Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Eliteserien 2021, Strømsgodset | Sconvolto dalla fiducia in se stesso, Haaland si è avvicinato all’allenatore dell’azienda:

Strømsgodset ha perso sia l’allenatore, il direttore generale e il presidente del consiglio di amministrazione fino alla stagione 2021. Ora Håkon Wibe-Lund (40) metterà la nave sulla traversa destra.

SUGGERIMENTI PER LA TABELLA SERIE ELITE:
Tredicesimo posto: Strømsgodset

– Cosa ne pensi dello Strømsgodset in questa stagione, Håkon Wibe-Lund?

Abbiamo affrontato diversi tipi di sfide internamente, che probabilmente la maggior parte delle persone ha dovuto affrontare. Il coronavirus ha superato gli allenamenti e non abbiamo ottenuto un buon periodo di preparazione come i migliori. Ma penso che quello che abbiamo passato ora sia qualcosa da cui siamo decisamente fuori. C’è una banda unita e un bel vestito qui. Dalle aspettative, spero che possiamo trovare la giusta anima divina. Al nostro meglio, faremo molto bene. Abbiamo una squadra giovane con giocatori giovani che hanno giocato a lungo. Stanno invecchiando e hanno più esperienza. Ci sono giocatori entusiasmanti ben posizionati sulla strada giusta per sfondare nella stagione 2021.

Quale giocatore della tua squadra merita di essere visto quest’anno?

Questa è una buona domanda. Direi che ci sono parecchie proprietà immobiliari. Ci sono giovani giocatori di alto livello. Sono convinto che più di loro potrebbero colpire. Abbiamo un certo numero di squadre nazionali di Godset che fanno le cose molto bene. L’hacking di uno di questi può avvenire rapidamente. Inoltre, abbiamo anche reclutato nuovi giocatori dalla nostra divisione che si sono dimostrati entusiasmanti. È un buon mix di giovani giocatori affamati e alcuni di loro sono più esperti. Possono davvero fare dei passi interessanti.

Leggi anche: Il presidente e il direttore generale di Strømsgodset si dimettono

Chi pensi che vincerà le Elite Series quest’anno?

Penso che sarebbe difficile rispondere, perché i dirigenti erano tanti. Ma sarei sorpreso se le squadre che si sono classificate lo scorso anno non fossero al vertice quest’anno.

– Chi sta andando giù?

Penso che anche questa sia una domanda aperta. Sarebbe stata una stagione in cui le squadre hanno adottato un approccio completamente diverso all’inizio della serie. Il programma della partita si avvicina e gli infortuni entreranno e fluiranno. Penso che sia difficile prevedere la serie elite, ma almeno abbiamo l’ambizione di evitare la retrocessione.

Chi pensi che sarà il grande profilo di quest’anno e perché?

Ci sono molti giocatori interessanti e ne ho allenati molti per la nazionale. Sarebbe stato difficile pronunciare un nome specifico, quindi ho scelto di dire passa qui.

Se non puoi scegliere te stesso, chi è l’allenatore della Elite Series? Hai il più grande buonsenso?

Ho molto rispetto per ogni allenatore della serie Elite. Ci sono molti professionisti qualificati lungo la strada. Fanno un lavoro duro per l’intera banda. Ci sono molti bravi allenatori in Football Norway adesso. Non ho un chiaro preferito. La maggior parte degli allenatori ha ovviamente diversi tipi di forza.

Se dovessi proiettare un talento in un franchise d’élite in cui credi molto, chi sceglieresti?

Sarà interessante vedere quali talenti colpiranno quest’anno. Forse sono così entusiasta di quanto sia bravo Oussama Sahraoui su Vålerenga.

READ  - Funziona molto bene - VG

Dove immagini di essere tra cinque anni?

È impossibile rispondere completamente.

Quale squadra ospite preferisci di più all’Eliteserien?

– Scegli di non commentare su questo.

Non tutti potrebbero conoscerti come allenatore perché hai molti lavori ausiliari. Puoi parlarci un po ‘del tuo background?

Leggi anche: I giocatori di Strømsgodset con una dichiarazione: – C’erano divisioni

– Il mio background è in realtà come calciatore per tutta la mia carriera fino a Hønefoss, dove sono diventato un giocatore sportivo. Poi ci sono state sei stagioni come vice allenatore. Ho trascorso tre stagioni a Fredrikstad come assistente, e ora trascorro sette stagioni in Godset. Inoltre, è andata all’U-National come allenatrice e ha lavorato con i ragazzi di U18, U19 e U20. In breve, questo è il mio background da una carriera da allenatore.

Come descriveresti la tua filosofia calcistica?

