venerdì, Giugno 21, 2024

Eiyuden Chronicle: Recensione di centinaia di eroi

Must read

Romano Strinati
Romano Strinati
"Esperto di social media. Pluripremiato fanatico del caffè. Esploratore generale. Risolutore di problemi."

Ci sono pochi giochi che non vedevo l'ora tanto quanto Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes. Suikoden II è il miglior gioco mai realizzato e quando è stato annunciato che un gruppo di sviluppatori di lunga data della serie avrebbero realizzato un seguito spirituale, mi sono sentito caldo dentro. Era come la vigilia di Natale, soprattutto perché Konami sembrava aver dimenticato l'esistenza della serie.

Ci sono molti personaggi indimenticabili. Il mio preferito è lo squalo terrestre Yuferius.

Non c'erano assolutamente dubbi da dove provenisse l'ispirazione quando mi sono seduto per la prima volta per godermi il viaggio. All'inizio il gioco in sé era un po' lento, il che aveva più a che fare con me personalmente che con la qualità del gioco. L'inizio è lento e ci vogliono circa otto ore prima che succeda effettivamente qualcosa di interessante. Durante questo periodo ho iniziato a trovare piccole cose che non mi piacevano, soprattutto perché lo paragonavo sempre a Suikoden II. Una volta che ho abbandonato quell'idea e ho preso il gioco per quello che era, un gioco separato, è invece diventato un viaggio davvero bellissimo.

Euden Chronicle: Cento eroi
Le battaglie si svolgono nel classico stile JRPG.

Questo è un annuncio:

Noah, un ragazzino di un piccolo villaggio (che altro?), è appena arrivato a The Watch, un piccolo gruppo simile a una milizia. Non gli ci vorrà molto per diventare un personaggio importante in una missione per salvare il mondo, in un modo molto giapponese di gioco di ruolo. Se hai giocato al gioco secondario Eiyuden Chronicle: Rising, in cui compaiono anche i personaggi, le basi del conflitto in Hundred Heroes non saranno del tutto note. Si tratta di lenti runiche, cose che danno alle persone proprietà magiche. Quando la Lega delle Nazioni, un gruppo di nazioni buone, si imbatte in una runa onnipotente chiamata Lente Primordiale, l'Impero (come vengono chiamati tutti i cattivi) cerca di rubarla. Ciò ovviamente porta alla guerra, anche se le due parti hanno recentemente raggiunto un accordo di pace. La guerra inizia quando l'antagonista del gioco, Dux Aldric, un clone di Luca Blight di Suikoden II, fa qualcosa di terribile. Sfortunatamente, uno dei pochi problemi che ho con Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes è che Aldric non è così malvagio come penso che gli sviluppatori volessero che fosse. Mentre Luca Blight brucia le città, costringe i cittadini a impersonare i maiali per vivere e poi li mutila, Aldrick fa tutte le sue cose terribili fuori dallo schermo. Fa cose davvero brutte, ma non le vediamo mai, il che toglie la sensazione che dovrebbe essere un pazzo grande, potente e pericoloso.

READ  Sunday Games Curiosity #11: Earthbound
Euden Chronicle: Cento eroi
Sfortunatamente, il cattivo del gioco non è abbastanza cattivo. Tutte le cose brutte accadono fuori dallo schermo.

La guerra è in pieno svolgimento e Nowa è in qualche modo diventato il leader dell'intera alleanza, la cui base è ora un castello abbandonato. Per fare nuovamente un paragone con Suikoden II, è qui che ti costruisci con potenziamenti reclutando persone, dai minatori agli chef e qualcuno che vende armi. Queste persone sono ciò che suggerisce il titolo del gioco Hundred Heroes. Esistono numerosi personaggi, ognuno con personalità e dialoghi doppiati diversi, alcuni dei quali vengono reclutati e possono essere utilizzati nelle battaglie, mentre altri vengono reclutati per aiutare la città a crescere. Oltre alla storia ben scritta, trovare tutti i diversi personaggi del mondo crea quasi dipendenza. A differenza del gioco che uso sempre come riferimento, non c'è pressione temporale su quando i diversi personaggi possono incontrarsi. Alcuni arriveranno più tardi, ma rimarranno finché non avrai fatto quello che volevano prima di fare le valigie e dirigerti al castello. Può trattarsi di qualsiasi cosa, dal portare determinati materiali, sconfiggerli in battaglia o avere un determinato personaggio nel tuo gruppo. Poi ci sono altre cose che sono più difficili da capire, con alcune delle quali faccio ancora fatica oggi.

