Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il capo stratega ritiene che l’economia italiana si stia contraendo: – Tutta l’Europa ne risentirà

L’Europa sta rallentando e l’Italia sta peggio, secondo Austin Borsum, chief strategist di Swedbank.

– Secondo i nostri calcoli, l’Italia è in piena recessione, dice Borsum.

Recessione è un termine che si riferisce a una crisi economica ed è definita come l’economia di un paese in contrazione per almeno due trimestri consecutivi.

Borsum è più preoccupato per la situazione del debito nella terza economia europea. Rispetto alle dimensioni dell’economia, l’Italia ha il secondo debito pubblico in Europa, superata solo dalla Grecia.

Questo debito divenne sempre più costoso per finanziare l’Italia. Quest’anno, i tassi di interesse del governo italiano sono aumentati drasticamente. Fino ad ora, molti credevano che questo non fosse qualcosa che riguardasse nessuno tranne l’Italia stessa, ma ora questo potrebbe essere in procinto di cambiare:

– Borsum spiega che se l’Italia è davvero in recessione, questo si farà sentire in tutta Europa.

‘Ogni motivo di preoccupazione’

Una recessione in Italia sarebbe molto peggio di una recessione in Norvegia. L’Italia non ha soldi nei libri, come la Norvegia, e quindi non può perseguire una tradizionale politica anticiclica di pompare denaro nell’economia a spese del bilancio dello Stato.

In Norvegia, i tassi di interesse diminuiranno se l’economia rallenta. Questo non è necessariamente il caso in Italia.

In Italia, hanno tutte le ragioni per preoccuparsi, poiché i tassi di interesse aumentano quando l’economia si indebolisce. Questo aggrava la situazione, dice Borsum.

Negli ultimi mesi, una serie di indicatori ha indicato un deterioramento della situazione economica in Italia. La sfida con tali indicatori, afferma Borsum, è che fluttuano molto e quindi sono difficili da interpretare.

READ  Samsung Galaxy Watch 4 o Galaxy Watch 4 Classic - Test

Swedbank ha utilizzato la potenza del computer per farsi strada attraverso ben 1.286 diversi indicatori dell’economia italiana. I risultati di questa analisi indicano che l’Italia è nel bel mezzo di una recessione, non una forte recessione, ma entrambe una crescita economica negativa.

Le banche avranno problemi

Le autorità italiane riuscivano a malapena a mantenere stabile il debito pubblico quando la situazione economica era buona e le entrate fiscali si riversavano. Quando l’economia si contrae, le entrate fiscali italiane diminuiranno e il rapporto debito/PIL dell’Italia aumenterà.

Sotto il governo precedente, ci si aspettava che il rapporto debito/PIL dell’Italia diminuisse nel tempo, ma durante le elezioni di quest’anno gli italiani hanno votato per quella che Borsum ha definito una “coalizione dell’inferno”, un governo composto da due partiti di destra e populisti. Concerti.

Il nuovo governo ha proposto di aumentare il debito, cosa che ha reso ansiosi i creditori.

– Ora questa recessione si sta avvicinando al culmine. Poi arriviamo a una situazione precaria nei mercati finanziari, dice Borsum.

Il capo stratega spiega che gli investitori chiederanno tassi di interesse più alti per i prestiti all’Italia, perché i rischi sono in aumento. Quando l’Italia deve pagare di più per i suoi prestiti, l’enorme debito diventa più pesante da finanziare.

La scadenza media del debito pubblico italiano è di sette anni, quindi l’aumento della spesa non arriva immediatamente. Per le banche, succede all’istante, e quando le banche si mettono nei guai, le aziende si mettono nei guai e tutti ricevono maggiori costi di prestito, dice Borsum.

Tutta l’Europa se ne accorgerà

Borsum ritiene che le banche italiane abbiano paura di perdere l’accesso al mercato. Unicredit, la più grande banca italiana, è uscita e ha pagato in eccesso per assicurarsi i finanziamenti nel 2019.

READ  Corona, Ministero dell'Interno | Le più grandi aziende norvegesi: ecco come diventa il lavoro quotidiano dopo Corona

– Hanno il terrore che il mercato si fermi. Questo ci dice che c’è un rischio reale di una crisi bancaria, dice il capo stratega, che crede che tali crisi possano materializzarsi da sole.

Presteresti soldi a qualcuno che pensavi fosse sull’orlo della bancarotta? chiede retoricamente Borsum.

L’ultima volta che l’Italia è stata in recessione è stata nel 2012. Anche allora, molti temevano che le banche avrebbero ceduto, ma poi il governatore della Banca Centrale Mario Draghi ha tenuto un famoso discorso in cui si è detto pronto a fare “tutto” per salvare la cooperazione dell’euro . Tanto è bastato per calmare i mercati.

“Tutti” pensano che Draghi salverà l’Italia anche questa volta, ma Borsum sottolinea che ciò non avverrà fino all’ultimo minuto.

Nel frattempo, tutta l’Europa noterà che la terza economia più grande del continente si sta riducendo. Anche le banche norvegesi noteranno le conseguenze aumentando i costi di finanziamento, prevede Borsum.

Borsum crede che la situazione peggiorerà prima di migliorare, perché le banche sono probabilmente sulla buona strada per restringere i loro prestiti per paura di perdere denaro.

– Quello che possiamo sperare è che il governo italiano si renda conto dei rischi di ciò che potrebbe accadere e raggiunga un accordo con la Commissione europea, dice. (Termini)Copyright Dagens Næringsliv AS e/o i nostri fornitori. Vorremmo che condividessi i nostri casi utilizzando un collegamento che conduce direttamente alle nostre pagine. Tutto o parte del Contenuto non può essere copiato o altrimenti utilizzato con autorizzazione scritta o come consentito dalla legge. Per ulteriori condizioni vedi qui.

READ  Claus Skålevik è il vincitore settimanale di Fantasyfond: - Le iscrizioni sono uno schiaffo in faccia e una danza sulle rose

I negozianti francesi potrebbero aver perso più di dieci miliardi di corone

12 in punto

Inserito: