Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Divieto imposto alle risate in Corea del Nord

Il 17 dicembre sono trascorsi dieci anni dalla morte dell’ex leader nordcoreano Kim Jong Il.

Nella nazione chiusa si celebrano undici giorni di lutto nazionale.

Il figlio di Jong Il e l’attuale leader del Paese, Kim Jong Un, a questo proposito hanno introdotto regole molto rigide su come dovrebbe essere condotta la celebrazione. Tra l’altro, i nordcoreani non possono bere alcolici per undici giorni.

Inoltre, c’è il divieto di ridere e di esprimere qualsiasi tipo di gioia, secondo Guardiano.

Le immagini della capitale, Pyongyang, mostrano segni come il leader e migliaia di nordcoreani onorano in silenzio l’ex leader.

Lutto: i nordcoreani chinano il capo davanti a una statua dell’attuale leader Kim Jong Un. Foto: STR

controllo assoluto

L’onorificenza dell’ex leader segna il decimo anniversario dell’ascesa al potere di Kim Jong Un in Corea del Nord.

Jung Eun ora ha 37 anni. Quando ha preso il potere, non era sicuro che avrebbe ricoperto le stesse posizioni indiscutibili di suo padre e suo nonno.

Prevalse la speculazione che ci sarebbe stata una ribellione, colpi di stato o l’introduzione di una leadership collettiva.

Ma dieci anni dopo, la terza generazione di Kim ha confutato gli scettici e la dinastia familiare è ancora viva. Kim mantenne il pugno di ferro e lo legò in molti modi.

Kim ha consolidato la sua posizione con centinaia di esecuzioni e incarcerazioni, molte delle quali hanno preso di mira familiari e persone fedeli a suo padre.

Grande erede

Kim è nato l’8 gennaio 1984 ed era il terzo e il più giovane figlio di Kim Jong Il. Nel settembre 2010 è stato nominato generale a quattro stelle. Un mese dopo, ha fatto il suo debutto pubblico ed è stato al fianco di suo padre durante una parata militare.

Quando suo padre è morto nel dicembre 2011, Kim è stato definito il “Grande Erede”.

Il brutale consolidamento del potere è stato combinato con personaggi accuratamente modellati per l’uso nella propaganda sulla televisione di stato.

Ma ora che ha governato il paese per un decennio, Kim deve affrontare sfide nuove e più grandi di prima. Il breve ingresso sulla scena mondiale si è concluso quando lui e Trump sono passati dagli insulti su Twitter agli abbracci e agli incontri personali.

Kim e la Corea del Nord stanno affrontando sanzioni schiaccianti, una pandemia che sta colpendo anche il Paese strettamente chiuso e sta colpendo crescenti problemi economici.

periodo di crescita

Gli analisti affermano che la sua presa sul potere potrebbe indebolirsi se non manterrà la promessa di sviluppare nuove armi nucleari e salvare l’economia. È un compito di proporzioni.

Per diversi anni, Kim ha effettivamente portato a una moderata crescita economica in Corea del Nord. Sono state attuate riforme sia per il commercio che per un’economia più orientata al mercato. Nuove e più severe sanzioni nel 2016, quando Kim ha avviato il suo programma nucleare, ha invertito questa tendenza.

Allo stesso tempo, i negoziati con Washington sono arrivati ​​a un punto morto. L’amministrazione del presidente Joe Biden sembra meno interessata a concludere un accordo con Kim senza abbandonare il programma nucleare, che i nordcoreani vedono come una garanzia di sopravvivenza come nazione.

Poche speranze di progresso sono emerse questo fine settimana, quando il presidente sudcoreano ha annunciato che un trattato di pace si stava avvicinando alla fine della guerra di Corea, iniziata nel 1950 e terminata tre anni dopo.

Trattative fallite

Il professor Park Won-joon della Ewa University di Seoul afferma che il modo in cui Kim gestirà l’economia nei prossimi anni potrebbe essere cruciale per la dinastia della famiglia Kim a lungo termine.

Il programma di armi nucleari, l’economia e la stabilità del regime sono strettamente collegati. Se la questione nucleare non viene risolta, l’economia non migliorerà. Questo apre le porte al risentimento e alla confusione nella società nordcoreana, afferma Park.

I negoziati con gli Stati Uniti sono falliti dopo il vertice di febbraio 2019. Gli Stati Uniti hanno respinto la richiesta di un significativo sgravio delle sanzioni in cambio della disattivazione di una vecchia centrale nucleare.

I due non si sono incontrati pubblicamente dall’ottobre 2019. Due mesi dopo, Kim ha promesso in un discorso a casa di espandere il suo programma di armi nucleari di fronte alla pressione degli Stati Uniti che è stata descritta come una banda.

Anche il commercio con la Cina, uno dei pochi paesi con stretti legami con la Corea del Nord, è fallito. Secondo l’intelligence sudcoreana, nel settembre di quest’anno il commercio con la Cina è diminuito di due terzi.

fare concessioni

In Corea del Nord c’è carenza di cibo, prezzi elevati e carenza di prodotti importanti come i medicinali. L’abbraccio di Kim di un programma di armi nucleari è la ragione.

“Sono le bombe atomiche che hanno creato questo handicap per Kim, ma mantiene una politica conflittuale aumentando il programma piuttosto che allontanarsene”, ha affermato Jo Myung-hyun, analista presso l’Asan Institute for Policy Studies di Seoul.

Le sanzioni continuano. Un’economia controllata dallo stato non era la soluzione per la Corea del Nord in passato, né lo sarà ora. Ad un certo punto, dice Jo, Kim dovrà fare una scelta difficile su quanto tempo resterà attaccato alle bombe atomiche.

Ci sono state confessioni di Kim nell’ultimo anno. A gennaio ha ammesso il fallimento del piano di sviluppo economico. Ad aprile, ha affermato che il Paese si trovava nella peggiore situazione che avesse mai visto, a causa della pandemia, delle sanzioni e dei disastri naturali.

In ottobre, ha promesso di costruire una difesa imbattibile e ha mostrato missili che potrebbero raggiungere il suolo americano.

READ  Mai prima d'ora: - Cambiamento radicale