Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

I ricercatori confermano: infettare le persone negli hotel in quarantena e mettere il paziente in un’altra stanza

A luglio, quattro viaggiatori degli Emirati Arabi Uniti sono arrivati ​​in un aeroporto della Nuova Zelanda e sono stati messi in quarantena all’ingresso. Allo stesso tempo, è arrivata un’altra persona dalle Filippine ed è stata isolata nella stanza dall’altra parte del corridoio.

Un viaggiatore degli Emirati Arabi Uniti è risultato negativo al coronavirus, mentre un viaggiatore delle Filippine ha ottenuto un risultato positivo al test.

Stessa impronta genetica

Nei quattro giorni successivi, tutte le persone tranne una hanno contratto il coronavirus e i ricercatori possono ora confermare attraverso approfonditi test genetici del virus che sono state infettate dal viaggiatore che si trovava nella stanza dall’altra parte del corridoio. Solo uno è sopravvissuto all’infezione, nonostante condividesse le stanze con tre professionisti. Questa persona era l’unica completamente vaccinata.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista accademica sottoposta a revisione paritaria malattie infettive emergenti, pubblicato dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Nonostante le rigide regole dell’hotel e le buone procedure di controllo delle infezioni, l’infezione è riuscita a verificarsi. Foto: Chen Zhonghao / AP / NTB

Non hanno lasciato le loro stanze

Le regole degli hotel di quarantena della Nuova Zelanda erano molto rigide e nessuno poteva lasciare le proprie stanze. Le porte delle stanze venivano aperte solo quando era necessaria una visita medica o quando veniva messo del cibo vicino alla porta. Secondo le regole, la porta della banda degli Emirati Arabi Uniti non è stata aperta contemporaneamente all’apertura della porta del ferito proveniente dalle Filippine, ma le telecamere di sorveglianza potrebbero confermare una negligenza, il che indica che le porte della due stanze sono state aperte per pochi secondi quattro volte durante il periodo durante il quale il paziente non era ancora contagioso.

READ  Aggressività e dolcezza | RushPrint

Nei giorni seguenti, la maggior parte dei membri della banda nel passaggio è stata confermata infetta e i ricercatori possono ora determinare che il virus che hanno contratto aveva la stessa impronta genetica del virus portato dai filippini.

– di importanza mondiale

I ricercatori credono che l’unica spiegazione sia che un’infezione aerea attraverso il passaggio li abbia fatti ammalare.

Il ricercatore Andrew Fox Lewis, Board of Health for Emerging Infectious Diseases della contea di Manukau, ha scritto che questi risultati sono di importanza globale e critici nell’ulteriore lotta contro il coronavirus.

Le telecamere di sorveglianza hanno potuto confermare che il paziente non ha mai lasciato la sua stanza durante la malattia, ed è stato studiato se le stanze erano strettamente collegate tra loro tramite il sistema di ventilazione, e non lo erano.

Oltre all’improvvisa scoperta dell’infezione, i ricercatori sono stati in grado di confermare che uno dei quattro in totale che condividevano una stanza dall’altra parte del corridoio non era mai stato infettato. Era l’estate del 2021 e scriveva che la persona in questione, che aveva ricevuto due dosi del vaccino Pfizer, era l’unica che poteva essere vaccinata completamente. CNN.