Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Gli Uffizi fanno causa a Jean Paul Gaultier

Copiato il grande tesoro nazionale d’Italia.

Non è raro che i marchi di moda si mettano nei guai per aver copiato. Valentino ha citato in giudizio il marchio con sede a New York e il marchio danese ha citato in giudizio il favorito della moda.

Ora la Galleria degli Uffizi fa causa a Jean Paul Gaultier.

Il famoso museo di Firenze ospita alcuni dei dipinti e delle sculture più famosi al mondo di grandi nomi come Leonardo da Vinci, Michelangelo, Giotto e Raffaello.

Anche un dipinto in miniatura Nascita di Venere Dal 1485 di Sandro Botticelli.

Pertanto, la libertà di Jean Paul Gaultier di utilizzare i motivi non è andata d’accordo con il museo. Nascita di Venere Tra i suoi tanti prodotti. Ora Uffizi ha citato in giudizio la casa di moda francese per danni che potrebbero superare i 100.000 dollari. Custode.

La nascita di Venere di Botticelli. Foto: Art Media/Collezionista di stampe tramite Getty

Ciò corrisponde a circa un milione di corone norvegesi.

Si dice che la casa di moda abbia utilizzato la pittura italiana come punto focale sia in alto che in basso senza autorizzazione.

Quando la collezione è stata lanciata ad aprile, il marchio ha pubblicato una clip del dipinto sul suo profilo Instagram, in cui il corpo di Venere è stato scambiato con il fondatore del marchio, Jean-Paul Gaultier.

Secondo la legge italiana, l’utilizzo in vendita di manufatti di proprietà del governo del paese potrebbe richiedere un’autorizzazione e una tariffa. All’inizio di quest’anno, quando il marchio di lusso ha pubblicizzato i vestiti sul suo sito Web e sui social media, il museo avrebbe scoperto tutto.

Così Eike Schmidt, direttore degli Uffizi, avrebbe inviato una lettera al marchio ad aprile chiedendogli di rimuovere il prodotto dal mercato. O per pagare il canone della maison.

Avrebbe dovuto essere ignorato.

Jean Paul Gaultier
Bella Hadid e Jean-Paul Gaultier nel backstage dopo l’ultima sfilata dello stilista a gennaio 2020.

“Gli stilisti usano regolarmente le nostre immagini e la maggior parte ha familiarità con la legge italiana, che stabilisce che qualsiasi uso di arte statale deve essere autorizzato o pagato”, ha detto Schmidt a The Guardian.

Quanto dipende dal volume delle vendite e dal costo dell’abbigliamento, tra le altre cose. Si dice che sia stato usato da Jean Paul Gaultier Nascita di Venere Una collezione completa.

“Non stiamo parlando di milioni. Quello che è insolito qui è che non hanno risposto alla lettera”, continua il direttore degli Uffizi.

La Florence Gallery utilizza un tipo speciale di software che rileva se gli oggetti del museo vengono utilizzati per la vendita online. Inoltre, i fan devoti seguono sui social media.

leggi di più: – Malato, pericoloso e irresponsabile: aspre critiche dal mondo della moda

READ  Il campione d'Europa Siellini torna con tanti gomiti come se si abbracciasse!