Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

È così che Daria (32 anni) vive nell’oscura Kiev – VG

Allenamento al buio: Daria Polgár durante una sessione di allenamento durante un’interruzione di corrente a Kiev.

Nel freddo e nell’oscurità, la gente delle città ucraine sta ora cercando di far andare avanti la vita. La situazione è drammaticamente peggiorata sulla scia dei nuovi massicci attacchi russi alle infrastrutture del Paese.

pubblicato:

– Dopo l’attacco di ieri, siamo finiti di nuovo nell’oscurità completa. Non avevamo elettricità, acqua, copertura cellulare o connessione internet.

Tramite SMS, Daria Polgar, 32 anni, descrive a VG la vita attuale nella capitale ucraina. La corrente è parzialmente ripristinata e lei può usare di nuovo il telefono.

– Qui fa freddo e senza elettricità i forni non funzionano. Quando le linee telefoniche vengono interrotte, è difficile ottenere informazioni sulla condizione di amici e parenti.

Lei continua:

– Non possiamo nemmeno cucinare senza elettricità, ma il vicino ha il gas, quindi a volte facciamo bollire l’acqua lì. Fortunatamente, gli ucraini sono aperti e amichevoli e ci aiutiamo a vicenda, dice.

Oscurità: questa immagine mostra il centro di Kiev mercoledì sera dopo che i bombardamenti russi hanno distrutto l’infrastruttura che fornisce l’elettricità alla città.

La Terra è stata oscurata

L’ultimo attacco su larga scala alle infrastrutture dell’Ucraina ha avuto luogo mercoledì di questa settimana, oscurando gran parte del paese. Più di due terzi della capitale ucraina, Kiev, sono rimasti senza elettricità giovedì, a seguito degli attacchi russi del giorno precedente.

La società di rete statale Ukrenergo ha avvertito che le interruzioni di corrente potrebbero durare da diverse ore a diversi giorni e ha sottolineato che i residenti dovrebbero essere preparati per un inverno rigido.

READ  Guerra in Ucraina - sconfitta della Russia:

Migliaia di chilometri di linee elettriche ad alta tensione sono state tagliate dopo gli attentati, colpendo l’intero Paese. I trasformatori sono rotti e ci vuole tempo per sostituirli.

Il presidente Volodymyr Zelensky ha annunciato dopo gli attacchi russi della scorsa settimana che più di 10 milioni di ucraini sono stati colpiti dall’interruzione di corrente.

I lavori di riparazione vanno avanti giorno e notte, ma allo stesso tempo vengono costantemente respinti da nuovi attacchi. NTB scrive che i lavori di riparazione significano anche che l’elettricità deve essere interrotta per periodi.

Città paralizzata: mercoledì sera un tram si ferma davanti a un grattacielo nel centro di Kiev.

– Non mi sento al sicuro

Il blackout arriva nello stesso momento in cui l’inverno annuncia il suo arrivo, con temperature più basse e la prima neve. Il freddo fa anche sì che chi ha l’elettricità aumenti il ​​riscaldamento, che a sua volta sovraccarica la fragile rete. Un sovraccarico provoca una nuova interruzione di corrente.

A Kiev, che ha una popolazione di tre milioni di persone, le autorità hanno istituito 528 hotspot. Qui, i residenti possono venire a trovare calore, bere il tè, cucinare il cibo, ricaricare i loro telefoni e ottenere altro aiuto.

– Sono molto turbata, – dice Daria a VG.

– Non posso chiamare gli amici, non posso lavorare. Non mi sento mai al sicuro perché quando attaccano non sappiamo mai dove atterrano i missili. Dice che sono sempre in una situazione difficile.

Gli amici di Daria usavano questo contenitore a gas per riscaldare pasti semplici.

Allo stesso tempo, Daria sente di non volersi lamentare così tanto. Sa che altri ucraini stanno soffrendo per lei.

