Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Etica della convivenza Hegertun

Matrimonio: Hegertun va contro la classica lettura teologica dei testi biblici e non offre alcun aiuto ai cristiani gay che desiderano vivere secondo le linee guida morali della Bibbia per la convivenza, scrive Njål Skrunes. Foto: Gorm Kallestad / NTB

Presenta una sorta di etica dell’esperienza e dell’interpretazione biblica che lo allontana dal significato-contenuto dei testi biblici e da una comprensione teologica di base della realtà nella creazione, caduta e redenzione.

Qual è la base dell’etica della convivenza con Terje Hegertun? Questa è la domanda cruciale che dobbiamo porci nel suo nuovo libro: Honest Coexistence.

Skruns: Nigal Skruns è professore emerito all’NLA University College. Foto: Tori Hjalmar Civic

Il suo progetto di ricerca nasce dall’empatia. Ha incontrato un certo numero di cristiani gay e ha assistito alle loro sfide.

Ha creato il desiderio di trovare una ferma difesa del matrimonio tra persone dello stesso sesso sulla base dell’amore, della reciprocità, del rispetto e della fedeltà.

Pertanto, la ricerca di Hegerton ha un obiettivo specifico e un’ipotesi di controllo.

La volontà creatrice di Dio

A un bivio nel processo di ricerca, Hegertun crea costantemente una serie di opzioni che supportano l’obiettivo. Ma qual è la comprensione morale e testuale che diventa poi normativa?

Hegertun sostiene una forma di “teologia sperimentale”. Tra l’altro, prende come punto di partenza la metafora dell’albero e del frutto (Mt 7,18, p. 92), che descrive come «vero criterio di discernimento» quando «i pilastri della morale del matrimonio devono essere tenuto» (p. 92).

Quando entrambe le parti nel matrimonio omosessuale sperimentano l’amore, il rispetto e la fedeltà come valori fondamentali, è cosa buona e secondo la buona volontà di Dio (p. 96; p. 158f).

Hegerton credeva che tale pratica omosessuale non potesse andare contro la volontà creativa di Dio.

Si affida al professor Jan Olaf Henriksen quando estrae una comprensione dell’etica basata sull’esperienza (p. 150f).

È vero che la Scrittura, la tradizione e l’esperienza dovrebbero tutte contribuire al ragionamento morale, ma non c’è dubbio che l’esperienza soggettiva e positiva nel matrimonio tra persone dello stesso sesso è il “buon frutto”.

L’articolo continua sotto l’annuncio.

polarità sessuale

Per mettere in atto questo canone, Hgerton discute la comprensione del matrimonio basata su Genesi 1-2 (pp. 76-86).

Hegerton riconosce che nei testi la polarità di genere è importante sia per la procreazione che per la genitorialità, e il matrimonio è uno schema che la protegge. Ma per consentire una comprensione più ampia del matrimonio, il testo dà una nuova interpretazione.

Hegerton ha fatto dell’idea del bisogno di un uomo di un “aiutante” un grido di “uguaglianza, amicizia e reciprocità tra due adulti” (p. 81). Ciò si ottiene quando un uomo dice: “Ora sono le ossa delle mie ossa, carne della mia carne”.

Qui Hegertun trova espressione “una comune identità dell’uomo che esiste l’uno per l’altro”. In linea con questa affermazione, il testo seguente sarebbe:

“Perciò l’uomo lascia suo padre e sua madre e si unisce a sua moglie e i due diventano una sola carne” (Genesi 24,2), reinterpretato.

Non è espressione della “fusione coniugale e disgregazione della sua famiglia d’infanzia”, ​​ma si concentra piuttosto sull’interesse dell’uomo e sulla fedeltà dei suoi legami che ora devono essere diretti verso la sua nuova famiglia come se fosse un corpo. (pag. 82).

In questo modo, dice Hegerton, “questo testo diventa molto rilevante per la convivenza eterosessuale e omosessuale”. Hegertun ha eliminato l’ancoraggio del testo alla polarità di genere per consentire l’inclusione della convivenza omosessuale.

un uomo e una donna

Questo è un deragliamento. In tutto il contesto testuale c’è un segno della polarità di genere e società per realizzare la chiamata di Dio; “Colpisci e riempi la terra e soggiogala” (Genesi 1:28).

La polarità tra sesso e riproduzione è così fondamentale che quando un uomo dà finalmente un nome a una donna, la chiama “Eva, perché è diventata la madre di tutti i viventi” (Genesi 3:20).

