Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il grande talento norvegese si allena regolarmente con un club di Serie A: – Credo che l’esordio arriverà quest’anno

Bergamo (Scoperta):

Sotto il sole cocente e il caldo di 30 gradi, il grande talento di Drøbak accoglie Discovery, camminando in maglioni e pantaloni.

– Non fa un po’ caldo lì dentro?

calcio

Clavinis dopo le riunioni della FIFA: – Il conflitto si intensifica all’improvviso

prima di un’ora

– No, mi sono abituato, sai, risponde il diciottenne con una tenerezza negli occhi.

È settembre e il talento del centrocampista attualmente sconosciuto Alwande Roaldsøy vive a Bergamo, nel nord Italia, già da due anni.

La permanenza in Italia è iniziata quando Roaldsøy ha ricevuto una telefonata nella sua casa di Drøbak. Perché dopo aver impressionato nella squadra nazionale del G15 – e nella squadra A di Drøbak/Frogn in quarta divisione – c’è stato molto interesse per il sedicenne.

Nel settembre 2020, il giovane centrocampista ha fatto un clamoroso passaggio dal club d’infanzia Drøbak / Frogn al club italiano Atalanta, tra le migliori squadre italiane degli ultimi anni.

Trasformazione significa lasciare la famiglia, gli amici e la scuola – vivere da soli senza madre, padre e fratellino. Si è trasferito in un paese dove tutto era nuovo e la lingua italiana era centrale per la popolazione, i giocatori e gli allenatori.

Il sedicenne Rwalds non conosceva una parola di italiano. Due anni dopo, il calciatore parla e gesticola abbastanza bene da rendere orgoglioso un italiano. Conosciuto localmente in città, il giocatore U19 dell’Atalanta è noto per alcune delle cose che Bergamo ha da offrire e porta Discovery in un bar del centro. Viene qui occasionalmente con i suoi compagni di squadra.

Il ragazzo Drøbak si gode il calore e la bella vita in Italia e ordina un mojito. Come gli italiani, ma anche come i giocatori professionisti in Italia, devi divertirti, ma non troppo ovviamente.

READ  Inizio da sogno per Mall e Sorum: ha vinto la partita di apertura in WC

Perché Roaldsøy ha dei sogni. Più sogni.

Il diciottenne lavora duramente ogni giorno per realizzare il suo sogno d’infanzia. Negli allenamenti di calcio, nel centro fitness o sul campo da futsal vicino a casa sua, Roaldsøy trascorre molte ore ad allenarsi.

Il primo anno all’Atalanta del talento di centrocampo è andato molto bene ed è stato nominato nella Squadra dell’Anno della Lega U17, oltre a giocare per la squadra U19 che milita nel campionato Primavera 1 con le migliori squadre e giocatori italiani. seguito dagli scout di tutto il mondo.

Leggi anche: Undici esperti messi insieme: – Tutte le aspettative sono state soddisfatte

Dopo una buona prestazione, al promettente giocatore è stato chiesto di frequentare gli allenamenti della prima squadra con i ragazzi più grandi già al suo primo anno in Italia.

Lì ha fatto bene il suo lavoro. Dall’essere un tirocinante alla scalata alla squadra A non avviene in un colpo solo. Ma ora il 18enne è più vicino che mai.

Risolto con una squadra.

Roaldsøy si è allenato con la squadra A dell’Atalanta per tutta l’estate. Dopo un lieve infortunio alla fine dell’estate, il 18enne ha dovuto guardare da bordo campo. Ma ora Roaldsøy è tornato ed è in gran forma.

Secondo Roldsoy, l’esperto e noto allenatore dell’Atalanta, Manuel Gasperini, dovrà accontentarsi di lui stesso.

– Quando Gasperini ha bisogno di alcuni giocatori, dice all’allenatore dell’Under 19 quali giocatori vuole. Poi sono spesso uno di loro, dice il giovane, sorridendo ampiamente.

Di recente si è allenato molto con star come Duvan Zapata, Luis Muriel e Merih Demiral. Il giocatore del G18 è l’unico giovane giocatore che si è allenato giorno dopo giorno per la squadra A.

Gelato Fan: il talento del centrocampo è fiorente in Italia e adora il gelato italiano. Foto: Sverre Wedøe Nodland

Foto: altra agenzia

Di recente, il ragazzo Drøbak ha giocato diverse partite di allenamento per l’Atalanta con giocatori della prima squadra che di solito non iniziano le partite. Tra gli altri con Dane Joachim Muhl, Jeremy Buga e Mario Pasalic. Roaldsøy ha dovuto giocare bene e controllare il centrocampo per parti delle partite.

Gasperini mi ha dato un buon feedback e ha detto al mio allenatore che era contento di me. Mi è stato costantemente detto di continuare ad allenarmi duramente e lui ama il mio fisico e la mia tecnica come giocatore.

– Ti motiva?

– sì. Mi dà il 100% di motivazione in più, dice con entusiasmo e continua:

– Abbiamo parlato non molto tempo fa e poi gli ho chiesto cosa devo migliorare. Gasperini mi ha detto che devo migliorare molto, ma sta vedendo dei buoni progressi.

