Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I negazionisti climatici norvegesi, Trump e gli scettici sui vaccini non capiscono quale sia il consenso scientifico.  È un problema democratico.

I negazionisti climatici norvegesi, Trump e gli scettici sui vaccini non capiscono quale sia il consenso scientifico. È un problema democratico.

Il consenso scientifico non è politico.

Questi sono i fatti. Eventuali opinioni espresse nel testo sono di responsabilità dell'autore. Se desideri sottoporre una proposta di articolo, puoi leggere come qui.

«Se c’è consenso, è politico“, sono apparso sullo schermo in un’altra discussione online – questa volta sul clima.

Era l'amministratore del gruppo Facebook “Realisti del clima» che ha poi sottolineato che «il consenso è quando i politici votano su qualcosa, senza tenere conto dei fatti».

Katja Sverdelji ricerca la tecnologia delle batterie.

Il funzionario ritiene che nelle scienze naturali si analizzino prima tutti i dati, prima di trarre infine la conclusione. Mi è stato anche chiesto di imparare a “distinguere tra politica e scienza”. Dopodiché la discussione si interruppe rapidamente.

Sono diventato sempre più consapevole che non esiste consenso su cosa significhi il termine “consenso”.

Affidabile

Quando Donald Trump sostiene che il cambiamento climatico è una cospirazione cinese Per danneggiare gli interessi degli Stati Uniti, o quando un senatore degli Stati Uniti Mark Pryor afferma che gli scienziati sono divisi nelle loro opinioni sull’evoluzionemettono in discussione la scienza e la conoscenza consolidata.

Teorie del complotto come Pianura E Resistenza ai vaccini Ha un punto di vista leggermente diverso in quanto il modo di pensare richiede che tutti i ricercatori, gli scienziati e una miriade di altri che devono far parte del gioco mentano per renderlo credibile.

Fondamentalmente, mettono in discussione il consenso scientifico o cercano di mostrarlo come corrotto. Inoltre, si scopre Molte persone credono che l’accordo tra gli studiosi sia molto più basso di quanto non sia in realtà. La scienza si trova quindi ad affrontare problemi di credibilità e di comunicazione esterna.

READ  Due dei tre imputati negano l'accusa criminal

Ciò che non sappiamo – e ciò che sappiamo

Come ricercatore nel campo della tecnologia delle batterie, cerco di scoprire cose che ancora non sappiamo, in un ambito piuttosto ristretto. Per fare ciò, mi affido alla fiducia in diversi ambiti delle scienze naturali.

Devo poter avere fiducia che gli articoli che utilizzo come base per la mia ricerca siano ragionevolmente affidabili. Quando leggo un libro di testo, dovrei poter avere fiducia che sia scritto sulla base di conoscenze sviluppate di recente.

Poiché gran parte della letteratura scientifica riguarda l’elettricità, in genere c’è un accordo abbastanza chiaro sui fenomeni che studio e sui modi per spiegarli. In altre parole, esiste un consenso scientifico su questi fenomeni.

Poi mi viene in mente che i risultati e le loro interpretazioni sono stati esaminati, valutati, hanno tentato di replicare, hanno tentato di confutare, hanno superato tutti i test ragionevoli ed sono emersi come conoscenza generalmente accettata. Ciò è diverso dal consenso sulla politica climatica, sul disarmo nucleare, sulle sanzioni delle Nazioni Unite e su altre questioni che coinvolgono persone potenti che arrivano a una posizione comune in cui le differenze da risolvere sono differenze di opinioni o valori.

Nessuna fede, nessuna ideologia

Vale anche la pena notare che la scienza è un metodo, non una convinzione o un’ideologia: il modo migliore che siamo riusciti a ideare per esplorare e comprendere il mondo che ci circonda e gli altri.

Nelle scienze naturali, spesso possiamo misurare ciò che è vero, indipendentemente da ciò che si potrebbe pensare al riguardo. Questo approccio è altamente antidemocratico, poiché gli atti e le azioni della natura non sono conformi a ciò che qualcuno potrebbe pensare: la natura è così com'è, e questo è ciò che il metodo scientifico è adatto a cercare di scoprire.

