Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Fresh ha dovuto dormire in stanze infette

Sabato, il comune di Nordfron ha riferito che a 43 persone associate al centro di accoglienza per rifugiati di Finstra era stata diagnosticata una malattia coronarica.

Domenica si è saputo che le persone risultate positive al virus dovevano dormire in stanze con persone risultate positive all’infezione.

Rivela piani per test completi comprehensive

Il sindaco Anders Brabrand ha confermato a TV 2 di essere d’accordo con la posizione in cui dormivano le quattro persone con malattia coronarica.

“Abbiamo dovuto mettere insieme le liste che avevamo con i risultati dei test rispetto alla distribuzione delle stanze che avevamo, e poi abbiamo scoperto verso le 22 di ieri, che c’erano quattro persone che erano negative e che andavano a letto con persone che erano positive”, lui dice.

Dice che una delle quattro persone era un bambino che si è rivelato impossibile separare dalla famiglia.

– Quindi siamo rimasti con tre adulti che erano in una stanza con persone positive, è vero, dice.

Chiudi: La TV ha inviato 2 immagini che mostrano una delle stanze della reception a Finstra.

Chiudi: La TV ha inviato 2 immagini che mostrano una delle stanze della reception a Finstra. Foto: privato

Il sindaco spiega che bisognerebbe quindi prendere in considerazione l’ipotesi di prelevare le tre persone alla reception il sabato sera tardi, oppure lasciarle per la notte e farlo in maniera controllata la domenica.

Dice che il comune è stato anche informato che non ci sono stanze separate per le tre persone alla reception.

“E poi ho fatto una valutazione che qui, dopo tutto, c’è stata un’epidemia di infezione per molto tempo – forse fino a due settimane prima del nostro arrivo – quindi la probabilità che quei tre si convertano e poi diventino positivi, è piuttosto alto”, dice.

rischio

Brabrand aggiunge che c’è il rischio di un simile trasferimento.

Approvata la presunta festa con più di 40 partecipanti: questa è la risposta del comune

– Dobbiamo avere grandi autobus – non possiamo portarli nel solito modo delle auto – e dove vengono portati, dobbiamo assicurarci di controllarli in modo che non rischino di diffondere l’infezione al di fuori della reception, dice.

Secondo Brabrand, d’accordo con l’autista di tale accoglienza, il comune ha ritenuto che ci sarebbe stato un rischio associato all’esecuzione dell’operazione nella tarda mezzanotte di domenica.

– Non è stato possibile trovare la soluzione perfetta, ma dopotutto pensavamo fosse la più sicura. Quindi è importante che ci concentriamo sulla prevenzione dell’infezione da ricezione nella comunità circostante, e anche tra le stanze e tra gli individui – quindi ci sono diversi livelli in cui cerchiamo di prevenire la diffusione dell’infezione, dice, e aggiunge:

– È vero che non era la soluzione ottimale, ma la soluzione ottimale non era disponibile ieri sera, quando l’abbiamo saputo.

Gere Ovey, 61 anni, era malato terminale di Corona – e ora non può andare oltre i 100 in un batter d’occhio

Trasferimento

Il comune non è ancora del tutto sicuro di come l’infezione abbia raggiunto la ricezione.

– Ma crediamo che il contagio provenisse originariamente da altri centri di accoglienza del Paese, afferma il sindaco.

Infatti, i residenti degli altri centri di accoglienza sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Finstra.

– L’ingresso del contagio che stiamo anticipando è indietro nel tempo, intorno al 6 novembre. Poi, c’è stata una diffusione dell’infezione in ricezione da quel periodo fino a quando non l’abbiamo scoperto pochi giorni dopo, quindi erano già passati diversi giorni alla reception prima che lo trovassimo, dice Brabrand.

Per TV 2, UDI afferma che non tutti coloro che sono stati recentemente portati alla reception di Vinstra sono stati testati, solo quelli con sintomi.

In parte perché l’accoglienza a Toten, da cui provengono molti, è un’accoglienza decentralizzata, afferma il direttore delle comunicazioni Ingeborg Grimsmo.

READ  Dobbiamo fare spazio all'innovazione radicale