Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gaza, Palestina |  Se anche la morte di 1.873 bambini non dovesse mobilitare il mondo, le mie parole?

Gaza, Palestina | Se anche la morte di 1.873 bambini non dovesse mobilitare il mondo, le mie parole?

Registro della discussione Esprime le opinioni dello scrittore.

(Discussione sul commerciante): Non ho scritto nulla da quando il portavoce militare israeliano ha parlato del bombardamento dell’ospedale battista che ha ucciso centinaia di persone. Non potevo scrivere. Avrei voluto urlare, ma la voce mi rimase bloccata in gola.

Questo senso di impotenza, oppressione e senso di inutilità mi travolge. Perché solo una parte ha il diritto di raccontare la storia?

D’altra parte, perché il mondo ha reagito in questo modo alla notizia dell’uccisione dei bambini israeliani il 7 ottobre, quando furono uccisi 1.873 bambini palestinesi e non accadde nulla?

Se anche la morte di 1.873 bambini non dovesse mobilitare il mondo, le mie parole?

Wesam Almadani

Wesam Almadani è uno scrittore freelance e attivista palestinese. Ha pubblicato un romanzo e diverse raccolte di poesie e testi. Le opere letterarie di Almadani sono state tradotte in inglese, norvegese, svedese, ebraico e italiano.

Le persone che vivono a Gaza o hanno parenti a Gaza hanno sviluppato una cosa chiamata “fobia del telefono”. Ogni volta che squilla il telefono, tutto il corpo trema: chi è morto questa volta?

I miei amici hanno detto che stavano vivendo la stessa cosa. Quindi evitiamo il contatto reciproco.

I suoni diventano deboli. Anche se i bombardamenti non cessano, ricevo meno notizie da Gaza. Forse ci sono problemi di connessione a Internet, oppure la censura dei social media ci impedisce di ottenere informazioni, o forse non è rimasto più nessuno, o forse siamo semplicemente sordi.

In questa guerra il significato delle parole è cambiato. pace Le urla soffocate furono spiegate. Nero non è più solo un colore per la notte. Gaza è costantemente illuminata dalla luce del giorno mentre le esplosioni illuminano il cielo giorno e notte.

READ  Crisi del governo italiano - Draghi prega di restare - Dagsavisen

Clicca qui per iscriverti alla newsletter di Norsk Debatt

Non ricordo che giorno fosse. In guerra un giorno equivale a mille anni.

La mia famiglia e altri stanno aspettando il loro turno osservando i bombardamenti sui bordi delle strade, sulle porte degli ospedali, nelle scuole dell’UNRWA e in ciò che resta delle loro case.

Anche il loro diritto a ricevere notizie sulla guerra e a sapere quale zona è presa di mira viene perso a causa delle interruzioni di corrente e dei problemi di Internet.

Quattro giorni fa ho perso i contatti con la famiglia e le sorelle di mio padre.

Non sappiamo nulla di loro tranne che sono in parte bombardieri. Ancora non sappiamo nulla del mio vecchio zio e della sua famiglia. Seguo solo immagini e video da Gaza. Forse vedo qualcuno che conosco e seguo l’elenco dei morti.

Sì, ti sfido a farlo. Ma il mio corpo non smette di tremare e di negare tutto ciò che sta accadendo.

Mia madre cerca di rassicurarmi con voce tremante che stanno bene e hanno tutto ciò di cui hanno bisogno. Sapevo che mentiva e lo sapeva anche lei. Ma non ne discutiamo.

Venerdì sera ho ricevuto un messaggio da mio cugino e amico d’infanzia: “Per favore aiutami a lasciare questo paese”. Non so cosa rispondere. Comunque non aveva importanza, perché da quel giorno non era più online e non aveva letto la mia risposta.

Il mio amico Jihan accede a Facebook ogni giorno e scrive una data e una parola: “fegato”. Quindi viene disconnessa da Internet.

Il mio amico Yusuf scrive: “Mia sorella Shaima (incinta di otto mesi), mia figlia Marwa e suo marito sono morti.” La mia pagina Facebook è diventata come un cimitero pieno di persone morte che conosco e non conosco.

READ  Recensione: Pinocchio (Disney+) – KM

Continuare a leggere

Le ultime notizie dal conflitto israelo-palestinese

Recentemente Israele ha bombardato la chiesa di San Porfirio a Gaza, la chiesa più antica della zona e una delle più antiche del mondo.

Sì, le scuole, gli ospedali, le chiese, le moschee e persino le aree da cui alle persone veniva detto di andarsene furono distrutte dalle bombe. Le bombe seguono il principio di uguaglianza nella distruzione. Uccidono tutto e tutti.

dentro Ho perso la fiducia in tutti i diritti per cui ho lottato.

Umanità Un addetto alle ambulanze di Gaza tiene in braccio un bambino morto e lo rassicura che andrà tutto bene. Umanità Il medico, che accoglie le salme dei suoi familiari insieme alle vittime dell’esplosione, continua il suo lavoro tra singhiozzi ancora incontrollabili.

Maternità Una donna piange e perde la testa mentre i suoi figli muoiono di fame nell’esplosione.

Amore Una bambina di sei anni siede accanto alla madre morta e aspetta. C’è il padre che porta gli avanzi nei sacchi per seppellire insieme i bambini.

Continuare a leggere

Israele-Palestina: il conflitto più difficile del mondo

Ciò a cui assistiamo oggi a Gaza sono massacri, genocidi e pulizia etnica. Questa piccola area che non ha nemmeno uno Stato ci ha messo in luce il nostro doppio ruolo. Abbiamo smascherato la nostra ipocrisia.

Mentre tutto questo accade a Gaza, i membri del Congresso degli Stati Uniti tengono una conferenza stampa a Tel Aviv affermando che godremo di una bella vita dopo che Hamas sarà eliminato e la pace prevarrà.

Una bella vita anche se mancano quasi 5.000 persone tra padri, madri, figli, medici, giornalisti e tanti altri. Decine di migliaia sono rimasti gravemente feriti, molti dei quali mutilati. Le aree residenziali e le infrastrutture sono rimaste nella polvere.

READ  Annullata a Milano la conferenza su Israele per minaccia alla sicurezza - Doc

Di cosa stanno veramente parlando?

Sì, me ne ero dimenticato. Per loro siamo solo numeri. Vediamo – e siamo descritti – selvaggi, animali e qualsiasi altra cosa che ci disumanizza.