Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Forti tradizioni natalizie in Norvegia, ma ora vince l’albero di Natale in plastica – Doc

Il 93 percento decorerà per Natale. Quasi tutti dovrebbero avere un albero di Natale. Amiamo le tradizioni, ma ora gli alberi di Natale finti sono più popolari di quelli veri.

Un’ampia indagine natalizia internazionale su 17 paesi che celebrano il Natale ha rivelato che nessuno ama le decorazioni natalizie più dei norvegesi. Qui, il 93 percento decorerà per Natale a casa e il 90 percento avrà un albero di Natale.

Il 60 percento ha legno “irreale”, mentre il 30 percento deve avere legno vero.

Il sondaggio di Natale è stato condotto dalla soluzione di pagamento e shopping Klarna. Più di 17.000 intervistati hanno risposto a domande sul loro rapporto con gli alberi di Natale e le decorazioni natalizie. Tuttavia, le tradizioni, gli oggetti e i simboli ereditati sembrano essere forti. Ma l’albero di plastica una volta disapprovato è ora più popolare del vero legno, e in alcuni paesi ancora di più.

– In precedenza, l’albero di plastica era enorme, ma ora è un esempio di come qualcosa può essere accettato gradualmente, afferma l’antropologa sociale e ricercatrice di tendenze Gun Helen Ui a NTB.

In passato, l’albero di plastica veniva criticato perché sembrava finto, ma oggi molte varietà sono molto realistiche. Inoltre, ci sono diversi argomenti che hanno molto peso: l’albero non spruzza, non trattiene insetti vivi, non infastidisce chi soffre di allergie e può essere riutilizzato. Ci sono anche vantaggi là fuori per le persone che sono a corto di tempo. Qui, l’albero può essere rimosso e installato solo dopo che il Natale è finito.

piani diversi

Finora, la catena ha venduto il doppio degli alberi di Natale artificiali rispetto all’anno scorso, afferma Stian Jørgensen, sales e product manager di Jernia. Rispetto al 2018, la crescita è di circa il 240%. Pensa che molto sia dovuto al fatto che gli alberi sembrano così reali.

READ  Gli Stati Uniti sono delusi dal fatto che la Russia stia ponendo fine alla cooperazione spaziale

Con solo il 10% che rinuncia all’albero di Natale, la Norvegia differisce leggermente dagli altri paesi nordici nel sondaggio. In Finlandia, la cifra raggiunge il 24%, mentre il 21% degli svedesi taglia l’albero di Natale. L’Irlanda e la Polonia sono i paesi in cui la maggior parte delle persone dovrebbe avere un albero di Natale in una forma o nell’altra: solo il 3% lo abbandona.

Il vero albero di Natale è chiaramente il più popolare in Austria, con ben 6 su 10 che giurano per questa varietà. All’altra estremità della scala c’è la regione del Mediterraneo, con il Portogallo in testa. Lì, solo l’11 percento dovrebbe avere legno vero. Ma devono averne tre. L’85% sceglie il finto legno.

In tutti i paesi l’albero di Natale è l’elemento più importante delle decorazioni natalizie. Anche le classiche decorazioni natalizie sono citate da molti come molto importanti, insieme all’illuminazione natalizia.

Le decorazioni natalizie classiche sono chiaramente più forti in Norvegia, dove il 76% deve avere qualcosa del genere. Cos’è il Natale senza angeli, una stella alla finestra, un paletto dell’Avvento, cuori ed elfi?

Cambiamento strisciante

Potremmo sembrare tradizionalisti, ma il passaggio e l’accettazione degli alberi artificiali è un esempio del fatto che siamo già cambiati molto in due generazioni.

Quelli più grandi potrebbero notare che elementi come una stalla con un presepe e personaggi del Vangelo di Natale non sono più così forti. Nei paesi del Mediterraneo, questo è ancora un requisito del 40%. In Norvegia, solo l’8% pensa che sia importante.

Le tovaglie natalizie (5 percento), gli schiaccianoci (3 percento) e i lustrini natalizi (6 percento) sono meno sovvenzionati: questi sono i più anziani tra noi che si preoccupano di più.

READ  Un documentario che non lascia spazio all'ottimismo sull'epidemia

In Norvegia abbiamo un forte legame con il Natale e la nostra casa riflette chi siamo. Il modo in cui decoriamo l’albero di Natale e ciò che scegliamo dovrebbe accogliere tutto questo, che tu sia materialista o semplice. Øye dice la storia che abbiamo e chi siamo ora.

Può essere molto se devi includere motivi di cimelio, figurine di lana doro fatte in casa, nuove tendenze e classici norvegesi.

– Questa è una discussione eterna. Dovremmo tenere tutto o optare per un’espressione quasi austera, dice Øye?

Legno pregiato

Nel sondaggio, alle persone è stato anche chiesto come avrebbero decorato il loro albero. Qui, cinque norvegesi su sei rispondono che sarebbero tre tradizionali, nessun tentativo di avere un proprio stile unico.

Ad un livello leggermente più dettagliato, è stato chiesto loro di descrivere lo schema dell’albero di Natale, e poi il terzo ha risposto che ridacchiavano: tante luci e decorazioni. Ma potrebbe essere troppo?

Ricorda, il Natale riguarda le relazioni e i sentimenti umani. Abbiamo tutti bisogno di qualcosa di visibile, come una stella di Natale in una finestra per ricordarci cos’è il Natale per noi – e in effetti il ​​suo messaggio. Questo vale sia per i credenti che per gli atei o gli agnostici, dice Øye.

Il ricercatore ci consiglia di abbassare le spalle e, se le opinioni divergono, lasciare che tutti abbiano la loro felicità questo Natale.

Compra “Scienza incerta” di Stephen E. Kunin come tascabile quaggiù e come e-book quaggiù!

Acquista “Shaking Europe” di Carl Schiøtz Wibye qui!

Acquista qui tutte le riviste Document Forlag!