Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

L’olocausto norvegese | Irvin Kuhn

Il 24 novembre si celebra l’80° anniversario dell’Olocausto norvegese. È contrassegnato il 24 novembre poiché la data effettiva è il 26.11.2007. Cade sabato. La foto mostra prigionieri ebrei nel campo di concentramento di Sachsenhausen.
Foto: Wikimedia Commons

È importante ricordare fino a che punto le cose possono andare storte e fino a che punto possono spingersi le persone e la società. Ancora e ancora, scrive Ervin Kuhn in questo post.




Coinvolti

Ultimi post di Ervin Kuhn (Mostra tutto)

Le Nazioni Unite hanno designato il 27 gennaio come Giornata Internazionale dell’Olocausto. La minoranza ebraica norvegese è strettamente associata alla data del 26 novembre, che quest’anno è stata fissata al 24 novembre perché il 26 cade nel giorno del riposo settimanale del sabato. Il 26 novembre era la data in cui il DS Donau lasciava l’ancoraggio con 532 ebrei a bordo.

Presentazione dalla Svezia

Quando parli della deportazione degli ebrei dalla Norvegia, di solito pensi a DS Donau. In tutto, c’erano quattro trasporti; due con MS Monte Rosa, rispettivamente. 19 novembre e 26 novembre. e uno con MS Gotenland il 24 febbraio 1943. Coloro che “arrivarono troppo tardi” sul Danubio furono internati a Bredtvet.

Recenti ricerche hanno dimostrato che tutti questi 158 ebrei avrebbero potuto essere salvati. Cioè se tedeschi e norvegesi antisemiti, in uniforme e in borghese, mirano solo a svuotare la Norvegia degli ebrei. La Svezia si è offerta di accettare tutte queste persone. In totale, più di 770 ebrei furono deportati dalla Norvegia.

La tradizione norvegese di perseguitare le minoranze

È importante ricordare come le cose possono andare storte. Fino a che punto le persone e la società possono essere disposte a spingersi. ancora e ancora. È importante rendersi conto almeno una volta all’anno che non dobbiamo solo proteggere la nostra democrazia, ma anche la nostra civiltà.

READ  I 5 migliori canali YouTube su scienza, imprenditorialità, medicina e altro ancora

Siamo diventati incivili. Questo è ciò che si intende quando l’Olocausto è il collasso totale della civiltà. L’antitesi della civiltà è barbarica. L’uomo ha in sé la tendenza ad essere un barbaro, ad assecondare i suoi desideri. diventare incivile. È iniziato in Germania, ma non si è fermato qui.

Abbiamo quattro genocidi nella storia. Gli armeni nel 1915, l’Olocausto nel 1941-45, il Ruanda nel 1994 e Srebrenica nel 1995. L’Olocausto è stato l’unico genocidio globale di proporzioni incomprensibili. La minoranza ebraica in Europa doveva essere eliminata. Si chiama genocidio industriale perché hanno usato la loro creatività e la loro capacità industriale e logistica per portare a termine un compito così imponente.

Abbiamo trovato facile pulirci da soli. Troviamo facile giudicare gli altri. Dopo il suo sermone di Atli Antonsen contro un giovane musulmano nero la scorsa settimana, c’erano molte persone che hanno affermato che la Norvegia non è un paese razzista.

Per non parlare di tutti coloro che hanno affermato che Antonsen non è un razzista. Penso che ci siano pochi razzisti ideologici in Norvegia. Ma la Norvegia non è affatto esente dal razzismo, né è esente da persone prevenute. Gli Stati Uniti non sono i soli ad avere un problema razziale. La Norvegia ha la sua storia di persecuzione delle minoranze, che non molti conoscono.

La Norvegia è sul fronte dell’igiene razziale

Nel 1643 fu introdotta una taglia su Taters (fantasia, viaggiatori, rom). Ciò accadde per ordine del re a Copenaghen e la caccia al tat avvenne in forma organizzata. Questo è andato avanti per più di cento anni. Anche dopo questo, la caccia e l’uccisione di Stracci continuarono. Dal 1907 è documentata una caccia ai fantasmi su larga scala con oltre mille uomini di Flå a Gauldal. Nel corso della caccia ai fantasmi, più di cento persone potrebbero essere uccise. A quel tempo, il concetto di genocidio non era ancora stato inventato.

