Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

– Grande preoccupazione – VG

Danimarca salvata: con Qatar Airways in etichetta dietro la porta, Kasper Schmeichel si lancia e salva il traguardo inglese. La Danimarca ha perso le semifinali del Campionato Europeo 2-1 dopo inning extra. Foto: Justin Thales/Paul AFP

LONDRA (VG) Gli sponsor cinesi, russi e del Qatar hanno una grande pista da ballo durante i Campionati Europei. Il professore pensa che abbiano intenzioni molto diverse da quelle occidentali.

Secondo il sito Uefa, il torneo conta 12 “partner” ufficiali.

Quattro di loro sono di origine europea: marca di birra Heineken (Paesi Bassi), agenzia di viaggi Booking.com (Paesi Bassi), marca di auto Volkswagen (Germania) e servizio di consegna cibo solo mangiare (Gran Bretagna).

Due di noi: il gigante della soda لاق Coca Cola e compagnia di spedizioni FedEx.

L’obiettivo di queste aziende è il profitto. Stanno cercando di vendere prodotti e servizi. Per altri sponsor, è diverso, dice Simon Chadwick a VG.

È un professore mondiale di sport eurasiatici e ha una sponsorizzazione nello sport come uno dei suoi campi.

Per “Altri Sponsor” si intendono i giocatori che compongono l’altra metà dei Partner del Torneo:

Gazprom Compagnia energetica russa e il più grande gruppo russo.

Vista intera Jazz: Andrea Belotti segna ai rigori tra Italia e Spagna in semifinale davanti a un manifesto pubblicitario della Gazprom. Foto: Justin Thales/PISCINA/AFP PISCINA

Sono dietro i piani per il gasdotto europeo Nord Stream 2, che è stato accolto con sanzioni dagli Stati Uniti. Il governo degli Stati Uniti ritiene che il progetto dividerà l’Europa e indebolirà la sicurezza energetica europea.

– Usano la sponsorizzazione del Campionato Europeo come strumento diplomatico per costruire un miglior rapporto con l’Europa. Chadwick afferma che stanno esercitando il soft power nel tentativo di rimuovere la percezione che Gazprom abbia intenzioni malvagie.

READ  Donald Trump - perde la presa su Internet

Qatar Airways È la compagnia di bandiera dello Stato del Qatar.

VINCERO: Jorginho e Rafael Tolói festeggiano insieme dopo la semifinale contro la Spagna. Foto: Mark Pain / PA Images Contributor

potere morbido

Il Paese sta organizzando i Mondiali del 2022 e ha evidenziato quelle che Amnesty International descrive come “gravi violazioni dei diritti umani”, tra le altre per quanto riguarda le condizioni dei lavoratori stranieri nei cantieri.

Per loro, ovviamente, si tratta anche di vendere posti in aereo e superare Dubai come collegamento privilegiato per viaggiare nel mondo. Ma è anche uno strumento di soft power, dice Chadwick, e spiega:

Tutti coloro che hanno viaggiato con Qatar Airways sanno che il loro livello di servizio è molto più alto di quello di altre compagnie aeree. Questo per inviare un segnale che il Qatar ha standard elevati, grandi aspettative e crede nell’alta qualità.

– È legato a ciò che vogliono ottenere come sponsor del Campionato Europeo. Il professore dice che stanno costruendo la loro immagine come paese commercializzandosi durante questo torneo molto popolare.

La Cina è rappresentata da un massimo di quattro mecenati: il social network tic tocServizio di pagamento Alipay, elektronikkselskapet Hisense e società di tecnologia vivo.

Vivi! Phil Foden e Harry Kane festeggiano dopo la vittoria di quest’ultimo nella partita contro la Danimarca nelle semifinali del Campionato Europeo. VIVO è chiaramente visibile. Foto: CATHERINE IVILL / POOL

I cinesi hanno anche un approccio di marketing orientato al consumatore. Ma questo ha anche a che fare con diverse cose, come sottolinea Chadwick:

È un’indicazione del crescente potere economico della Cina. Hanno abbastanza soldi per battere i loro concorrenti in Europa e Nord America.

READ  Quattro in una famiglia di sei morti

Ritiene che ciò rifletta quanto sia stata forte l’industria cinese rispetto all’Europa negli ultimi 10-20 anni:

Quello che sta succedendo è che la Cina sta cercando di rendere l’Europa dipendente dal denaro cinese. La UEFA e altri diventeranno dipendenti dalle società cinesi per migliorare la situazione finanziaria dei tornei che ospitano. Con la dipendenza arriva il potere e con la forza arriva la capacità di influenzare ciò che fanno gli altri.