Secondo Hegerton, l’uomo e la donna non sono essenziali per la formazione del matrimonio. Ci basta avere una “alleanza matrimoniale” basata sull’amore, il rispetto reciproco e la fedeltà.

L’articolo continua sotto l’annuncio.

La sessualità nel matrimonio tra persone dello stesso sesso dovrebbe approfondire e rafforzare la vicinanza, la passione e l’amore, ma non è collegata alle differenze tra i sessi, alla procreazione, ai corpi delle donne e degli uomini e ai genitali.

Haggerton guarda oltre la differenziazione biologico-emotiva dell’uomo e della donna e che l’attività sessuale del corpo mira a riunire il corpo dell’uomo e della donna in un modo che consente a uno spermatozoo e a un uovo di fondersi e diventare l’inizio di una nuova vita umana .

perdere la connessione

Nel suo tentativo di legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso, Heggerton ha perso il contatto con la teologia biblica della creazione.

La classica concezione cristiana del matrimonio è protetta da una serie di comandamenti ed esortazioni nella Bibbia. Ma questi testi biblici non hanno nulla a che fare con il tipo di matrimonio tra persone dello stesso sesso che Hegerton vuole legalizzare.

Crede che i testi di Paolo, Romani 1:26-27; 1 Corinzi 6:9-11 e 1 Timoteo 1:10 parlano della sessualità che si sviluppa in una gerarchia dominata dagli uomini segnata dal potere e dall’oppressione.

Sebbene Hegertun sappia che la ricerca ha scoperto esempi di relazioni omosessuali simili al matrimonio e che l’omosessualità può essere considerata un tratto identitario permanente di una persona (pp. 131-133), questi risultati non sono ancora rilevanti per la valutazione dello stesso sesso. coesistenza. Sulla base dell’amore reciproco, del rispetto e della fedeltà, per questo tipo di convivenza deve essere sconosciuto a Paolo (p. 131).

Metodo di interpretazione

Questo rifiuto di Paolo si basa su un particolare metodo di interpretazione. In primo luogo, i testi devono essere spogliati della loro distinzione storica e culturale.

In secondo luogo, deve essere approssimativamente “tradotto” nel nostro tempo. Inoltre, l’interpretazione e l’applicazione dovrebbero creare “buoni frutti” (p. 149). Questi requisiti interpretativi danno all’interprete, in questo caso Hegertun, una grande libertà.

Hegertun non è il solo a giustificare l’importanza dei testi con l’idea che debbano essere obiettivi nel soddisfare la situazione attuale.

Se si applica radicalmente questa interpretazione, è facile trasformare i testi biblici in antichi cimeli di valore museale.

L’articolo continua sotto l’annuncio.

Ora Hegertun non vuole cadere in quel buco. Invece, parla della necessità di trovare le idee dominanti bibliche di base in tutti i contesti (p. 145 ss) come l’amore, il rispetto, la devozione, ecc.

Il problema sorge quando queste idee dominanti incontrano il contenuto del significato storico linguistico dei testi biblici.

In Romani 1:18-32, Paolo collega le pratiche omosessuali con l’apostasia dalla rivelazione naturale che appare nella creazione di Dio.

La creazione e la caduta nel peccato sono incluse come prerequisiti permanenti per la vita umana. In Romani 1, 18 Paolo applica una comprensione teologica del peccato. Non si tratta delle condizioni temporali culturali e sociali in cui si manifesta il peccato.

Hegertun trascura questa prospettiva teologica di base in Rm 1, 18 e seguenti e fa del testo un’espressione culturale legata al tempo.

La rivelazione di Dio

Hegerton afferma in diversi punti di considerare la Bibbia come la rivelazione di Dio. Cita anche la Chiesa di Filadelfia nel Biblical Understanding di Oslo (p. 146) e dà l’impressione che questo sia il suo punto di vista.

Ma offre una sorta di esperienza morale e di interpretazione biblica che lo allontana dal significato dei testi biblici e da una comprensione teologica di base della realtà nella creazione, caduta e redenzione.

In questo modo, Hegerton va contro la classica lettura teologica dei testi biblici, e non offre alcun aiuto ai cristiani gay che vogliono vivere secondo le linee guida morali della Bibbia sulla convivenza.

READ  parlare, opinioni | Non è facile trascorrere una vacanza in sedia a rotelle