Leggi anche: Ødegaard ha assegnato il premio onorario: – Inaspettato

– Ero più nervoso che orgoglioso

Quando Roaldsøy ha visitato per la prima volta la squadra A a 16 anni, era più nervoso di adesso.

– Ero più nervoso che orgoglioso quando sono stato chiamato per la prima volta, ma ora le cose stanno migliorando. Mi sento come se stessi prendendo bene il livello. Quando gioco con giocatori più bravi di me, faccio meglio di me stesso. Giocano bene con me.

Alla domanda sulla prospettiva di esordio in Serie A, il giovane è sembrato ottimista.

Fare la propria parte nella formazione di Gasperini è impresa ardua. Ma far parte della squadra di Serie A e debuttare è un obiettivo e un sogno per questa stagione, dice e aggiunge.

L’Atalanta sta bene e dà tante opportunità ai giovani. Quindi penso decisamente che sia una possibilità. Che sia autunno, inverno o primavera, dice Roldsoy con un sorriso sul volto.

L’Atalanta è attualmente imbattuta in questa serie e attualmente è in vetta alla Serie A con 17 punti in sette partite. Come Napoli.

– Ero deluso

Roaldsøy ha anche raccontato a Discovery della sua difficoltà l’anno scorso a non giocare per la squadra U19, dove aveva impressionato in precedenza. Invece, è stato inserito nella squadra U18, che ha giocato allo stesso livello dell’anno precedente.

Al giovane ambizioso non piaceva.

– Mi sentivo come se la squadra U19 fosse il mio posto, ma poi sono stato mandato. Mi sentivo come se non avessi tempo da perdere un anno con gli under 18, dice Roaldsoy prima di continuare.

– Mi hanno detto che avrei dovuto mostrare di più, ma sentivo di aver già mostrato le mie qualità. Sono rimasto deluso, dice il 18enne destro.

Ma ora l’ex Drøbak/Frogn gioca per la squadra U19 e si allena con il capitano della lega ed è molto contento.

Il giovane riflessivo è contento di aver combattuto.

– Avevo 17 anni e pensavo che la cosa più importante fosse giocare. Devo giocare molto e imparare. Ecco perché sono venuto qui ad Atlanta.

Condizioni di vita insolite: qui il giovane giocatore si trova davanti a casa sua e diversi giocatori del vivaio nel centro di Bergamo. Foto: Sverre Wedøe Nodland

Foto: altra agenzia

Discovery apprende che i big match del 18enne con l’Atalanta e l’U-National norvegese negli ultimi due anni hanno suscitato un enorme interesse tra diversi club. Sia in Italia, ma anche nei grandi club inglesi.

Secondo quanto riferito, il club di serie B Pisa voleva il ragazzo Drobak nelle ultime due finestre di mercato e voleva scommettere sul norvegese. Secondo Discovery Information, le offerte dovevano essere state categoricamente rifiutate.

Leggi anche: Gli esperti hanno parlato: questo è stato il peggior affare di Eliteserien

Sognano una carriera dalla stanza dei ragazzi

Roaldsøy si è trasferito nel 2020 da Drøbak, sua madre è sudafricana e suo padre è norvegese. Non è stato sempre facile, soprattutto con così tante restrizioni dovute alla pandemia di Corona. Con così pochi visitatori, il talento in crescita del 2004 ha dovuto cavarsela molto poco da solo.

Negli ultimi due anni ha vissuto in un grande condominio dove vivono giocatori stranieri dell’accademia, ma è anche la casa di gente comune.

L’Atalanta ha una convenzione con la casa in cui i giocatori fanno colazione, pranzo e cena. Oltre al trasporto da e per la struttura di formazione.

Il ragazzino porta con sé Discovery e passa in rassegna il luogo e la stanza in cui vive. Ha un letto, un bagno, una scrivania, un armadio e un piccolo balcone.

Qui puoi rilassarti vivendo vicino ai tuoi compagni di squadra e agli altri giocatori dell’Atalanta Academy. Nella stanza accanto vivono due compagni di squadra svedesi con i quali Roaldsoy è diventato un buon amico. I giovani svedesi si siedono e guardano vecchi video su YouTube dell’ala brasiliana Robinho che fa acrobazie. Tutti e tre sognano la stessa cosa: diventare calciatori professionisti.

Sogno di giocare in Premier League. Voglio andare a uno dei più grandi tornei e giocare in una grande arena. Serie A, Premier League, Liga e Bundesliga. Champions League. Ecco, dice Roldsoy.

Sebbene l’ex giocatore di Drøbak/Frogn abbia giocato in Italia negli ultimi due anni, è aperto a qualcosa di nuovo.

– Voglio avere nuovi battiti cardiaci. Sono aperto a giocare a calcio in altri paesi e campionati. Non deve essere per forza la Serie A, perché ora ho un assaggio del calcio italiano.

Il contratto di Roaldsøy scade la prossima estate, ma il giocatore ha la possibilità di rinnovare per un altro anno.

– Rimarrò qui per un anno, sicuro al 100%, forse un altro anno dopo. Questo è quanto scritto nel contratto. Poi vedrai cosa succede, conclude il giovane.

Gabinetto

I fan giapponesi fanno scalpore (di nuovo)

3 ore fa

calcio

La Federcalcio nazionale non si fida di Infantino: gli svedesi si stanno convertendo

6 ore fa