Euden Chronicle: Cento eroi

Questo è un annuncio:

Euden Chronicle: Cento eroiEuden Chronicle: Cento eroi
La base non è un albergo a cinque stelle, ma con alcuni miglioramenti diventerà più vivace e bella.

Dopo aver scelto i tuoi sei personaggi preferiti, più un giocatore di supporto che ti regala varie ricompense, puoi lanciarti in classiche battaglie da gioco di ruolo. Ovviamente ci sono i soliti attacchi e meccanismi di difesa, ma ci sono anche due diversi tipi di magia. Una di queste sono le suddette rune, con le quali i personaggi nascono o diventano armi o accessori. Si tratta di attacchi magici che costano diversi SP, e se il personaggio non utilizza questo tipo di attacco, la barra si riempie di uno step fino a un massimo di cinque, permettendoti di utilizzare attacchi migliori. Poi ci sono personaggi che usano anche la magia normale, e quindi ci sono anche MP, i quali questi attacchi costano una certa quantità.

La differenza rispetto ai tradizionali giochi a turni è che devi scegliere tutte le azioni contemporaneamente prima di eseguire l'intero ciclo di azioni. Ciò significa che devi essere estremamente tattico. L'ordine di turno viene visualizzato nella parte superiore dello schermo, quindi se hai bisogno di ripristinare la tua salute prima del prossimo attacco nemico, devi usare la magia o curare qualcuno prima nell'ordine di turno rispetto al nemico. Allo stesso modo, puoi anche attaccare e poi usare un guaritore lento per far sentire meglio tutti dopo un attacco nemico se sei sicuro che tutti sopravviveranno. Non posso dire che il gioco sia difficile a difficoltà normale, almeno non l'ho mai visto sullo schermo, ma uno o più dei miei personaggi sono morti in battaglia diverse volte in passato, soprattutto perché di solito non sopravvivono a colpi multipli nello stesso giro.

Euden Chronicle: Cento eroiEuden Chronicle: Cento eroi

Euden Chronicle: Cento eroiEuden Chronicle: Cento eroi
Naturalmente ci sono molti minigiochi.

Ciò che mi stupisce di più quando gioco a Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes è quanto amore e materiale gli sviluppatori Rabbit & Bear Studios hanno per questo gioco. Tutto è iniziato con una campagna Kickstarter, che ha raggiunto tutti gli obiettivi prefissati. Hanno scelto di registrare 60.000 linee di dialogo, inclusi tutti i personaggi reclutabili, nonché gli NPC in varie scene. C'è una colonna sonora molto solida e un tema che si adatta perfettamente a questo tipo di gioco, oltre a diversi minigiochi, come la pesca, giochi di carte, Beyblade (con un altro nome) e Chef Duels (il mio preferito). Inoltre, ci sono diversi tipi di battaglie, come le grandi guerre sul campo di battaglia in cui le unità vengono spostate su una griglia, e persino i duelli in cui le due opzioni sono attaccare o contrattaccare. Nei duelli devi prestare attenzione al dialogo, perché se l'avversario dice: “Adesso morirai!”, devi difenderti altrimenti la tua salute scomparirà più velocemente di quanto tu possa pronunciare il titolo del gioco.

Euden Chronicle: Cento eroi
Esistono anche altri tipi di battaglie, ad esempio su grandi campi di battaglia.

Questo è senza dubbio un gioco per un gruppo di giocatori di nicchia, ma se hai Game Pass, provalo, perché è già incluso dal primo giorno. Per tutti voi che avete amato giochi come Suikoden, Breath of Fire, Chrono Trigger e altri giochi simili della metà degli anni '90, penso che apprezzerete davvero questo gioco, che ricorda un'epoca passata nella storia dei giochi di ruolo. Dubito che qualsiasi gioco sarà in grado di eguagliare Suikoden II per me, ma con Eiyuden Chronicle: Hundred Heroes, Rabbit & Bear Studios hanno fatto un ottimo sforzo, soprattutto perché è il primo gioco dello studio. La cosa ancora più tragica è che uno dei fondatori, Yoshitaka Murayama, è morto appena due mesi fa senza che il suo sogno di lanciare questo gioco diventasse realtà. Sono sicuro che fosse molto orgoglioso di questa partita e aveva tutte le ragioni per esserlo. Ha contribuito a scrivere e produrre un grande titolo.

More articles

Latest article