Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Dobbiamo fornire ai bambini uno spazio sicuro e aperto da esplorare

Le rigide norme di genere limitano le esperienze dei bambini, significano che solo i bambini possono accedere alla “metà” del mondo, ha affermato Arbeke nel suo discorso durante la conferenza. I bambini uguali imparano di più! Sotto gli auspici di KUN.

Era alla conferenza, tra l’altro, per parlare del progetto Erasmus+ “correttezza”.

Al progetto, iniziato nel 2019, KUN ha collaborato con organizzazioni per la parità in Estonia e Repubblica Ceca. L’obiettivo era sviluppare materiali di supporto per i lavoratori degli asili nido e delle scuole che potessero contribuire all’educazione dei bambini su una base più equa.

– Abbiamo molta esperienza nella cooperazione con gli asili nido, mentre le organizzazioni estoni e ceche hanno molta esperienza nell’istruzione primaria e secondaria. Siamo tutti entusiasti di una scuola materna e di un sistema educativo più equo. Nel progetto Erasmus+, abbiamo riassunto ciò che sappiamo e ciò che vorremmo che tutti i bambini della scuola materna imparassero, dice Aarbakke a barnehage.no.

Condizioni uguali?

Per 30 anni, KUN ha lavorato per una società più equa. Il centro contiene, tra l’altro, un corso di formazione per il personale della scuola materna in una pedagogia sensibile al genere.

Da 15 anni ci occupiamo di progetti di uguaglianza di affido. È iniziato con un progetto in cui abbiamo collaborato con diversi asili nido che pensavano di essere bravi a farlo, ma volevano saperne di più, dice Aarbakke durante la conferenza.

I bambini della scuola materna hanno fotografato la loro vita quotidiana. Poi i miei colleghi hanno analizzato i filmati: quanto tempo di conversazione hanno avuto i ragazzi e le ragazze? Chi ha ricevuto l’aiuto più indesiderato? Chi riceve più aiuto quando lo chiede? E a chi viene detto più spesso che possono farlo da soli quando chiedono aiuto? Hanno anche esaminato chi ha sentito i loro nomi più spesso.

Ci sono molte cose che puoi provare a contare per vedere se i bambini hanno le stesse condizioni in affido. Nonostante il fatto che gli asili nido pensassero di lavorare in modo molto uguale e vedessero il singolo bambino alle loro condizioni, c’era molto sesso da trovare. Aggiunge che le aspettative di ragazzi e ragazze spesso governavano chi si pensava avesse bisogno di più aiuto, più conforto, ecc.

READ  L'Iran sta cercando di sfruttare il vicolo cieco per acquisire armi nucleari

visibile e invisibile

Aarbakke pensa che sia stato molto eccitante collaborare con organizzazioni estoni e ceche negli ultimi tre anni.

Alla conferenza ha potuto presentare i risultati del progetto Fair Play. un Strumenti per l’osservazione e la riflessione.

Ricerca Dimostra che i lavoratori dell’asilo non vogliono e non pensano di trattare i bambini in modo diverso in base al genere, ma questo accade spesso nella pratica. Quindi vogliamo ispirare tutti coloro che lavorano in una scuola materna a porsi le domande: in cosa siamo veramente bravi? Su cosa abbiamo bisogno di lavorare di più? Come possiamo coinvolgere i genitori?

Aarbakke sottolinea che alcune cose sono visibili e possono essere facilmente modificate, mentre altre sono invisibili.

Il materiale dovrebbe essere utile per elaborare la situazione nel tuo affido. Ad esempio, chi riceve più lodi o correzioni? Dipende dal genere o vediamo il singolo bambino in modo indipendente? Puoi anche analizzare i giocattoli che hai nella stanza dei bambini: che tipo di giocattoli abbiamo? In quali stanze sono i giochi? Come chiamiamo le diverse stanze della scuola materna, e ci sono nomi che invitano tutti o aiutano a tenere lontano qualcuno? Quali sono i protagonisti dei nostri libri? Riflette la diversità della società? Cosa mostrano le illustrazioni? Ai ragazzi e alle ragazze viene data allo stesso modo l’opportunità di vedersi forti, energici e deboli?

materiali di supporto È diviso in unità brevi e puoi lavorarci individualmente, o insieme alle riunioni del personale o alle riunioni dei genitori, afferma Aarbakke. Attualmente è disponibile solo in inglese, ma sarà disponibile in norvegese ad agosto.

dolce, crudele

Incoraggiamo tutto il personale dell’asilo a pensare alle proprie pratiche: a tavola, nei giochi di ruolo e ovunque nella vita dell’asilo, afferma Aarbakke.

– Come incontri i bambini, ad esempio, negli spogliatoi? Quando i bambini arrivano al mattino, è facile commentare cosa indossano. È facile dire “troppo duro” a un ragazzo o “troppo carino” a una ragazza. Come evitare di cadere in questa trappola?

Il consiglio di Aarbakke è di concentrarsi sui rapporti tra bambini e dipendenti.

