Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I politici chiedono alle università di assicurarsi che “la politica non sia travestita da scienza”

Bruxelles (Khrono): Una decisione del parlamento danese ha acceso negli ultimi giorni il dibattito sulla ricerca danese. Prende d’assalto le università.

Un attacco alla libertà di ricerca, afferma Anders Bjarcliffe, presidente del Deans’ College delle università danesi.

– È come se andassi dal vicino e gli chiedessi di non fare pipì sulla staccionata del mio giardino. La maggior parte delle persone probabilmente sarebbe d’accordo che non dovrebbe – ma perché dovrei dirglielo, se non l’ha già fatto, chiede il professore di retorica Christian Cook.

È chiaro chiedere alle università di separare la ricerca dalla politica e chiedere ai politici di stare lontani dall’incesto, come affermato nell’ampia pagina in cui serve. Videnskap.dk.

Ha anche riprodotto un file una chiamata Dei 262 ricercatori che hanno scritto di essere stati “intimiditi e molestati al punto che è stata segnalata più malattia”.

adotta questo

io Decisione popolare, intitolato “Sull’iperattività in determinati ambienti di ricerca”, è menzionato tra l’altro – e citiamo in danese:

Folketing si aspetta che le amministrazioni universitarie garantiscano che l’autoregolamentazione della pratica scientifica funzioni. Ciò significa che non c’è standardizzazione, che la politica non è travestita da scienza e che non si possono eludere le critiche professionali giustificate».

Mi aspetto che i manager rendano parte della loro routine lavorativa e parte della descrizione del lavoro monitorare queste cose. Altrimenti deve intervenire il ministro, dice Henrik Dahl dell’Alleanza Liberale relazione scientifica.

Ricercatori e manager considerano la decisione come un feroce attacco alla ricerca e ai rapporti videnskap.no.

“Attivismo e pseudoscienza”

Il dibattito non è iniziato con la decisione della scorsa settimana in Parlamento. Questo è il capitolo finale di una violenta disputa di ricerca politica degli ultimi mesi, in cui è finito anche uno studioso norvegese.

La controversia è aumentata quando Dahl ha menzionato con il vice leader del Partito popolare danese Morten Messerschmidt a marzo un accordo con, tra le altre cose, la ricerca sull’immigrazione che ritengono sia stata “contaminata dall’attivismo di sinistra e dalla pseudoscienza”.

READ  Mercati nordici: i tassi di interesse fissi consentono alla tecnologia di tornare

Messerscmidt . ha anche inviato serie di domande Al ministro della ricerca dei socialdemocratici.

“Come farà il ministro a garantire che le agende e gli attivisti politicizzati, che creano odio e sospetto nei confronti delle nostre strutture sociali, non si infiltrino nelle università con il pretesto della libertà di ricerca e del principio della distanza?” , dichiarato in una delle domande.

Avvisare Politica La controversia si svolge più indietro nell’autunno del 2020, quando 14 ricercatori erano nel documento Berlingsky Scrivono di essere stati sottoposti a crescenti pressioni sulla libertà di ricerca, evocando ricordi delle “università politicizzate degli anni ’70”.

Non stava prendendo di mira la Danimarca

Il ministro della Ricerca Annie Halsboe-Jorgensen ha risposto ai politici di destra che i politici non dovrebbero interferire con le conclusioni della ricerca, ma ha aggiunto che “il principio della lunghezza del braccio va in entrambe le direzioni, e un ricercatore non dovrebbe sedersi e pensare che si dovrebbe agire politicamente con i propri ricerca. Allora la missione è stata fraintesa. “

Francia

Volete esaminare il “diritto dell’Islam” nelle università. Ho creato una tempesta

Si è conclusa con un incontro tra Halsboe-Jorgensen ei rettori dell’università, in cui il ministro ha voluto discutere la sua preoccupazione per la politicizzazione di alcuni tipi di ricerca, come sintetizza Akademiekerbladet.

– Se era una preoccupazione, non era rivolta alla Danimarca, ma allo sviluppo in altri paesi e una parola come cancella culturaUn direttore ha detto alla rivista dopo l’incontro.

– Fai crescere un paio di palle

Mentre i socialdemocratici hanno preso la maggioranza nella decisione insieme alla destra a Folketing, il resto della sinistra ha votato a favore di una proposta della Sinistra radicale in cui si presumeva che le università si occupassero davvero di ciò che doveva essere affrontato.

Stenus Lindgren della sinistra radicale mette in guardia contro la decisione della maggioranza. Secondo Science Report, teme che la controversia in corso possa allontanare le persone dallo studio di determinati argomenti.

Quando si rischia un viaggio così difficile e si viene umiliati dai politici, temo che a lungo termine danneggerà la ricerca, dice, descrivendola come una ricerca che politicizza.

