Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Hillary Clinton condivide il discorso che farebbe se vincesse le elezioni presidenziali del 2016 – Dejsavisen

– Vado dritto a una delle mie perdite più evidenti, e condivido questo discorso, che avrei voluto avere se avessi vinto le elezioni del 2016, Hillary Clinton inizia il video, parte del canale televisivo americano Il leggendario programma di attualità sulla NBC presenta oggi una cosiddetta “Master Class”.

Quella che lei descrive come “una delle sue peggiori perdite” è stata, ovviamente, perdere le elezioni presidenziali del 2016 contro Donald Trump. Ho scritto il piano già pronto per la notte delle elezioni dell’8 novembre 2016. Invece, come tutti ricordano, Donald Trump ha avuto l’onore.

Non ho mai condiviso la lettera con nessuno. Non l’ho mai letto ad alta voce. Ma aiuta a riassumere chi sono, in cosa credo e che speranza avevo per il tipo di paese che voglio per i miei nipoti e per il mondo, che credo sia l’America al suo meglio, segue l’ex candidato presidenziale, prima ancora di iniziare ad affrontare lo stesso.

democrazia forte…

In esso, dice agli americani quanto segue:

– Oggi ho inviato un messaggio al mondo intero. I nostri valori restano. La nostra democrazia è forte. Il nostro motto è ancora valido: Tra i tanti, uno. Molti, uno. [ …]

Se avesse vinto, Hillary Clinton sarebbe diventata la prima donna presidente d’America, un punto a cui ha chiaramente dedicato gran parte del suo discorso:

Ho incontrato donne nate prima che le donne avessero il diritto di voto. Aspettavano questo momento da cento anni. Ho incontrato ragazzi e ragazze che non capiscono perché una donna non fosse un capo prima. Ora sanno, e il mondo lo sa, che in America ogni ragazzo e ragazza può crescere per essere ciò che sogna, persino il Presidente degli Stati Uniti. Questa è una vittoria per tutti gli americani. uomini e donne. Ragazzi e ragazze.

READ  Finnmarksdebatten, Debat | Servizi Hope di Finnmark: un'idea?

costruire ponti

Parla anche di quanto sia diviso il Paese e del suo desiderio di costruire un ponte tra i diversi gruppi:

Un’America dove le donne sono rispettate e gli immigrati sono accolti. Dove salutiamo i veterani (di guerra), sosteniamo i genitori e paghiamo equamente i lavoratori. Un’America in cui crediamo nella scienza, dove trascendiamo le disabilità delle persone e vediamo le loro opportunità, dove il matrimonio è giusto e la discriminazione è sbagliata. Non importa chi sei, chi sei, da dove vieni e chi ami. Un’America dove tutti contano e tutti hanno un posto. Include assolutamente tutti coloro che hanno votato per qualcun altro o per niente.

toccato dalla madre

Quando Hillary Clinton ha parlato di sua madre, Dorothy Howell Rodham, morta nel 2011, ha dovuto ingoiare più volte, si è visibilmente commossa. La madre ha avuto un’infanzia difficile segnata dall’abbandono dei suoi genitori. Era solo una ragazzina quando ha dovuto accettare un lavoro come domestica e cavarsela da sola. Hillary Clinton riflette su quanto sarebbe fantastico per sua figlia diventare presidente.

Penso a mia madre ogni giorno. A volte penso a lei sul treno [som brakte henne til California, der hun ble mishandlet av foreldrene]. Vorrei poter scendere lungo la navata e vederla seduta sulle panche del treno, mentre si prendeva cura della sorella minore. Separare. sbalordito. Non sa ancora quanto soffrirà. Non sa che troverà la forza per sfuggire alla sofferenza. L’intero futuro è sconosciuto. Sogno di sedermi accanto a lei e dirle “Guardami. Ascoltami. Sopravvivi. Hai una buona famiglia. Tre figli. E non importa quanto tu immagini, tua figlia crescerà e diventerà presidente degli Stati Uniti. Uniti”, dice Hillary Clinton in un discorso che avrebbe dovuto essere una vittoria.

READ  La capsula cargo SpaceX si trova nel Golfo del Messico

Ecco cosa ha detto durante il discorso che ha dovuto fare dopo aver perso le elezioni:

Tieniti informato. Ricevi una newsletter quotidiana da Dagsavisen