READ  Potrebbe essere la fine di Netanyahu - VG

I nostri soldati stanno combattendo per la loro vita e per la nostra libertà, seduti fuori nelle fredde trincee. Devo rimanere forte e non mostrare troppe emozioni.

Dice che non capisce la strategia dei russi.

– Non capisco che continuino a farci questo, quando sanno che non ci lasceremo spezzare. Dice che dobbiamo rimanere svegli e crescere da questa esperienza.

Incontro con le vittime della guerra: questa settimana il presidente del Consiglio norvegese per i rifugiati, Jan Egeland, insieme agli sfollati interni nella città di Dnipro.

Egeland: – guerra contro la popolazione civile

Il capo dell’agenzia per i rifugiati, Jan Egeland, è ora in Ucraina.

Ha trascorso mercoledì nei villaggi recentemente liberati fuori dalla città nord-orientale di Kharkiv. Giovedì è arrivato a Kiev in macchina, perché la rete ferroviaria era interrotta a causa dei continui bombardamenti.

– Questa è una guerra contro la popolazione civile, è una punizione collettiva dell’intera popolazione. Quello che fanno i russi è usare il freddo e l’inverno come arma. “Milioni di anziani, malati, disabili e bambini sono seduti nella completa oscurità, congelati”, ha detto giovedì mattina a VG su una cattiva linea telefonica.

Dice che le grandi città senza elettricità ora ricevono naturalmente molta attenzione, ma crede che anche la situazione nei villaggi sia difficile.

– I luoghi che abbiamo appena visitato erano rimasti senza elettricità da maggio e giugno e i residenti ci hanno detto che avevano davvero bisogno di legna da ardere. Sebbene ci siano molte foreste in giro, non possono tagliare la legna perché le foreste sono minate, dice.

SFIDE PRINCIPALI: Vitali Klitschko, sindaco di Kiev, viene fotografato nel suo ufficio il 18 novembre. La sua città è stata ora duramente colpita dalla nuova guerra russa.

I blocchi sono diventati trappole mortali

Il sindaco di Kiev Vitali Klitschko ora è chiaro che i residenti dovrebbero prepararsi e non perdersi d’animo anche se l’elettricità è fuori servizio per molto tempo.

READ  Charlie mi morde le dita

– In realtà, non mi piace parlarne, ma dobbiamo essere preparati a perdere elettricità, acqua, riscaldamento, comunicazioni e una serie di servizi pubblici, – afferma Klitschko in un’intervista all’agenzia di stampa AP.

Dicono i residenti: Ecco come si preparano per il “peggior inverno della storia”

Doveva trasferirsi: non era più sicuro per Anastasia Pirozhenko vivere nel suo appartamento al 21° piano a Kiev.

Anastasia Pyrozjenko è un’altra residente a Kiev che ora si sta preparando al peggio.

Di recente si è resa conto che il suo appartamento al 21° piano di Kiev era diventato una trappola mortale.

In precedenza, Pirozhenko poteva godersi la vista dal suo appartamento. Ora gli attacchi russi all’Ucraina hanno reso il suo appartamento troppo pericoloso per viverci. Il condominio è uno degli edifici più alti di questa zona di Kiev ed è un ovvio bersaglio per i missili russi.

– Gli attacchi russi stanno riportando l’Ucraina all’età della pietra, afferma Pirozhenko in un’intervista all’Associated Press.

Lo stato di guerra, con prolungate interruzioni di corrente, scarsità d’acqua e minacce di attentati, spinge lei e il marito ad abbandonare il loro appartamento. Ora vivono con la madre di Anastia.

Senza elettricità, senza acqua non era possibile cucinare. L’ascensore era inutilizzabile e le scale erano buie, minacciando attacchi russi. Abbiamo scelto di lasciare il nostro appartamento. Il venticinquenne dice: Ora ci stiamo preparando per il peggior inverno della nostra vita.

pubblicato: