Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

DOPO: c’è spazio per la crescita dei salari reali nell’accordo salariale primaverile

Knut Anton Mork ha pensato nel suo articolo “Sicuro in Norvegia?” A DN del 3 marzo, il movimento sindacale norvegese non è in linea con la situazione economica perché chiediamo un aumento del potere d’acquisto nella liquidazione salariale primaverile. Afferma che l’aumento dei prezzi dell’energia dovrebbe significare un calo dei salari reali.

Non sono d’accordo con quello.

L’aumento dei prezzi dell’elettricità e della benzina ha aumentato le spese per la maggior parte delle persone. Di per sé, un aumento del costo della vita dovrebbe significare salari più alti, non salari più bassi.

Merritt Anchos

Merritt Onchos (Foto: Thomas Braun)

Inoltre, sia il lato dei dipendenti che il lato del datore di lavoro tengono conto di ciò che l’economia e le aziende possono permettersi. Questa è una vecchia tradizione e ci ha aiutato a darci un’economia in grado di resistere bene ai cambiamenti.

Quando l’industria negozia per la prima volta e definisce il quadro per il resto dell’accordo, considera con cosa il settore competitivo può convivere nel tempo.

Il modello norvegese di formazione dei salari ci offre vantaggi nei momenti buoni e in quelli difficili. In tempi favorevoli, sindacati forti assicurano che i lavoratori ottengano la loro quota di crescita. È importante mantenere un’equa distribuzione del reddito.

In tempi di stress, quando le imprese sono in difficoltà, in molti casi può essere necessario adeguare il livello dei salari reali per evitare che i tassi di disoccupazione aumentino troppo. Di solito ci vuole per raggiungere, ma in Norvegia lo facciamo meglio che in molti altri paesi.

Un buon esempio di ciò si è verificato dopo il calo dei prezzi del petrolio nel 2014. Dal 2015 al 2016, i salari reali in Norvegia sono diminuiti dell’1,8%. Non abbiamo visto un declino simile nel dopoguerra.

I salari reali non sono tornati al livello del 2015 fino al 2019. I dipendenti hanno allentato le loro richieste salariali, perché si sono resi conto che ciò avrebbe aiutato a riportare rapidamente l’economia in carreggiata.

Anche le richieste salariali sono state trattenute durante la pandemia.

Se i dipendenti sono disposti ad accettare di rinunciare al potere d’acquisto per evitare che più persone perdano il lavoro in tempi difficili, dovrebbero confidare che riceveranno anche dei premi quando i tempi cambieranno. Questa fiducia non è un problema, ovviamente. Se i dipendenti ritengono che i guadagni derivanti dalla ripresa stiano ancora accumulando per gli imprenditori, mentre loro stessi stanno solo partecipando a flessioni, è ovvio che la fiducia finirà per erodersi.

La fiducia si costruisce anche attraverso una politica che risolve le differenze e fornisce sicurezza finanziaria a tutti.

Sebbene il regime di sostegno energetico invernale presentasse anche aspetti problematici, ha fornito maggiore sicurezza e prevedibilità per molte famiglie. Un vantaggio di questo è che ci sono requisiti inferiori a quelli che avremmo nella liquidazione dei salari di quest’anno.

Sebbene la guerra in Ucraina e l’aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia stiano creando maggiore incertezza sulla futura situazione economica, il quadro generale è che l’economia norvegese sta andando bene. Il primo rapporto dell’anno della Technical Account Commission for Income Adjustments (TBU), pubblicato il 18 febbraio, descrive la situazione in cui la ripresa post-coronavirus sta procedendo rapidamente. La crescita economica dovrebbe essere buona quest’anno, l’occupazione è in aumento e la disoccupazione è in calo.

La redditività dell’industria norvegese, misurata dalla quota del costo del lavoro, è rimasta praticamente invariata dal 2020 al 2021 e la produttività è aumentata.

La competitività dell’industria norvegese è leggermente peggiorata nell’ultimo anno, ma rispetto a un livello storicamente buono dell’anno precedente. In quel periodo, i costi salariali orari nel settore, rispetto ai nostri partner commerciali, sono diminuiti quasi costantemente dal 2013.

Quindi deve essere giunto il momento per un buon accordo per i lavoratori norvegesi nel 2022.

Un aumento del costo della vita dovrebbe significare salari più alti, non salari più bassi


(Condizioni)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o dei nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un link che porta direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o utilizzato in altro modo con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per ulteriori termini vedere qui.

READ  La leggenda dei "giganti dai capelli rossi"