Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dobbiamo avere il coraggio di difendere Israele

Israele: In passato, il Partito Laburista era uno dei più chiari sostenitori di Israele. Combattenti del partito come Haakon Lee (nella foto) ed Einar Gerhardsen sostenevano il diritto del popolo ebraico a una terra sicura, scrive Ingerd Shaw. Foto: Heiko Junge / NTB

Potrebbero esserci molti che sacrificano Israele e la storia del popolo ebraico con un pensiero in più ora in Avvento. Penso che sia naturale e gentile. Una delle cose su Israele in particolare, è che puoi viaggiare in un paese dinamico e moderno, vedendo segni di luoghi storici come Galilea, Genesart e Gerusalemme. “È successo in quei giorni” è più vicino qui che altrove.

Oltre i confini statali, Israele si è anche fatto un nome, sia nella scienza, nella medicina e nel design. Recentemente, anche i prodotti culturali israeliani, come le serie TV e la musica, hanno ricevuto un vasto pubblico.

Questo interesse è la forza del Paese. Crea impegno e interesse. Noi che siamo felici in Israele dovremmo apprezzarlo. Quando non c’è pandemia, Israele è diventata una delle mete turistiche preferite, sia per chi partecipa a viaggi tematici organizzati, sia per chi vuole vivere le spiagge e il sole.

Ma non tutti gli interessi sono positivi. A giudicare dalla scena politica in Norvegia oggi, la parte critica unilaterale di Israele è controvento. Ciò non è in gran parte dovuto agli sviluppi in Medio Oriente in quanto tale, ma al fatto che i partiti contrari a Israele hanno registrato una forte crescita nelle recenti elezioni. Il Gruppo di amicizia per la Palestina è stato costituito nuovamente in Parlamento.

Nel Parlamento norvegese, per la prima volta nella storia della Norvegia, il Partito Rosso comprende anche un folto gruppo di rappresentanti. Nel suo programma di lavoro, Rødt ha dichiarato che avrebbero lavorato per un boicottaggio economico, accademico e culturale di Israele. SV ha adottato lo stesso nella sua piattaforma, e gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio hanno formule sull'”occupazione” della terra palestinese.

I due partiti al governo, il Partito Laburista e il Partito di Centro, hanno scelto di fare affidamento su questi due partiti per assicurarsi la maggioranza. Inoltre, i laburisti hanno un partito giovanile attivo nell’AUF, che è molto offensivo nelle sue critiche a Israele.

Ad esempio, molti di noi possono vedere che il 29 novembre di quest’anno l’AUF ha scritto quanto segue sulla sua pagina Facebook: “Unisciti alla lotta per una Palestina libera. Oggi ricorre la Giornata internazionale di solidarietà con il popolo palestinese e la Confederazione del calcio africano la lotta continua da Sì, la Palestina è libera in pieno vigore. Nella foto allegata, ha detto: “La Palestina è libera. Boicottare Israele.

Chiunque abbia familiarità con la storia politica norvegese vede un grande cambiamento nella sinistra norvegese in questione. In precedenza, il partito laburista era uno dei più chiari sostenitori di Israele. Combattenti del partito come Haakon Lee e Einar Gerhardsen hanno difeso il diritto del popolo ebraico a una terra sicura.

Anche il primo segretario generale delle Nazioni Unite, Trygve Lee, era membro del Partito dei lavoratori. Ha guidato l’organizzazione negli anni cruciali in cui Israele ha ottenuto l’indipendenza come stato. Vale la pena notare che il documentario biografico NRK 2016 dedica un intero episodio a questo periodo, intitolato “Padrino dello Stato di Israele”.

L’ex Corvius a sinistra in Norvegia non sarà a conoscenza delle situazioni di oggi. Difficile spiegare perché ciò sia accaduto, se non che quella minoranza con grande impegno ha avuto modo di cancellare la domanda.

L’articolo continua sotto l’annuncio.

Nelle immediate vicinanze di Israele c’è uno sviluppo completamente opposto, poiché sempre più paesi cercano il miglior rapporto possibile con Israele. La causa palestinese, che in passato ha unito il mondo arabo, è ampiamente tentata tra questi paesi.

Ecco perché è importante che noi, che vogliamo il meglio per Israele, cerchiamo di dargli un’attenzione positiva. In questo modo, una minoranza entusiasta, desiderosa di boicottaggi e sanzioni, non ha potuto ottenere un sostegno alla politica norvegese che la maggioranza non ha chiesto.

Non riesco a pensare a un momento migliore per ricordarmelo e per evocare situazioni positive, se non solo le vacanze. Speriamo che ce ne siano abbastanza di noi che osano alzare la testa e dire inequivocabilmente che vogliamo il meglio per Israele e che la Norvegia manterrà buone relazioni con questo paese speciale.

Difficile spiegare perché ciò sia accaduto, se non che quella minoranza con grande impegno ha avuto modo di cancellare la domanda.

READ  Drammen di espressione culturale - La Chiesa norvegese