Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il norvegese Imad a Gaza: – La situazione è dura

Il norvegese Imad a Gaza: – La situazione è dura

Poco meno di dieci cittadini norvegesi sono recentemente fuggiti da Gaza.

Tra loro avrebbe dovuto esserci Imad Naeem Handouka, 56 anni. È stato incluso nella lista delle persone autorizzate al rilascio, ma rimane nell'enclave devastata dalla guerra con la sua famiglia.

Ora risiedono in un campo sulla costa fuori dalla città di Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza.

– Siamo esposti alla fame, alla sete, al freddo estremo e alle peggiori forme di attacchi aerei e marittimi con le armi e le bombe più potenti, dice Handouka a Dagbladet.

Non lascerà la famiglia

Il palestinese norvegese dice di non aver lasciato Gaza due settimane fa perché alla famiglia non era permesso raggiungerlo.

È composto da sua moglie, Reem Saeed Handouqa (48 anni), dai loro quattro figli e nipoti.

– Ho deciso di non uscire da solo. “Non voglio che la mia famiglia muoia, perché non hanno un’altra nazionalità”, dice Handouka.

Lui stesso è arrivato in Norvegia nel 2009 ed è diventato cittadino norvegese circa sei anni dopo. Nel 2017 è tornato dalla sua famiglia a Gaza. Nel frattempo, hanno presentato domanda di immigrazione familiare in Norvegia, ma sono stati respinti.

Dagbladet ha visto la documentazione di ciò.

In fuga: Imad Naeem Handouka e sua moglie Reem, circondati da figli e nipoti. Foto: privata
Mostra di più

Dice che le case della famiglia sono state successivamente distrutte durante la guerra di undici giorni tra Israele e Hamas nel maggio 2021. Stavano completando le riparazioni quando è scoppiata la guerra il 7 ottobre dello scorso anno.

– Ora abbiamo perso tutto, come molti altri, dice Handouka.

Descrive una situazione disperata. Una famiglia “distrutta nella salute” da tutto ciò che ha visto e vissuto: fuga costante da un luogo all'altro, cadaveri e parti di corpi lacerati ovunque, fame estrema e freddo estremo. Tutto quello che vogliono è scappare.

– La situazione è disumana. Siamo esseri umani, non animali umani, come gli israeliani cercano di descriverci.

Impressioni forti: Gli operatori sanitari di Gaza raccontano alla BBC che le forze israeliane li hanno picchiati e molestati dopo gli attacchi agli ospedali. Video: BBC. Reporter: Vegard Krüger / Dagbladet TV,
Mostra di più

Ramadan durante la carestia

La guerra a Gaza dura ormai da cinque mesi e mezzo. Si dice che almeno 32.400 palestinesi siano stati uccisi e almeno altri 74.787 feriti. Quasi l’intera popolazione di oltre 2,2 milioni di persone è in fuga.

Dopo diversi mesi senza quasi nessun aiuto d’emergenza, i bambini cominciarono a morire di fame.

– La fame è usata come arma. Josep Borrell, coordinatore degli affari esteri dell'Unione Europea, la settimana scorsa ha dichiarato al Consiglio di Sicurezza dell'ONU che Israele sta causando la carestia.

Nello specifico, le Nazioni Unite stimano che 1,1 milioni di persone soffrano di fame al livello 5 della cosiddetta scala IPC, il livello più alto. Le condizioni sono le peggiori nel nord della Striscia di Gaza.

Quando Dagbladet ha parlato al telefono con Handoukah martedì pomeriggio, la famiglia non vedeva l'ora di assistere all'iftar di stasera, il pasto serale durante il Ramadan.

-Hai del cibo?

– Poco. Handouka dice: Abbiamo delle lattine di fagioli.

– Grazie a Dio, stiamo molto meglio di quelli che vivono nel nord di Gaza. Non possono fare nulla. La situazione è davvero terribile.

Come la maggior parte degli altri a Gaza, riceve frequenti messaggi su amici e persone care scomparse. Racconta che pochi giorni fa tre persone sono state uccise nel loro campo, in una tenda dove stavano caricando i loro telefoni.

Dice: – Eravamo a meno di cento metri di distanza quando un missile lanciato da un elicottero Apache ha colpito e ucciso tutti coloro che si trovavano nella tenda.

Ospedale Al-Shifa: Cadaveri nelle strade

Ospedale Al-Shifa: Cadaveri nelle strade


Non posso aspettarmi aiuto

La famiglia sperava che la cittadinanza norvegese del 56enne e la vecchia richiesta di permesso di soggiorno in Norvegia del 2010 li avrebbero aiutati alla luce della guerra che infuriava intorno a loro.

Il Ministero della Giustizia e della Preparazione alle Emergenze ha incaricato il Dipartimento per l’Immigrazione di dare priorità alle richieste “già presentate” per i permessi di soggiorno provenienti da persone in Israele o Palestina.

Tutte le domande presentate prima del 7 ottobre dello scorso anno.

– Non è un'interpretazione naturale dell'istruzione di riconsiderare i casi precedentemente presentati ma respinti, poiché non è stata data alcuna istruzione di trattare i casi in modo diverso da prima, afferma lo specialista responsabile dell'alloggio presso l'UDI, Rolf-Henri Antonsen, per e-mail.

In diversi messaggi inviati tramite WhatsApp, il Ministero degli Affari Esteri conferma che Handouka può lasciare Gaza, ma solo senza la sua famiglia, poiché non hanno il permesso di soggiorno in Norvegia.

Il Dipartimento per l’Immigrazione sottolinea sul suo sito web che “la situazione umanitaria e di sicurezza a Gaza non fornisce una base per eccezioni alle normali regole della migrazione familiare”.

La Direzione interpreta le norme in modo tale che alla situazione nel paese di origine del richiedente non venga dato un peso significativo nella valutazione di forti considerazioni umanitarie nei casi di immigrazione familiare. Questa è una pratica da molto tempo.

– Questo perché se a tali circostanze venisse dato un peso decisivo potrebbero essere incluse molte persone, ha detto Antonissen al Dagbladet in febbraio.

READ  Putin minaccia la guerra informatica