Mi piace molto il calcio d’attacco, le cose si muovono così velocemente. Mi piacciono le partite ad alta energia, che a loro volta portano a una feroce partita di calcio. Ci deve essere un’alta pressione e una cultura del riciclaggio. E faremo avanzare velocemente la palla con molte persone per creare il vantaggio e le opportunità.

Dici di essere molto attento ai dettagli quando lavori con i giocatori?

Voglio prima di tutto un piano e un’identità che i giocatori riconosceranno quando entreranno in campo. Ha molto a che fare con il modo in cui riesci a fare le cose nella tua vita quotidiana, il che significa che sei sempre meglio tagliato. Superare i limiti di quanto sia alto il potenziale. È una delle cose più eccitanti della nostra professione, ce ne sono molti che vogliono così tanto. Lavorare con lui è molto interessante.

Da dove prendi ispirazione per la tua posizione di allenatore?

Sono stato ispirato e influenzato dalla direzione in cui il calcio si è evoluto continuamente. Ci sono ancora nuove tendenze. Innanzitutto, i team che rompono le tendenze e osano essere diversi stanno facendo dei passi. Ci sono alcuni di loro che seguo gli allenatori che mi hanno ispirato tanto, come Barcellona, ​​Bayern Monaco e Manchester City sotto Josep Guardiola. Prendo ispirazione da ambienti come questo. Abbiamo anche due dipendenti Godset ora dal Leeds e abbiamo il modo di pensare di Marcelo Bielsa al calcio. È molto stimolante. Uso l’esperienza acquisita con la serie Elite e anche il modo in cui i miei compagni di squadra sviluppano le squadre. Anche lavorare con la nazionale di calcio è stato vantaggioso, dato che dovevamo guidare una squadra norvegese nella Coppa del Mondo U20. Ci sono molte culture diverse nel calcio e guardo molto a come i migliori paesi operano sistematicamente secondo filosofia e cultura.

– In squadre nazionali specifiche per età, ho lavorato con Erling Braut Haaland, tra gli altri. Presumibilmente, il tuo primo incontro con lui è stato del tipo indimenticabile?

– Sì, è vero ed è stato molto divertente. Dopo una partita contro il Molde, siamo usciti a mangiare un po ‘con persone come Leo Østigård e Tobias Svendsen e poi abbiamo conosciuto Erling. È un ragazzo molto simpatico con una buona autostima. Mi ha detto che voleva davvero mostrare quello che poteva fare e ha pensato che sarebbe stato molto bello far parte della squadra nazionale perché amava quello che abbiamo fatto lì. Alla fine ha avuto questa opportunità e se ne è preso cura, per così dire.

READ  - La presenza fisica è vista come un tentativo di colpo di stato - VG

Leggi anche: GodsetUnionen ha rilasciato una dichiarazione dopo le accuse razziste dell’allenatore Pedersen: – Shock e blasfemia

Forse hai dato ad Haaland qualche consiglio e consiglio che potrebbe essere utile per lui nel suo cammino verso il livello che tiene oggi con il Borussia Dortmund?

– È fantastico lavorare con un giocatore di questo livello. Ottieni un riferimento su dove il pacchetto dei requisiti deve essere molto buono. Abbiamo molti buoni giocatori in nazionale, ma finora è arrivato al punto più lontano. È divertente far parte di un ambiente del genere e allenarlo.

– Hai detto che non avresti accettato l’incarico di Strømsgodset a meno che non avessi Bjørn Petter Ingebrigtsen nella squadra. Perché era così importante stare con te?

Prima di tutto, è stata la BP che mi è venuta a prendere alla proprietà quando sono arrivata per la prima volta. Ha una personalità molto bella e abbiamo molto rispetto l’uno per l’altro. Ci piace lavorare insieme. Ho pensato che fosse importante per il club far prosperare le persone ora e questa è una delle qualità più importanti della BP. Quindi è diventato molto importante per me essere un partecipante.

NB! Håkon Wibe-Lund è stato intervistato prima che diventasse chiaro che il presidente e direttore generale di Ivar Strømsjordet, Dag Lindseth Andersen, si era dimesso dalle loro posizioni a Strømsgodset..

L’inizio della stagione è stato tutt’altro che perfetto con i problemi individuali di Henrik Pedersen. Come hai gestito quello che è successo al club?

– Hai attraversato un periodo molto difficile ovviamente. Non è affatto un caso che vuoi provare. Penso sia stato difficile.

Leggi anche: Più testimoni hanno confermato: – Questo è quanto ha detto l’allenatore dello Strømsgodset allo staff del club

Quanto peso grava questa situazione sul gruppo di giocatori, senti? Come reagiscono a quello che è successo?

– Sarà interessante vedere come reagiranno di più ora. Sto affrontando un gruppo molto attivo. Sorridi di nuovo a posto. Stanno pensando al futuro e penso che possa essere un punto di forza per noi. Ma allo stesso tempo ci sono state alcune corse difficili, ma ne siamo usciti insieme. Ci sono state delle divisioni nel gruppo, ma ora siamo insieme.

Quali passi avete fatto tu e la BP dopo aver preso il comando per radunare le forze e concentrarti di nuovo sul calcio?

Abbiamo fatto un paio di giri al coperto con la squadra e abbiamo parlato insieme. Abbiamo parlato con la direzione e concordato una direzione generale. Abbiamo fatto lo stesso con il gruppo di giocatori. Abbiamo indicato come dovremmo essere in campo e come dovremmo apparire come club. Abbiamo eseguito alcune operazioni che penso siano state molto, molto buone. In mezzo a tutte le avversità, penso che questo ci abbia reso un gruppo più unito. Siamo stati molto chiari su come fare le cose insieme a Strømsgodset.

READ  È morto il controverso gigante del lancio sovietico Tamara Press (83)

Pensi che questa situazione influenzerà maggiormente Strømsgodset nella stagione 2021?

– No, non credo proprio. Ci lasciamo questo caso alle spalle e ci consideriamo finito. Come ho detto prima, penso che questo porterà a una maggiore unione di Strømsgodset. Sarà interessante vedere a che punto siamo. La mia esperienza è che ora c’è un focus grezzo sulle prestazioni. Durante il processo ci siamo anche conosciuti meglio.

– Prima eri nella tempesta. Quando ho guidato Fredrikstad per un breve periodo, ha affrontato un coraggioso incontro di agitazione e molestie nei confronti dei giocatori e degli allenatori del club. Cosa ho imparato da questo e c’era un buon peso in ciò che il farmaco sta attraversando ora?

Leggi anche: Strømsgodset ha condotto un’indagine interna dopo le osservazioni razziste dell’allenatore

– Sì, impari parte di quello. Ma devo sottolineare che non mi oppongo alle critiche o alle voci critiche dall’interno e dall’esterno. È così che giocatori e allenatori vengono molestati e comunicati, anche sui social media, con cui ho interagito in quel momento. Questo è all’ordine del giorno come uno dei principali problemi della società. Un allenatore di calcio sceglie di starci dentro o no, ma quelli che crescono oggi, alle elementari, alle superiori e alle superiori, spesso provano emozioni e non possono farci niente e non possono farci niente. È una tendenza noiosa. Penso che la critica costruttiva o no, sia qualcosa con cui possiamo convivere abbastanza bene. L’istigazione alle molestie e questo genere di cose, penso sia un’enorme sfida nella società. Colpisce la prossima generazione. Diventa un’immagine e una forma di comportamento che trovo triste.

Hai affrontato una tale istigazione contro Strømsgodset come club all’indomani del caso Henrik Pedersen e come il consiglio ha gestito il caso?

– È stato molto difficile non notare questo stato che stiamo vivendo nella tenuta. Chiunque segua Judest e ami il club potrebbe pensare che sia così triste. È stato lo stesso. Ma non ho sperimentato nessun altro tipo di reazione se non, ovviamente, le persone si arrabbiano. Ci sono molti che amano il club. D’altronde forse ci sono molti che trovano la forza in questo e possiamo usarla per creare di nuovo una squadra forte e un club forte. Ne vedo già le caratteristiche.

Leggi anche: Jostein Flo finisce come direttore sportivo allo Strømsgodset

Trasferimenti:

bar:
Fred Friday (No Club)

Al di fuori:
Magnus Lankhof Dahlby (scaduto)
Matthias Finisterand (contratto scaduto)
Daniel Hamdy (prestito, Floro)
Mustafa Fofana (prestito, Perm)
Matthias Fjeld Jolyksen (Askair)

Partite di allenamento:

26 aprile: Strømsgodset – Sandefjord 1-0 (Enersen).
2 maggio: Strømsgodset – Fredrikstad

Odds Elite Series 2021

Preferito per vincere l’Elite Series 2021 in contrasto con Molde con 2,35 di peso su Rosenborg con 4 e Vålerenga con 5,25.

I favoriti a ritirarsi sono Sandefjord, Strømsgodset e Mjøndalen con Tromsø e Bran direttamente dietro di loro.

Vidar Oren nei panni di Gartanson è il favorito per diventare un marcatore con 8 quote.

Qui puoi inviare il tuo gioco