L’uomo ha in sé la tendenza ad essere un barbaro, ad assecondare i suoi desideri. diventare incivile.

Il termine genocidio è attribuito all’avvocato ebreo polacco e attivista per i diritti umani Raphael Lemkin. Ha creato la parola combinando il greco genos (popolo) con il latino Caedo (uccidere/uccidere). Lemkin ha inventato la parola nel 1944 dopo aver letto del genocidio armeno nel 1915.

READ  Il raffreddamento dopo l'arresto cardiaco non offre migliori possibilità di sopravvivenzaبقاء

Nei “bei vecchi tempi”, prima del processo di Norimberga dopo la seconda guerra mondiale, la comunità internazionale credeva che il regime potesse fare tutto ciò che voleva all’interno del proprio territorio. A Norimberga, le persone sono state giudicate colpevoli di “crimini contro l’umanità”. Il diritto internazionale che proibisce il genocidio è stato adottato dalla prima Assemblea generale delle Nazioni Unite l’11 dicembre 1946.

Dalla fine del XIX secolo fino al 1945, l’eugenetica e la salute razziale erano una scienza riconosciuta. La Norvegia ei ricercatori norvegesi erano leader mondiali in questa “scienza”. Il più importante in questo campo in Norvegia era John Alfred Mguin. Ha scritto il libro Racehygiene nel 1914 in cui ha sostenuto che la società moderna dovrebbe proteggersi dai “geni cattivi”.

Dobbiamo essere rivaccinati contro il razzismo e l’antisemitismo

Sia la Norvegia che i norvegesi furono partecipanti entusiasti, passivi e attivi all’Olocausto, il genocidio industriale del popolo ebraico in Europa. Non furono affatto gli occupanti tedeschi a portare l’antisemitismo in Norvegia nel 1940. Abbiamo avuto pregiudizi contro gli ebrei nel paese molto prima che ci fosse anche un solo ebreo qui. E li abbiamo ancora.

Alcune persone hanno più pregiudizi di altre. I sondaggi mostrano che la minoranza musulmana norvegese ha pregiudizi cognitivi nei confronti degli ebrei allo stesso livello dei pregiudizi della maggioranza della popolazione nei confronti dei musulmani. circa il 30%.

È importante evidenziare il più grande crimine della Norvegia durante la seconda guerra mondiale per motivi di apprendimento. Dobbiamo insegnare a ogni nuova generazione. Quando finisce la decima fila, inizia una nuova decima fila. Devi anche impartire la stessa conoscenza. Quando oggi sentiamo parlare di studenti nelle scuole norvegesi che si oppongono all’insegnamento dell’Olocausto e dell’antisemitismo, dovrebbe essere una bandiera rossa.

READ  Il membro del Congresso in una lettera al ministro dei Trasporti Pete Buttigieg sull'Atlantico norreno: - Non c'è spazio per la concorrenza sleale

Dopo la seconda guerra mondiale, alcuni credevano che avessimo superato l’antisemitismo una volta per tutte. Oggi si è rivelata un’idea ingenua e stimolante. Ci dice che non ci libereremo mai dell’antisemitismo o di altro razzismo una volta per tutte.

Non possiamo avere un vaccino per sempre. L’Olocausto ne è la prova. Per questo dobbiamo essere costantemente rivaccinati contro il virus del razzismo e dell’antisemitismo. La conoscenza è uno dei due principi attivi di questo vaccino. (Le posizioni sono l’altro ingrediente attivo) La celebrazione dell’80° anniversario della transizione della Norvegia a uno “Judenrein”, “libero dagli ebrei”, è un’occasione per insegnare e imparare.

I post dei nostri lettori sono espressioni di opinione che esprimono la posizione di chi scrive. Vediamo quaggiù Maggiori informazioni su come postare sulle nostre pagine di discussione.