Ho lavorato al Radiumhospitalet, Rikshospitalet, Ullevål e Lovisenberg negli ultimi 11 anni dopo la prima comparsa del cancro.

READ  Molti genitori vogliono ridurre l'uso dello schermo nelle scuole elementari

Lovisenberg è un ospedale religioso e un ospedale locale per alcune zone di Oslo, tra cui Grünerløkka, dove vivo. Lì, un prete cammina per le sale e ti invita a un servizio di 30 minuti. Sopra la porta di uno degli ingressi principali c’è scritto “Gesù è la via, la verità e la vita”.

Anche nel Radiumhospitalet c’è una freccia e un segno per il prete, non per uno psichiatra, se sei in crisi e vuoi parlare con qualcuno. Mentre vado ai controlli dal mio oncologo nel seminterrato del Radiumhospitalet, continuo a passare davanti alla chiesa. All’inizio la porta sempre aperta mi faceva rabbrividire.

E ho immaginato che l’architetto pensasse che la porta invita alla calma e alla contemplazione. Forse anche conforto, o speranza. Per me la porta aperta della chiesa era solo un promemoria per non immaginare nulla.

Certo, il tuo corpo potrebbe stare bene, ma non dovresti esserne così sicuro. E prima di quanto potresti sperare, in quella stanza potrebbe esserci il tuo corpo.

Ma le uniche persone che ho visto usare la stanza erano due addetti alle pulizie che stavano facendo una pausa con i loro cellulari.

pubblicato:

More articles

Latest article