Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Georgia Meloney – Tutto deve cambiare per rimanere lo stesso

Georgia Meloney. Foto: AP Foto/Gregorio Borgia

Pubblicità

Pubblicità

Il 25 settembre, Georgia Meloney e il partito hanno vinto Fratelli d’Italia Elezioni in Italia con un margine maggiore del previsto. Tuttavia, negli ultimi decenni l’Italia ha vissuto un regime in netto contrasto con il rinascimento vissuto dall’Italia nell’ultima parte del secolo scorso. La qualità dei governi italiani e lo sviluppo della politica italiana sono inspiegabili e hanno portato il Paese in uno stato di impotenza da cui è difficile uscire.

L’Italia è passata da storia di successo a “malata d’Europa” in breve tempo. La crescita negli anni ’60 e ’70 è stata coronata negli anni ’80. Successivamente l’Italia ha superato la Gran Bretagna come una delle principali nazioni industriali del mondo. L’industria italiana ha ospitato grandi aziende con un mercato globale. Il paese era tecnologicamente ai vertici del mondo. Alla ricerca e all’insegnamento italiani sono stati assegnati premi internazionali, tra cui il Premio Nobel. Delegazioni da tutta Europa hanno esaminato lo sviluppo industriale e commerciale, i programmi di welfare, l’istruzione, la cultura e l’urbanistica in Italia. Studenti da tutta Europa si sono riversati nelle università italiane. Bologna, capoluogo di provincia dell’Emilia Romagna, era considerata “una delle più belle città del mondo” e oggetto di studio nelle università dell’Oriente e dell’Occidente.

Alla fine si è rivelata un’ottima cosa. Nel 1990 bastava. L’Italia è stata scossa da enormi scandali di corruzione. Il presidente del Consiglio del “Secolo d’oro”, il socialista Bettino Craxi, dovette essere esiliato. Nel 1999 l’Italia è diventata membro dell’UEM. Poi era finita. L’Italia è in una discesa sempre più ripida. Le finanze pubbliche, l’amministrazione, la sanità e l’istruzione, ma anche l’industria e il commercio sono costretti in ginocchio. “La Mala Vita” – Criminalità organizzata – in crescita in tutto il paese. Il territorio dello stato è stato ridotto dagli alleati del Paese per diventare un “hub” per le operazioni in tutta la regione del Mediterraneo. La criminalità organizzata utilizza l’Italia per tutte le forme di tratta, persone comprese. I vicini europei del paese hanno chiuso da tempo i loro confini.

READ  Rosso Fiorentino Volterra - Gioielleria fiorentina del Rinascimento italiano

Pubblicità

La politica italiana conobbe in pochi decenni due sconvolgimenti. La prima ‘dall’alto’ (o ‘rivoluzione passiva’ nelle parole del sardo Antonio Gramsci), la seconda ‘dal basso’. In primo luogo, i giudici attivisti hanno rovesciato il sistema dei partiti. La successione, un regime che ruotava attorno a potenti media, è stata rovesciata “dal basso” dal Movimento Cinque Stelle. Si tratta essenzialmente di una protesta spontanea e genuina contro le precarie condizioni di giovani e anziani derivanti da una cultura politica radicale e dalla mancanza di politici competenti.

Gli italiani hanno più volte dichiarato il loro desiderio di cambiamento, ma ne hanno sempre ricevuto di più. Il termine “trasformismo” è apparso per la prima volta nella politica italiana. In norvegese diciamo ‘adattamento’. Il termine ha origine dopo l’Unità d’Italia. È stato applicato ai politici del sud Italia. A Napoli e Palermo combatterono valorosamente per la causa dell’Italia meridionale e della Sicilia, ma a Roma soprattutto per la propria. Giuseppe Tomaso di Lampedusa ha dato al fenomeno fama internazionale con il suo romanzo In Catobardo (1954, norvegese ed leopardo, 1960): “Tutto dovrebbe appartenere agli altri, tutto dovrebbe rimanere tale”.

Potrebbe Meloni dare nuova vita alla piccola industria di Posleton, assicurare nuova attività nelle tante officine toscane e marchigiane e rafforzare la grande industria piemontese? Gli economisti affermano che la crescita e la prosperità dipendono dalle esportazioni. Il prodigio dell’export italiano degli anni ’70 ha servito principalmente i mercati del Medio Oriente e del Nord Africa. Oggi sono in rovina. Negli anni ’90, Roma e Milano hanno sviluppato ambizioni per mercati più grandi nei Balcani e nell’Europa centrale. Anche qui la guerra e la competizione amichevole hanno creato delusioni. Meloni ei suoi fratelli italiani sono amici intimi dei conservatori nordamericani, ma per questo motivo non hanno guadagnato un grande mercato in Nord America. Il protezionismo non manca in Francia. La Germania si sta trasformando in un buco nero, ma non un grande mercato per l’export italiano. Se Meloni vuole ridurre la disoccupazione e aumentare la creazione di valore, dovrà pensare in modo diverso e dare priorità al potere d’acquisto della maggior parte degli italiani. Non le sarà permesso di farlo dall’Unione Europea, dalla Banca Centrale Europea e persino dai creditori, con i quali altrimenti dovrebbe o dovrebbe negoziare.

READ  Un momento, supporto di potenza | Ci auguriamo che la "proposta Nesodden" sia d'accordo: - Non c'è nulla nella legge che lo impedisca

Ma in generale, la situazione diventa più interessante. Ovunque vada”il paese reale» (mondo reale) e “Io sono io paese formale» (Mondo dei politici). Qualunque cosa Meloni creda e faccia, la sua vittoria elettorale segna la fine dell’elettorato più grande e meglio organizzato d’Europa. È stato costruito molto duramente sulle alleanze mutevoli tra comunisti, socialisti e democristiani. Maloney era espressione di un nuovo regime e non era organizzato. Più di chiunque altro, ha preso in prestito il suo elettorato. La fornitura è ora in arrivo in Italia. La ruota della storia potrebbe eventualmente precipitarsi a “portarla” in molte nazioni. Vediamo tendenze simili nei paesi occidentali, inclusa la Norvegia.

Trova una soluzione per combattere l’estremismo di sinistra e di destra (+)

Apprezzi il ripristino?

colpo di frusta 124526
Banca 1503.94.12826SMS”Ristabilire” (200,- una volta) o SMS “Hard reset” (59– al mese) fino a 2474