Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il cane da visita Gioia diffonde gioia nelle case di cura – Daxavisen

Il cane da visita Gioia diffonde gioia nelle case di cura – Daxavisen

– Sono un amico in visita qui con il mio cane Gioia da un anno, racconta Dorit Torbergsen a RA. Gioia è un nome femminile italiano che significa gioia.

Slåtthaug incontra RA Torbergsen e Gioia lunedì mattina per visitare i residenti della casa di cura.

Entrambi hanno seguito un corso attraverso la Croce Rossa e hanno superato una serie di test per garantire che le visite si svolgano in sicurezza e bene per tutti i soggetti coinvolti.

– È un cane molto socievole e puoi vedere la sua coda andare avanti e indietro tutto il tempo. “Le piacciono molto le nuove persone, è molto aperta e scuote violentemente qualcosa quando andiamo qui, quindi lo prendo come un segno che pensa che sia divertente”, dice Torbergsen.

È chiaro che Gioia non è l’unica felice alla Slåtthaug Nursing Home. I residenti che incontrano il cane sono raggianti e sorridono ampiamente mentre lei entra nella stanza.

I residenti seduti nel soggiorno saltano tutti all’idea di curare Gioia, e molti di loro si fanno una bella risata quando il cane non ne ha mai abbastanza del premio. Gioia Chelam ha mostrato i trucchi che conosce, e la stanza ha una buona atmosfera e buone conversazioni.

Benefico per tutti

Torbergson dice di aver portato il cane a visitare suo padre nel 2018 quando era in una casa di cura, ed è stato allora che ha scoperto quanta gioia si diffondeva intorno a lei quando Gioia faceva visita.

– Ho pensato che fosse assolutamente meraviglioso che così tante persone potessero essere felici per un cane. Presto ho incontrato qualcuno che mi ha parlato di un’offerta della Croce Rossa in cui puoi ottenere un corso per portare il tuo cane come amico in visita. Poi ho pensato che avrei dovuto farlo. Poi è arrivata l’epidemia, ma abbiamo iniziato quando ha aperto l’anno scorso.

READ  Dibattito norvegese, bandiera norvegese |

Mette in chiaro che le piace il pubblico al massimo e non vede l’ora e non vede l’ora.

fv: Gudrun Gundersen (76), Marie Pedersen (81) e Solveig Gestalt (94) coccole con il cane in visita Gioia.

Crea pace e felicità

Hilde Gustavsen è un’attivista e coordinatrice di volontari presso la casa di cura di Slåtthaug. Sottolinea i numerosi vantaggi di lasciare che i cani visitino gli amici.

– Le persone che osservano gli animali con cui si sentono a proprio agio spesso hanno la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca più basse e si sentono più rilassate. Quando i residenti si trasferiscono in una casa di cura, possono causare disagio, tristezza e stress. Quando i residenti hanno un contatto fisico con il cane Gioia, i livelli di ossitocina, un ormone che, tra l’altro, crea calma e aiuta ad abbassare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, raddoppia, spiega.

– Quindi, il mio pensiero su questo è che con una buona cura e nutrimento da parte di personale professionalmente competente e gentile, i residenti possono avere molta felicità, buone esperienze e meno stress nell’incontrare il cane. Inoltre, la vicinanza, i suoni, gli odori e il comportamento del cane evocano esperienze emotive come felicità, risate e bei momenti per il singolo residente, aggiunge.

– È un’offerta popolare che i residenti vogliono?

– Questa è un’offerta molto popolare, i residenti la adorano molto. Raggiungono e sorridono. Crea una grande felicità. Molti residenti dicono “Sì! Ricordo quel cane.” A proposito di Gioia in arrivo. Gustavsen afferma che siamo fortunati ad avere questa offerta attraverso il servizio visitatori della Croce Rossa.

READ  Presto arriverà una Bentley Balear ultra esclusiva

Insiste sul fatto che Durit e Gioia sono fortunati a far loro visita.

Oggi Gioia non è solo un cane in visita alla Slåtthaug Nursing Home, ma ci sono anche parenti che portano con sé i cani per far visita ai loro cari.

– Crea gioia nei corridoi per i residenti che li incontrano. Mi piacciono di più i cani in visita per i nostri residenti perché creano bei momenti e belle interazioni tra i residenti e il cane, dice Gustavsen.

– Possiamo gentilmente consigliare di aprire altre case di cura per i cani in visita, dice.

Durit Torbergson

Corso e formazione

Per poter portare un cane in visita, il cane e il conduttore devono seguire un percorso gestito dalla Croce Rossa. Qui ricevono una formazione approfondita per garantire la sicurezza sia dei visitatori, del volontario e del cane.

Gustavsen pensa che sia importante che tutti si divertano durante la visita e sottolinea l’importanza di completare questi corsi e test in anticipo.

Torbergsen ha aggiunto che il cane ha il proprio certificato sanitario rilasciato da un veterinario e che i corsi e i test condotti dalla Croce Rossa assicurano che il cane sia fisicamente e mentalmente stabile.

– Devono essere indossabili, devono resistere, ad esempio, a rumori acuti e così via. Gioia è riconosciuta in tutte le categorie e può partecipare a visite individuali e di grandi gruppi, ad esempio, afferma Torbergsen.

– Ora Gioia sarà ricertificata presto. Ha 11 anni, quindi è una vecchia signora, aggiunge.

READ  Insomma, domenica 27 febbraio
fv: Gudrun Gundersen (76), Marie Pedersen (81) e Solveig Gjesdal (94) si divertono a visitare la cagnetta Gioia.