READ  Vålerenga, Eliteserien | Fagermo è bravo a quota 11 punti dopo 12 partite

– Puoi dire qualcosa come: “Piacere di vederti!” Oppure: “Pensavo a quello che ho detto ieri…”. Devi avere alcune frasi che ti permetteranno di incontrare bambini su un piano di parità, indipendentemente dal sesso. Raccomanda di usare frasi su esperienze, relazioni e comunità che condividi, non sull’aspetto o sulle caratteristiche del bambino.

Alcuni bambini potrebbero ancora avere un forte desiderio che il personale noti e commenti la nuova giacca o giacca che indossano, sottolinea Aarbakke.

– Quindi è possibile utilizzare la domanda: “Oh, molto eccitante! Vediamo cosa puoi fare.” È, diciamo, un vestito comodo se ti stai scatenando? Com’è il materiale? Toccarlo provoca una scossa elettrica? È una consistenza morbida? Cosa ti ricorda il colore?

Stanza aperta e sicura

Infine, nella conferenza, Aarbakke ha evidenziato tre punti che lei e i suoi colleghi del KUN ritengono essenziali per poter fornire condizioni uguali ai bambini della scuola materna:

1. Fornire ai bambini uno spazio sicuro e aperto da esplorare in:

Ciò riguarda, tra le altre cose, la consapevolezza del linguaggio che usiamo, dei giochi che abbiamo e delle attività che facilitiamo o non facilitiamo, afferma Aarbakke.

Nota inoltre che i bambini stessi possono creare “regole” che contribuiscono a restringere lo spazio:

I bambini stanno cercando di capire il mondo. Vogliono sapere cosa ha senso e cosa c’è dentro e fuori. E i bambini possono essere severi tra loro su questo. Spesso generalizzano eccessivamente e stabiliscono i propri limiti quando si tratta di sesso, ad esempio che i ragazzi non possono indossare il rosa o che esiste qualcosa come lo yoga dei ragazzi e lo yoga delle ragazze.

Gli adulti possono quindi aiutare a fare da contrappeso. Possiamo dare l’esempio dimostrando che possiamo indossare tutti i colori e fare quello che vogliamo senza essere limitati dal genere. Possiamo anche contribuire alla conversazione con domande aperte sul perché pensano che qualcosa sia il colore della ragazza e il colore del ragazzo. Non ci sono solo i colori? Chiedi ai bambini di chiedersi con te perché il mondo è diviso in questo modo e pensa con loro se sarebbe mai utile dividere il mondo in cose per ragazze e ragazzi, dice Arbuck.

READ  Ora le Camere Deluxe danesi / Palle al tartufo arrivano in Spagna! - Det Norske Magasinate

2. Condividi la meraviglia dei bambini piuttosto che portarli a una conclusione:

Le nostre aspettative di genere possono influenzare il modo in cui incontriamo i bambini. Questo può portarci, nelle conversazioni e nelle attività con i bambini, a indirizzarli nella direzione che è vista come “corretta” per il loro genere. Partecipando alle meraviglie dei bambini piuttosto che guidarli, i bambini hanno più spazio per scoprire da soli di cosa vogliono parlare e fare, dice Arbeke.

– Come ho detto prima, è anche una grande opportunità per impressionare i bambini quando indossano un nuovo vestito, piuttosto che dire che sono diventati carini/tosti con i nuovi vestiti.

3. Includere la diversità senza evidenziarla:

Aarbakke mette in evidenza i libri su “Brillebjørn” come un buon esempio di questo.

“Questi libri parlano di tutte le cose eccitanti che accadono nella vita di Brillebjørn, senza tener conto del fatto che ha due nazioni”, ha detto.

– Rende le scelte più libere

Arbeke sottolinea, in conclusione, che il vantaggio occupazionale dell’uguaglianza in custodia può essere molto ampio.

Invece di offrire mezzo mondo ai bambini, vengono presentati al mondo intero. I bambini ottengono uno spazio sicuro dove possono esplorare e scoprire chi sono, indipendentemente dalle aspettative di genere nella società. Dice che semplicemente ottieni bambini più sicuri che fanno scelte più libere.

solo circa:

KUN è uno dei quattro centri per l’uguaglianza in Norvegia, con uffici a Steigen e Steinkjer.

Secondo lo statuto della fondazione e una lettera di incarico della Direzione per l’infanzia, la gioventù e le famiglie (Boufdir) solo:

  • Lavorare per promuovere la parità di genere.
  • Essere un attore visibile e specifico per l’uguaglianza a livello regionale, nazionale e internazionale.
  • Partecipare al dibattito sociale e diffondere la conoscenza sull’uguaglianza sul lavoro.
  • Rendere visibili altri motivi di discriminazione come orientamento sessuale, età, disabilità, razza e religione.
  • Sviluppare, documentare, organizzare e analizzare le conoscenze sull’uguaglianza di genere e la sua integrazione sia nel settore pubblico che in quello privato.
  • Partecipazione alla cooperazione internazionale.

(Fonte: kun.no)