Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Eravamo così spaventati – VG

Alessio Paduwano

Il virus corona ha scatenato scene dell’orrore nel nord Italia. Nel marzo dello scorso anno, un medico anonimo ha lanciato l’allarme internazionale – VG.

Oggi, l’uomo che ha avvertito la Norvegia si fa avanti e gli racconta le scelte che gli faranno sognare.

Pubblicato:

La prima eruzione in Europa ha colpito il nord Italia nel marzo 2020. Un sistema sanitario con pochissime attrezzature per il controllo delle infezioni e pochissime unità di terapia intensiva era completamente sovraccaricato.

Quando il virus ha diffuso morte e caos in Lombardia, l’infezione da corona non ha raggiunto la Norvegia. Poi un medico italiano ha deciso di dirmi cosa aspettarmi.

Era esausto e frustrato. Non gli era permesso di parlare. Tuttavia, ha scelto di uscire anonimamente al VG il 14 marzo dello scorso anno.

– Non abbiamo paura. Abbiamo paura. “Siamo pronti a sacrificare le nostre vite per prevenire uno tsunami”, ha affermato il dott. VG.

Pregò la Norvegia di ascoltare la sua storia.

– Per favore. Pronto.

Ora, 16 mesi dopo, è solo.


Francesco Landucci (37) È medico di terapia intensiva presso l’Ospedale Santa Maria Nua di Firenze. Incontra VG dopo un turno di notte estivo.

Piazza de San Pierre Magiori è piena di ristoranti all’aperto, io servo pizza gigellini e il caldo estivo inizia a calare dopo il tramonto.

L’Italia riapre dopo un inverno di chiusura e isolamento.

– Per me è strano vedere tutte queste persone comportarsi come se niente fosse. È successo qualcosa di grosso, in un angolo dell’ospedale, racconta Landusi.


Ti racconterà cosa è successo.

È una storia di speranza e dubbio. Sulla felicità e la frustrazione. Sulla sofferenza e sulla morte.


– Questa è una tempesta perfetta Landucci dice che ha colpito Bergamo, Milano e Birmania.

Il micidiale virus corona ha raggiunto per la prima volta città lontane 300 chilometri e ha creato panico e caos. Firenze aveva tempo per l’acciaio.

La capitale del Rinascimento fu chiusa.

– La città era vuota. Ogni giorno andavo a lavorare, orgoglioso di essere lì ad affrontare la tragedia e orgoglioso di aver cercato di prevenire l’epidemia. Allo stesso tempo, eravamo molto spaventati.

READ  Ripensare al calcio italiano in TV

Il giovane medico di terapia intensiva mostra l’anello nuziale. Datata 15 marzo 2020 incisa.

– Sierra e io ci siamo sposati perché temevo per i miei cari. Abbiamo una figlia di 12 anni, mia moglie è un’infermiera e siamo entrambi a rischio di ammalarci gravemente.

Ogni giorno, mentre andava al lavoro, Landuzi sentiva la paura del contagio. Se doveva essere ricoverato in ospedale, c’erano vestiti extra con lui in una borsa.

Cosa succede se viene contagiato? Si ammalerà come qualsiasi altro paziente che abbia mai curato?


Dopo la prima colazione Visita il ristorante dove ci incontriamo sul suo posto di lavoro.

L’Ospedale Santa Maria Nua fu fondato nel 1288 da Balco Portinari, padre della giovane amata del poeta Dante Beatrice, detta “Divino Umorismo”. Il trambusto storico porta in strada anche dipinti con motivi religiosi sotto l’arco, ma l’ospedale all’interno è sofisticato e recentemente ristrutturato.


Francesco Landuzi si trasforma in divisa verde a maniche corte e coccodrilli arancioni e si esibisce al reparto di terapia intensiva al piano rialzato attraverso luminosi corridoi.

Santa Maria è l’ospedale più piccolo di Firenze. C’erano 18 unità di terapia intensiva per i pazienti Kovid. Nell’ultimo mese non hanno avuto nulla. Molti respiratori sono conservati nella stanza sul retro. Puoi portarli di nuovo fuori per l’inverno.

– Siamo pronti per nuove mutazioni contro il virus per i vaccini che abbiamo sviluppato. Ma spero che la quarta ondata sia più facile, dice Landusi.

Ci crede, ma ammette che i nuovi tipi di partecipanti lo spaventano.

Il virus ha ucciso 127.000 italiani. Non andrà.


Virus SARS-CoV-2 Attacca le vie aeree e scatena la polmonite. Nei casi più gravi, il virus può causare danni ai polmoni, malattie cardiache, coaguli di sangue e insufficienza d’organo.

– Inizialmente, ci sono molte persone che hanno difficoltà a respirare. Non hanno notato un calo del livello di ossigeno nel sangue e non si sono resi conto che avevano bisogno della respirazione artificiale.

READ  Virus Corona, studio | Studio: anticorpi nel corpo almeno otto mesi dopo Govit-19

Landusi spiega che basse concentrazioni di ossigeno possono causare confusione e agitazione nei pazienti. I medici di terapia intensiva come lui decideranno di attaccarli al respiratore.

– A volte le condizioni del paziente sono così gravi che è difficile credere che possa morire entro 24 ore. Il dottore dice che non capiscono che hanno bisogno di essere anestetizzati.

E se pensa che qualcuno sia morto, senza sapere che è gravemente malato?

Nodi Landusi.

– Sì, probabilmente.


Non si ricorda Per la prima volta inserì lentamente un tubo nella trachea di una corona in modo che la macchina potesse respirare nel paziente.

– Ma ricordo di aver tirato fuori il tubo per la prima volta perché il respiratore non serviva più. Abbiamo pianto di gioia quando abbiamo saputo che potevamo salvare anche i pazienti.

Cos’altro ricorda del primo focolaio nella primavera del 2020?

– Come ci siamo incoraggiati a vicenda, come i nostri volti erano segnati dalle maschere e le uniformi erano bagnate di sudore e lacrime.

Parla della forte somiglianza tra medici e infermieri nel reparto di terapia intensiva, lo spargimento di sangue 24 ore su 24, il coraggio e lo sforzo disinteressato.

– Ma ricordo anche il profondo dolore che abbiamo provato quando abbiamo perso i pazienti.

– Ogni volta che abbiamo fallito, il lavoro sembrava così privo di significato …


Forte Landusi Quando il bisogno era così grande, i medici dovevano scegliere tra la vita e la morte,

– Molti erano malati e noi eravamo sotto stress. Quando non si dispone di unità di terapia intensiva, si dovrebbe considerare di dissezionare quelle molto vecchie in modo che altri possano portarsi a letto, dice il medico.

Queste sono le scelte che deve fare la Norvegia. Da noi il numero dei malati critici non è mai stato così alto e la capacità delle unità di terapia intensiva degli ospedali è stata davvero minacciata.

READ  MBDA svilupperà un nuovo missile anti-nave per la Marina Militare Italiana

Francesco Landusi afferma di non permettere che i pazienti di età inferiore ai 60 anni muoiano senza cercare di salvarli, purché non abbiano una malattia di base pericolosa per loro stessi.


– Quante volte sei stato coinvolto in tali decisioni?

– Forse 20, negli ultimi mesi. Dal momento che è stato così difficile perderne così tanti, ha messo a repentaglio il senso di pericolo della squadra.

– Se non siamo d’accordo, continuiamo il trattamento.


Poi la seconda ondata di contagi Si è verificato dalla fine di ottobre dello scorso anno, il sistema sanitario in Italia è stato appositamente preparato. Ma i pazienti erano giovani e malati, ha detto Landusi.

Il bilancio delle vittime dello scorso inverno è stato ancora più alto.

– Non è inaspettato, ma non credo durerà a lungo. Quando vedi così tanta morte, è difficile essere orgogliosi del processo di guarigione. Eravamo così stanchi e frustrati.

Landusi dice che l’epidemia ha cominciato a erodere tutti. I parenti che inizialmente erano grati sono diventati scettici. Gli applausi della folla si sono placati.


Non credeva più che fosse giusto iniettare ai pazienti e portarli in coma, o che sarebbe stato meglio somministrare ossigeno in una maschera o in un casco.

– Ogni esame ha avuto grandi conseguenze. Ho visto pazienti con corona morire di complicazioni inaspettate nei loro 30 anni. Mi dà sogni.

– Di notte sono perseguitato dai fantasmi.


Francesco Landucci Molti dei loro colleghi affermano di aver discusso di lasciare la professione medica dopo un anno di duro lavoro disumano e difficoltà personali.

– Abbiamo assistito a tragedie inimmaginabili, perdendo giornalmente pazienti giovani e altrimenti sani a causa del virus negli anni ’50. È diventato sempre di più.

Il medico italiano è lieto di essere uscito da VG nel marzo dello scorso anno.

– Credo di aver salvato più vite in Norvegia che in Italia.