Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il governo vuole una forte crescita della produzione di salmone, il che è completamente irrealistico, secondo una misura popolare

Il governo lunedì ha presentato la sua nuova strategia per l’acquacoltura. Lui lei Significa che vogliono una forte crescita nell’industria ittica.

Il ministro della pesca e dei frutti di mare Odd Emil Ingebrigtsen (H) afferma di voler quintuplicare la produzione di salmone e trote entro il 2050.

Secondo Ingebrigtsen, la crescita presuppone che la produzione avvenga in modo sostenibile, tenendo conto della salute dei pesci e del benessere degli animali.

– Totalmente irreale

Toine C. Sannes, fondatore di Folkeaksjon Closed Fish Farms (FLO), è molto critico sul fatto che sia possibile produrre cinque volte in modo sostenibile.

Toine C. Sannes, che è anche candidato alle elezioni per gli Obiettivi di sviluppo del millennio nel Nordland, è molto critico nei confronti della nuova strategia del governo per l’acquacoltura.

Foto: Markus Thonhaugen/NRK

L’industria dell’acquacoltura di oggi non è affatto sostenibile. Come puoi quindi presentare una strategia in cui credi seriamente di avere cinque volte la dimensione dei problemi che esistono oggi e chiamarla sostenibile è completamente irrealistico nel mio orecchio.

– Il governo dice che è un prerequisito affinché l’industria sia sostenibile?

La maggior parte delle cose al giorno d’oggi ha la parola sostenibilità. Qui abbiamo un buon esempio di come lanciare la parola “sostenibilità” perché è appropriato nel 2021. Ma non hanno un piano su come rendere questa industria sostenibile e allo stesso tempo cinque volte la produzione, pensa Sans.

Sottolinea che oggi ci sono una serie di problemi nel settore dell’acquacoltura legati a problemi ambientali e climatici, nonché all’alto tasso di mortalità dei pesci.

Ho pensato che sarebbe stato meglio se il governo si fosse posto l’obiettivo di rendere sostenibile l’industria di oggi. Solo allora possiamo iniziare a pensare a come crescere, dice Sans.

Ritiene che non sia realistico ottenere un aumento di cinque volte senza la necessità di strutture chiuse.

Solo usando questo un individuo può avere l’opportunità di realizzare il tipo di ambizioni che ha il governo, afferma Sanes.

Non richiederà strutture chiuse

Il ministro della pesca Ingebrigtsen concorda sul fatto che gli impianti chiusi saranno in grado di risolvere alcuni problemi, tra cui i pidocchi del salmone, la fuga e la raccolta dei fanghi. Tuttavia, respinge le critiche secondo cui l’industria non è sostenibile.

– Penso che critichino erroneamente la strategia dell’acquacoltura quando è in conflitto con l’industria come lo è oggi. Ingebrigtsen afferma che in realtà operiamo in modo molto sostenibile.

Il ministro della pesca Odd Emil Ingebrigtsen al porto di Bodø di fronte a diverse centinaia di nasse che sono state portate a terra lunedì.

Ci sono molti modi per raggiungere l’obiettivo qui e, soprattutto, il mondo ha bisogno di frutti di mare norvegesi più rispettosi del clima e salutari, afferma Odd Emil Ingebrigtsen.

Foto: Lars-Bjørn Martinsen / NRK

– Ritieni che non sia necessario avanzare richieste di strutture chiuse?

– Sì, penso che questa condizione sia sbagliata. Ma motivarla è un’altra cosa. Vediamo che sempre più persone nel settore stanno lavorando per trovare buone soluzioni a questo.

Ingebrigtsen ritiene che il requisito FLO significhi che tutte le operazioni siano chiuse come lo sono oggi, fino a quando non verrà trovata una soluzione definitiva per le strutture chiuse.

– Penso che questo sia del tutto irrealistico, ed è del tutto irrispettoso nei confronti di tutti coloro che gestiscono importanti lavori e produzioni alimentari lungo la nostra costa, afferma il ministro della Pesca.

Sottolinea che è necessario lo sviluppo della tecnologia per sviluppare soluzioni per le strutture chiuse.

– Ma ci sono molti progetti pilota in corso e credo che l’industria sarà in grado di trovare buone soluzioni in collaborazione con le autorità.

Il governo non ha deciso dove saranno situati i nuovi allevamenti ittici. È anche una sfida trovare nuovi luoghi in cui piantare, afferma Ingebrigtsen, poiché molti dei luoghi sono già stati utilizzati.

– Riteniamo che l’intera costa norvegese sia adatta all’agricoltura. Sono i comuni stessi che decidono dove lo vogliono nelle loro aree costiere, ed è un processo separato per valutare se è adatto per l’agricoltura, afferma Ingbrigtsen.

Un obiettivo inutile

Geir Polllestad (Sp) afferma nella discussione di Dagsnytt 18 di giovedì che l’obiettivo del governo di aumentare la produzione di 5 milioni di tonnellate è inutile.

Negli ultimi otto anni, c’è già stata una grande quantità di politiche che hanno facilitato un’ulteriore crescita. Poi ho fissato un obiettivo per il 2050. Forse siamo riusciti a fare un raddoppio, ma possiamo anche gestire un aumento di dieci volte. Quindi questa strategia è semplicemente un cattivo affare, un obiettivo di Sophie molto più avanti, dice Polistad.

Nuovo regime di compensazione per gli allevatori di animali da pelliccia fur

Geir Polllestad (Sp) ha sollevato un dibattito contro Ingebrigtsen sulla crescita nel settore dell’acquacoltura e sulla sostenibilità.

Foto: Torstein Bøe / NTB

Haas ritiene che la strategia del governo appaia come un documento della campagna elettorale del Partito conservatore per connettersi bene con l’industria dell’acquacoltura. Ballstad critica anche la strategia per la mancanza di risposte su come risolvere i problemi del settore.

– Polstad afferma che i difficili e necessari compromessi tra ambiente e industria non sono stati presi in considerazione, se si vuole facilitare il buon sviluppo e la crescita dell’industria.

Abbiamo grande fiducia nel costruire la nostra strategia sulla conoscenza e sulla scienza. I politici non sempre conoscono il modo migliore per proteggere il benessere e la salute dei pesci. Pertanto, dobbiamo indagare su questo, risponde Ingebrigtsen.

READ  Proprietà di Bing Crosby con stanza segreta in vendita per 120 milioni