Non è solo durante gli Europei che la Cina mette tutti i panni dalla parte dello sponsor. La Copa America, che è attualmente in corso anche con le superstar Lionel Messi e Neymar nel ruolo del protagonista, include il social network cinese Kwai e la società di elettronica cinese TCL in un piccolo gruppo di importanti sponsor.

In Copa America: Lionel Messi esulta davanti al poster dello sponsor del social network cinese Kwai. Foto: Henry Romero/Reuters

Candidatura alla dittatura

Secondo Chadwick, anche questo fa parte della candidatura della Cina ai Mondiali del 2030. Le elezioni si terranno nel 2024.

– Avranno bisogno di voti da Europa, Sud America e Africa, e quindi sono attivi come sponsor in tutti questi continenti. Ciò significa che gli accordi non sono solo uno strumento di marketing, ma anche uno strumento diplomatico, afferma.

– Quali sono le sfide associate a questo tipo di sponsor per commercializzarsi in relazione a questo popolare torneo?

Gli europei dovrebbero preoccuparsi che le nostre aziende non siano così competitive a livello globale come una volta. Chadwick afferma che riflette una situazione fallimentare in Europa e continua:

– Inoltre, gli sponsor hanno motivazioni non solo commerciali, ma politiche. Questo è molto importante perché stiamo parlando di paesi che hanno sistemi e ideologie molto diversi dai nostri. È molto preoccupante per me che ideologie e regimi in competizione stiano cominciando a prendere piede.

READ  Grandi inondazioni in Europa: - - Un disastro come nessun altro

– In che modo la UEFA si batte contro il razzismo, l’omofobia, la discriminazione e le violazioni dei diritti umani nel modo di cooperare con aziende che hanno stretti rapporti con paesi con opinioni e pratiche contrastanti?

– Finiscono in una situazione difficile. Non c’è scampo da questo. Si bilanciano su una linea molto sottile. Devono pensare ai bisogni e alle richieste dei popoli dell’Occidente, ma allo stesso tempo devono essere commerciali e globali. È un compito arduo cercare di essere una cosa in una parte del mondo, dice Chadwick, e un’altra cosa in un’altra parte del mondo.

TIKTOK ON THE CLOCK: Cristiano Ronaldo e Romelu Lukaku salutano dopo la partita del Campionato Europeo tra Portogallo e Belgio – con TikTok come sponsor sullo sfondo. Foto: Tanasis Stavrakis/Paul

UEFA: non a caso

VG ha inviato una richiesta al dipartimento media UEFA con domande riguardanti gli sponsor del Campionato Europeo e le dichiarazioni del professore. Dicono che l’appeal globale del Campionato Europeo dia alle società non europee un incentivo a commercializzarsi durante il torneo.

Non sorprende che vogliano essere partner del nostro pioniere quando si tratta dei campionati a squadre nazionali. Non abbiamo una strategia specifica per concentrarci sul mercato cinese, ma ci impegniamo a includere un pubblico globale, proprio come vogliono i marchi. Quando negoziamo con un potenziale partner, la UEFA accetta il miglior accordo sul mercato, la UEFA scrive a VG, dicendo che fattori come l’attività commerciale, l’impronta geografica e il potenziale di mercato giocano un ruolo nella decisione.

Inoltre, sottolineano che tutti gli accordi includono una clausola che garantisce la responsabilità sociale, tra l’altro, in quanto “i diritti adottati dalle organizzazioni internazionali del lavoro sono rispettati e in caso di potenziali violazioni può portare a un processo interno”.

NRK ha trasmesso domenica sera la finale del Campionato Europeo tra Inghilterra e Italia. Sul canale statale senza pubblicità, i controversi sponsor in prima serata vanno fuori dai guai.

– NRK è a conoscenza della questione, ma in questo tipo di diritti internazionali siamo contrattualmente obbligati a mostrare i poster degli sponsor con i quali la UEFA ha stipulato un accordo anche se la scelta dei partner commerciali della UEFA può stupire, non abbiamo alcuna possibilità di influenzare i negoziati purché rispettino la legge norvegese, afferma il redattore sportivo Egil Sundvor di NRK a VG e aggiunge che non sono a conoscenza degli sponsor scelti dalla UEFA quando acquistano i diritti.

Tornando a casa: Harry Maguire, John Stones e Calvin Phillips festeggiano dopo la vittoria in semifinale sulla Danimarca. Sullo sfondo si possono vedere la Qatar Airways e la cinese Hisense. Foto: Andy Raine/Paul Iba