READ  Camera da letto in affitto 2,6 mq:

Anche gli scienziati commettono errori

Tuttavia, non c’è dubbio che anche gli scienziati commettano degli errori. Ma quando tutti coloro che hanno ricercato e studiato un fenomeno per anni giungono alla stessa conclusione, è molto probabile che questa conclusione sia corretta. Almeno adeguatamente in modo da poter utilizzare la conoscenza per sviluppare strumenti ed eventualmente trovare nuova conoscenza.

Poi ci vuole molto per cambiarlo – di solito nuove informazioni che contraddicono chiaramente la conclusione, il che ne dimostra l'affidabilità – il che a sua volta significa che diventa oggetto di test approfonditi. Ciò è avvenuto in diversi campi, ad esempio in geologia dove fino alla metà del XX secolo si pensava che i continenti fossero fissi.

Dopo diversi decenni di osservazioni e analisi, si è raggiunto un consenso sul fatto che i continenti si muovono lentamente attorno alla superficie terrestre.

Perché ci vuole più di un’osservazione o di uno studio per cambiare il consenso, perché si basa su ricerche ed esperienze a lungo termine. Se c'è una cosa che un ricercatore trova entusiasmante è scoprire qualcosa che dimostra che ciò che pensiamo “sempre” è sbagliato. Nella pratica, purtroppo, o per fortuna, ciò accade raramente.

Ora, non è che il consenso si sia sempre basato su grandi quantità di dati, osservazioni o intuizioni sufficienti, nemmeno nelle scienze naturali.

Ad esempio, era opinione diffusa che il mondo fosse composto dagli elementi fuoco, aria, acqua e terra e che la nostra salute fosse governata dall’equilibrio tra bile, sangue e muco. Ma abbiamo fatto molta strada da un consenso scientifico basato sulla filosofia piuttosto che sull’osservazione e sull’analisi.

READ  Alloggi, vendite di case | Dimentica P-Room: questi sono i nuovi termini che gli acquirenti di case devono comprendere

Consenso vs. Ipotesi

Ci sono molte cose per le quali non abbiamo ancora trovato buone risposte, ad esempio l'energia oscura. Quindi non lo chiamiamo nemmeno consenso, ma un insieme di ipotesi che possono essere più o meno concordanti.

Se la chiamiamo teoria, c’è consenso su di essa. Per quanto riguarda il cambiamento climatico, l’evoluzione e i vaccini, abbiamo raccolto un’enorme quantità di informazioni che forniscono conclusioni chiare e un forte consenso scientifico.

Scelte non informate

Ma non sempre la cosa viene rappresentata in questo modo al di fuori dei circoli scientifici. La ricerca sul clima può essere descritta come incerta, i vaccini come inefficaci o pericolosi e la dottrina dello sviluppo come imperfetta.

Quindi può essere difficile per tutti coloro che non fanno parte dei gruppi di ricerca fare una scelta, perché non sono sicuri se ci sia qualcosa degno di attenzione o meno. Le scelte non sono informate, perché le informazioni diventano poco chiare dopo essere state filtrate attraverso social media, blog e siti web che hanno determinate convinzioni su come le cose sono interconnesse.

Diventiamo paralizzati. Forse questo è lo scopo di mettere in discussione il consenso – per prevenire azioni che avrebbero potuto essere intraprese sulla base della ricerca, perché in conflitto con le convinzioni o gli interessi di qualcuno.

“Næhei” – “Oh sì”

Le discussioni si limitano a uno scambio di “ciao, allora” – “oh sì” che non porta da nessuna parte. In questo modo, discussioni e voti possono essere soppressi e quindi ottenuti svuotando la base di conoscenze.

Nel lungo termine, sono pochi coloro che traggono vantaggio dal fatto che prendiamo decisioni sulla base sbagliata. In questo caso, di solito è utile tenere conto del consenso scientifico nei casi in cui ciò sia appropriato.

Siamo felici di contestarlo se vediamo che qualcosa non va, ma poi ci viene chiesto di farlo in modo obiettivo. Se riteniamo giusto ignorare il consenso scientifico, forse sarebbe meglio essere onesti al riguardo piuttosto che fingere che non esista.