Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il contadino è un pacificatore: la nazione

Perché viene prodotto il cibo Troppo importante per creare la pace?

Dal 2013 Ero un contadino. In Brasile, gestisco Umoe Bioenergy, che ha 44.000 ettari di terreno che processa 2,8 milioni di tonnellate di canna da zucchero ogni anno per produrre etanolo. Dal mio punto di vista in Brasile, ho assistito ad alcune delle opportunità create dalla rivoluzione agricola brasiliana.

“È al bivio che ogni interesse per l’agricoltura brasiliana qui in Norvegia è negativo, nonostante gli importanti contributi che il Brasile dà alla produzione alimentare sostenibile”.

It Il cruciverba è che tutto l’interesse per l’agricoltura brasiliana qui in Norvegia è negativo, nonostante gli importanti contributi che il Brasile dà alla produzione alimentare sostenibile.

Negli anni ’70 Il Brasile era un importatore di alimenti di base per la sua gente. Attraverso investimenti in scienza e tecnologia e nello sviluppo delle capacità umane, il Brasile ha sviluppato la sua agricoltura per garantire l’approvvigionamento alimentare e ridurre il costo del cibo in proporzione alla spesa familiare. Ma il Brasile è andato oltre. Oggi sono il quarto produttore di cibo al mondo e uno dei paesi che esportano più prodotti alimentari al mondo.

Esperta di pennelli Alison Paulinelli Era il cervello dietro questa rivoluzione alimentare. L’agricoltura brasiliana è stata guidata dalla priorità della scienza. Hanno inventato un nuovo modo di coltivare l’agricoltura tropicale attraverso la ricerca.

È stato il pioniere Associazione brasiliana di ricerca agricola (Embrapa). Paulinelli ha anche fondato la Fondazione brasiliana per l’assistenza tecnica e l’estensione rurale (Empratier) con diversi programmi per investire nell’agricoltura e nello sviluppo regionale. Come ministro dell’Agricoltura (1974-1979), ha fondato molte imprese e preso molte iniziative politiche per trasformare l’agricoltura tradizionale in Brasile in un’industria moderna.

READ  Ricetta della pestilenza: abbattere i muri e tagliare a metà le stanze

Con occhi fermi Verso il futuro, ha creato il Cerrado Development Program (Polocentro), che ha contribuito allo sviluppo di Cerrado. Ha anche co-creato Proálcool, il primo programma su larga scala al mondo per produrre combustibili da biomassa più puliti.

Oggi è il raccolto Siamo il frutto del lavoro di semplificazione della produzione alimentare, della sicurezza alimentare e dell’agricoltura tropicale. Il Brasile oggi fornisce un importante contributo al raggiungimento dell’obiettivo di sostenibilità n. 2 delle Nazioni Unite sull’eliminazione della fame, sul raggiungimento della sicurezza alimentare e sulla promozione dell’agricoltura sostenibile.

L'agricoltura è l'attività principale delle persone nella maggior parte dei paesi poveri - e allo stesso tempo sono anche le più vulnerabili alle conseguenze di guerre e conflitti, scrive Jens Ultveit-Moe.  Foto: Terje Pedersen / NTB

L’agricoltura è l’attività principale delle persone nella maggior parte dei paesi poveri – e allo stesso tempo sono anche le più vulnerabili alle conseguenze di guerre e conflitti, scrive Jens Ultveit-Moe. Foto: Terje Pedersen / NTB

È piccolo Dubbi sugli sforzi di Paolinelli per la coltivazione globale. Ma merita il Premio Nobel per la Pace per questo lavoro? Voglio dire, la risposta è sì.

Primo La carenza di cibo o l’aumento della spesa alimentare sono causa di disordini politici, conflitti e guerre. Tra gli esempi storici, la Rivoluzione francese è forse la più famosa.

Prima della rivoluzione Nel 1789, la Francia sperimentò un forte aumento del prezzo del pane a causa delle scarse rese di grano. L’aumento del prezzo del pane è stato un catalizzatore per i disperati che scendono in piazza e gettano le basi per le rivoluzioni che hanno cambiato non solo la Francia, ma un intero continente. Più di recente, abbiamo visto il cibo e i prezzi dei prodotti alimentari come un fattore che contribuisce alla primavera araba nel 2011. Questa rivolta si è verificata sulla scia dei prezzi alimentari storicamente elevati nella regione.

READ  Vaccino contro le zecche e tutte le malattie trasmesse dalle zecche - NRK Viten - News in Science and Research

L’agricoltura è l’attività principale Per i residenti della maggior parte dei paesi poveri, mentre questi sono anche i più vulnerabili alle conseguenze di guerre e conflitti. Produrre cibo a sufficienza e mantenere la spesa per il cibo a un livello che anche i poveri possono permettersi è importante per mantenere la pace e la stabilità. Il Brasile l’ha fatto – molte grazie ad Alison Paulinelli.

Secondo Il modo in cui produciamo il cibo è importante per prevenire guerre e conflitti. In molte parti del mondo vi è una carenza di input per l’agricoltura. L’acqua è un esempio.

Mancanza d’acqua Può portare a conflitti tra diversi gruppi. Un problema noto è il conflitto tra agricoltori residenti e nomadi che allevano bestiame. In molti paesi, spesso sorgono conflitti tra questi gruppi a causa della mancanza di risorse. In Brasile e altrove, Paulinelli ha sottolineato che la soluzione ai conflitti derivanti dalla mancanza di risorse è aumentare l’efficienza dell’agricoltura in modo che ce ne sia abbastanza per tutti. Pertanto, la sua candidatura è sostenuta anche da accademici e istituzioni di diversi paesi africani.

Il terzo momento Chi difende il Premio Nobel per la Pace a Paolinelli è che per tutta la vita si è adoperato affinché le conoscenze e le esperienze che il Brasile ha maturato fossero condivise con il mondo intero. Ha sempre avuto la visione che fosse la conoscenza a guidare lo sviluppo agricolo. Pertanto, ha avviato una serie di progetti e iniziative per lo scambio di conoscenze al di fuori dei confini del Brasile. Questa conoscenza ha influenzato il modo in cui il cibo è stato prodotto in molti paesi. Pertanto, il lavoro di Alison Paulinelli ha contribuito alla creazione di pace e stabilità non solo in Brasile, ma in molti paesi.

READ  Dibattito, Turmod Knutsen | Buona politica conservatrice? Sostenibilità a lungo termine?

Leader mondiale “Non c’è pace senza cibo, non c’è cibo senza pace”, ha detto il programma alimentare. Questo è il motivo per cui le persone in prima linea nella lotta per la sicurezza alimentare globale meritano il premio Nobel per la pace.