Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I microchip verranno impiantati nel cervello umano entro il 2022



Questo video realizzato dal live streaming online di Neuralink mostra un grafico delle diverse fasi dell'impianto di un dispositivo Neuralink viste durante una presentazione il 28 agosto 2020. - Il futuro imprenditore Elon Musk alla fine del 28 agosto ha dimostrato i progressi che la sua startup Neuralink ha fatto nel mettere in rete i cervelli con i dispositivi Computer, dicendo che il lavoro è vitale per il futuro dell'umanità.  / Limitato all'uso editoriale - Accreditamento obbligatorio


© – (FOTO AFP / NEURALINK)
Questo video realizzato dal live streaming online di Neuralink mostra un grafico delle diverse fasi dell’impianto di un dispositivo Neuralink viste durante una presentazione il 28 agosto 2020. – Il futuro imprenditore Elon Musk alla fine del 28 agosto ha dimostrato i progressi che la sua startup Neuralink ha fatto nel mettere in rete i cervelli con i dispositivi Computer, dicendo che il lavoro è vitale per il futuro dell’umanità. / Limitato all’uso editoriale – Accreditamento obbligatorio

L’impianto: il grafico della presentazione Neuralink mostra come funzionerà l’impianto nel cervello, in modo che il cervello possa essere collegato a un computer. Foto: – (FOTO AFP / NEURALINK)

Elon Musk crede che il 2022 sarà l’anno in cui Neuralink passerà dall’impianto di microchip nel cervello delle scimmie al cervello degli umani.

Elon Musk, meglio conosciuto per il marchio automobilistico Tesla e la società spaziale SpaceX, ha co-fondato Neuralink nel 2016. Da allora, l’azienda ha sviluppato un microchip che può funzionare nel cervello umano. Il chip consentirà al cervello di comunicare con i computer.

Il giornale ha scritto online nel 2019 che l’azienda ha utilizzato i topi come animali da esperimento. Da allora, l’azienda è passata alle scimmie, sperando che gli umani ottengano l’impianto nel 2022. Ad aprile, Neuralink ha annunciato questo video che mostra una scimmia che gioca al computer e come l’impianto nel cervello della scimmia la fa comunicare con il gioco.

Dalle scimmie agli umani

-Neuralink funziona bene con le scimmie e eseguiamo molti test per assicurarci che sia sicuro e affidabile e che tutti i dispositivi Neuralink possano anche essere rimossi in modo sicuro, ha detto Musk a Questa intervista è con il Wall Street JournalLui scrive interessato al commercio.

READ  Abbiamo bisogno di una nuova umanità?

Dice che i primi a subire il trapianto saranno le persone con lesioni del midollo spinale Quadriplegia e Quadriplegia.

Musk dice che lo sviluppo dell’impianto accelererà quando lo impianteranno nei primi esseri umani. Il motivo è che sarà più facile ottenere feedback dagli “animali da esperimento”.

Leggi anche: Il CEO di Tesla Elon Musk ha elogiato la Norvegia su Twitter

Neuralink non è l’unica azienda che lavora sulla tecnologia per connettere il cervello ai computer. A luglio 2021 Business Insider ha scritto che Synchron ha ricevuto l’autorizzazione dalle autorità statunitensi per testare la tecnologia sugli esseri umani.

Collegamento di una persona a un computer

L’obiettivo dell’impianto “The Link” è connettere il cervello a un computer, in modo da poter controllare il computer con la forza del pensiero. occupazione Sito web NeuralinkL’azienda crede che l’impianto sarà connesso a un’app che hai sul tuo telefono. Tramite questa applicazione è possibile connettersi ad altri dispositivi tramite Bluetooth.

Il primo obiettivo è che le persone paralizzate da danni ai nervi siano in grado di controllare un telefono cellulare con la forza del pensiero.

Leggi anche: Sei cose che potresti non sapere sul tuo cervello

C’è ancora molta strada da fare prima che l’impianto possa essere utilizzato in modo sicuro e pratico. Ci sono molte sfide qui e Neuralink ne parla di alcune Il suo sito web, e Illustrated Science è stato realizzato nell’aprile di quest’anno Questo articolo Informazioni sulle sfide Neuralink.

Tra le altre cose, occorre garantire che gli elettrodi impiantati non provochino infezioni, trasportino batteri al cervello o danneggino o rompano il tessuto cerebrale.

READ  Pulizia della valvola di scarico - La carta si sbriciola? Agisci presto!

decodificare i segnali cerebrali

Un’altra sfida è decodificare i segnali del cervello.

Nel 2020, Ari Benjamin, uno studente di dottorato presso l’Università della Pennsylvania, ha spiegato che la più grande sfida di Neuralink è la decodifica dei segnali cerebrali.

“Una volta che i segnali vengono raccolti, Neuralink dovrà decodificarli e un giorno saranno sfidati a non capire come funziona il cervello, indipendentemente da quanti neuroni riceve”, ha detto Benjamin. BBC.

Ha notato che è difficile decodificare le informazioni dal cervello quando non si conosce il codice in cui vengono inviati questi segnali.

precisione chirurgica

I precedenti tentativi di catturare e analizzare i segnali del cervello attraverso gli elettrodi utilizzavano alcune centinaia di elettrodi che entravano in contatto con il cervello attraverso la pelle. Questo collegamento si espande in modo significativo. 3000 elettrodi collegati a fili flessibili più sottili di un capello, cattureranno l’attività di 1000 neuroni nel cervello.

Circa 100 di questi “capelli” funzionerebbero nel cervello senza distruggere nessuno degli elettrodi su ciascun “capello” e cellula cerebrale da cui i neuroni sono programmati per raccogliere informazioni.

Comprendere le malattie

Neuralink mira ad aiutare i pazienti con condizioni come il Parkinson, l’autismo, la depressione e l’insonnia.

Ma anche se Neuralink può accedere ai centri del cervello coinvolti in queste malattie, manca ancora la comprensione di cosa siano queste malattie e quindi come trattarle.