Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I due non erano il problema

Quando Stan Blib ha annunciato le sue dimissioni all’inizio di quest’anno, TV 2 aveva due alternative: chiudere Senkfield o provare a rivitalizzare lo spettacolo con uno o due presidenti. La loro scelta della prima soluzione potrebbe non essere stata una sorpresa per molti.

Dopotutto, non è stata principalmente colpa di Stian Bleb e Helen Olafsen se il numero di spettatori è crollato negli ultimi anni.

Il declino iniziò molto prima che Thomas Nome e Harald Ronnberg, che avevano guidato il programma durante il suo apice, prendessero il sopravvento. Nell’alta stagione 2008-09, potevano raggiungere oltre un milione di spettatori in una sola notte. Durante questo periodo di innocenza, “Senkveld” ha combattuto contro “Skavlan” per il controllo di Friday’s Taco, e Netflix e HBO erano minacce insignificanti dall’altra parte del Muro lineare. Ma poi è arrivato l’inverno e l’anno scorso non possiamo più chiuderci gli occhi.

Blocca e Quarantena autunnale Avrebbe davvero dovuto portare la tua salute. Cos’altro abbiamo dovuto fare nell’ultimo anno oltre a guardare la TV, davvero? Ma una media di 380.000 spettatori, che è stato il risultato dell’autunno dello scorso anno, o 362.000 spettatori questa primavera, non è molto di cui rallegrarsi, non quando parliamo di un talk show in prima serata venerdì sera.

Ancora peggio, la stragrande maggioranza degli spettatori guarda lo spettacolo per iscritto, non in TV 2 Sumo. Ciò indica che la freccia continuerà a puntare verso il basso, poiché molti di noi stanno ora scegliendo di guardare la TV quando ci si addice, piuttosto che seguire i programmi di trasmissione impostati per i canali. E quando la visione della TV avviene sempre di più sui servizi di streaming piuttosto che sui canali online, i canali dovrebbero concentrarsi sui programmi che funzionano meglio sui loro servizi di trasmissione. Nient’altro tornerà.

READ  Nuova partita di calcio della TV italiana - ma TV 2 potrebbe essere la prima a mostrare il debutto di Hauge a Milano
Camp Senkefield: Helen Olafsen e Stan Blib nel 2018. Fotografia: Nina Hansen
Campo di Senkfield: Helen Olafsen e Stan Blib nel 2018. Foto: Nina Hansen
Mostra di più

Purtroppo lo è Il film apparentemente quasi arretrato “Senkveld” negli ultimi anni è ora misurato nella realtà televisiva moderna. Ironia della sorte, per un programma che è iniziato come un’alternativa più giovane e audace ai concorrenti più raggruppati del canale di stato.

Ma la fascia di età che ai vecchi tempi preferiva “Late Night” a “Skavlan”, oggi si siede e passa da social media, podcast e serie pensate per catturare la loro attenzione con il semplice tocco del proprio telefono cellulare.

I talk show sono un po ‘slow TV, come mi ha detto uno dei miei conoscenti, quando abbiamo discusso di uscire da “Late Night”.

Non deve essere passivo in sé e per sé, non siamo ancora così impazienti da non poterci permettere programmi che si approfondiscono, per fortuna. Ma ciò che meno di noi diventa impaziente sono i programmi che non vanno in profondità e non ci attraggono subito. Perché dovremmo passare il tempo a guardare le interviste al lancio dei box con celebrità che non ricevono domande critiche né tempo per riflettere a lungo?

“A tarda notte” è il prof Lo spettacolo che ha provato, ea volte è riuscito, era molte cose contemporaneamente: intrattenimento e tempismo, umorismo e giornalismo, per non parlare dei presentatori di celebrità che si presentano e sono a fuoco come gli ospiti che incontrano in studio ma ne fanno anche un programma misterioso Affronta concetti leggermente più sfumati, come la commedia “Kåss til kvelds” e il talk show “Lindmo”. Né ha il fascino unificante di programmi familiari come Master Masters e All-Against One.

In effetti, è impressionante che “Senkveld” abbia mantenuto lo chef per tutto il suo mandato: dalla prima infanzia con Tommy Steine ​​e HC Andersen nel 2001, passando per Thomas e Harald tra il 2003 e il 2018, fino a Helen e Stan oggi. Questo è precisamente un risultato per cui gli ultimi due dovrebbero ricevere la loro parte di credito.

READ  Harry e William insieme non andranno dietro la bara - VG

Il problema più grande di Senkveld è che lo spettacolo ha a malapena nuovi partecipanti, ma ha ancora molto dello stesso vecchio.