READ  Un documentario che non lascia spazio all'ottimismo sull'epidemia

Il regista Jesper Langergaard parla alle università danesi di alcune delle stesse cose.

Leggi anche

Viene proclamato l’Academic Freedom Act. Le organizzazioni temono la libertà di espressione

Sebbene nelle università ci piaccia discutere di libertà di ricerca, non crediamo che il dibattito si sia svolto di recente in maniera adeguata. Intere aree di ricerca sono state sospese sulla base di affermazioni e presupposti senza radici nella realtà, scrive relazione scientifica.

Lo stesso giornale ha scritto che la Danish Master’s Association (DM) mette in guardia contro l’autocensura tra i ricercatori. La leader di DM Camilla Gregersen descrive il tono duro del dibattito. Mentre alcuni pensano che vada bene, porta all’autocensura in altri.

Henrik Dahl dell’Alleanza Liberale risponde che “se uno studioso si alza e dice qualcosa che appartiene ai Monty Python, potrebbe esserci qualcosa da dire che è completamente debole di mente”.

– Un paio di palle crescono, è il suo messaggio ai ricercatori.

Non ho fiducia nella ricerca di genere

Nella discussione, sia Dahl che Mesersmidt hanno fatto riferimento a ricercatori specifici. Dahl lo ha fatto anche dal podio a Folketing quando è stata presa la decisione, quando ha definito “con un occhio solo” il ricercatore mediorientale, il professor Jakob Skovgaard Petersen dell’Università di Copenaghen.

Skovgaard-Petersen risponde a Dahl.

Il mio campo di lavoro è l’Islam moderno, un’area che Dall crede di conoscere e su cui ha forti opinioni. Come hanno affermato i critici politici del Folketing, la cattiva ricerca di Dahl è in realtà una buona ricerca che non gli piace, ha scritto il professore in un commento ripubblicato in Uniavisen.

Leggi anche

Gli studi di genere sono sotto attacco in molti paesi. In Ungheria, il governo ha interrotto gli studi.

Dahl, da parte sua, non si accontenta di fare riferimento a singoli ricercatori.

– Non ho fiducia nella ricerca di genere. Non ho fiducia nei ricercatori sul razzismo e nei ricercatori sull’immigrazione. Dice che ho fiducia in alcuni ricercatori in Medio Oriente, ma certamente non tutti Radio Danimarca (Medico).

I ricercatori in una lettera aperta al ministro

“Lo scetticismo politicamente motivato nella nostra ricerca ha costi accademici e personali significativi per noi e per la libertà di ricerca. Ane Halsboe-Jorgensen, lei nostro ministro, ha intenzione di affrontare molestie?”

La domanda posta in una lettera aperta indirizzata al ministro della ricerca scientifica, firmata da 262 ricercatori, è una delle aree sotto attacco del dibattito. Il messaggio è stato pubblicato in Politica.

Scrivono che molti di loro sono stati denunciati malati e che “sospetti e molestie rappresentano un serio pericolo non solo per il nostro benessere e la soddisfazione sul lavoro, ma anche per la nostra libertà di ricerca e di espressione”.

– Siamo profondamente preoccupati per il crescente sospetto nella nostra ricerca, che vediamo da alcuni politici e ora anche dal partito del ministro dell’Istruzione e della Ricerca, i socialdemocratici, che a quanto pare stanno comprando la proposta di Dahl e Messerschmidt che ci sono problemi con la nostra ricerca. Non la pensiamo così. E se è così, sarebbe più ragionevole per noi conoscerlo su basi adeguate piuttosto che aggrapparci a rivendicazioni sciolte nei media e dalla tribuna di Folketing, afferma uno degli iniziatori, il professore associato Michael Niebling Petersen all’Università di Copenaghen per Politica.

Università sospesa: – Riconoscimento di sfiducia

Professore emerito di sociologia presso la stessa università, racconta al giornale di aver capito che sono sconvolti. Ritiene che questo sia un “segnale di grave pericolo per la ricerca libera quando il Parlamento, cioè il governo, partecipa, e in pratica fa una dichiarazione di sfiducia alla ricerca”.

– E’ semplicemente distorto. È strano che la gente in Danimarca venga lì. I ricercatori danesi sono molto disciplinati e con poco tempo, e devono sottoporsi a diverse valutazioni solo per essere presi in considerazione per una posizione di professore associato, dice.

Leggi anche

Insulti acclamati nella controversia sulla ricerca danese: “slider nido” e “babbuini”

Heine non è l’unico a vedere questo come sfiducia.

– È una dichiarazione di sfiducia, afferma il presidente del Rector’s College delle università danesi, Anders Bjarklev al dott.