Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il nuovo telescopio spaziale rivoluzionerà la nostra conoscenza dell’universo – VG

Nuovo telescopio spaziale: ecco come gli esperti dell’Agenzia spaziale europea e della NASA ritengono che il telescopio spaziale James Webb alla fine funzionerà.

Un nuovo telescopio spaziale può guardare più indietro nel tempo e dovrebbe essere in grado di rivoluzionare la nostra conoscenza dell’universo. Un grande specchio avanzato catturerà la luce delle prime stelle e galassie che si sono formate dopo il Big Bang.

Inserito:

Gli scienziati garantiscono che James Webb – come viene chiamato il nuovo telescopio spaziale – scatterà immagini più emozionanti rispetto al telescopio Hubble, lanciato poco più di 30 anni fa e che ha avuto una vita straordinariamente lunga.

Lo sviluppo di James Webb continuò più o meno nello stesso periodo.

Ora l’intenzione è che il telescopio venga finalmente lanciato, come previsto il giorno di Natale.

Il lancio di James Webb è stato ritardato di 14 anni e il progetto è diventato 28 volte più costoso del prezzo originale, afferma Pål Brekke del Norwegian Space Center.

Lo sviluppo del telescopio è iniziato alla fine degli anni ’90 ed è stato programmato per essere lanciato nel 2007 per un costo totale di 500 milioni di dollari. Diverse sfide tecniche e problemi nel finanziamento della costruzione hanno ritardato il lancio. L’intero progetto era sull’orlo della cancellazione nel 2011.

UNFOLD: Ecco come dovrebbero aprirsi lo specchio e il telescopio stesso. Per abbinare il razzo, sono stati “impilati insieme” per il volo nello spazio. Sarà interessante vedere se il telescopio James Webb si apre correttamente.

James Webb (il nome deriva dall’ex CEO della NASA) dovrebbe essere in grado di darci “notizie” molto più velocemente del telescopio Hubble, perché ha uno specchio con un diametro di almeno 6,5 metri, mentre il diametro di Hubble è di 2,4 metri è un grande specchio.

READ  Sony si trasforma: i negozi online per i dispositivi PlayStation 3 e PlayStation Vita sono ancora in circolazione

James Webb vuole rivoluzionare l’astronomia e la nostra conoscenza dell’universo. Il telescopio cercherà lo spazio più che mai, scattando foto e analizzando esopianeti, stelle e galassie, afferma Pål Brekke.

Studiare l’inizio dell’universo sarà un compito importante per il nuovo telescopio. Poiché l’universo ha 13,8 miliardi di anni, possiamo imparare qualcosa su di esso solo studiando le galassie la cui luce è stata di 10-13 miliardi di anni lungo il percorso.

Illustrazione: ecco come l’artista immagina l’apertura del razzo Ariane 5 e l’aspetto del telescopio spaziale piegato.

È un lungo viaggio di luce, quindi le prime galassie si vedono anche nei grandi telescopi solo come poche deboli macchie di luce.

Poiché il James Webb Space Telescope (JWST) ha uno specchio molto più grande, questo telescopio dovrebbe essere in grado di raccogliere la luce per vedere queste prime galassie molto più velocemente di Hubble.

Ma prima, il nuovo telescopio sarà pronto per l’uso. Pål Brekke spiega:

– Il telescopio è piegato, altrimenti non si adatta al razzo. Quando tutte le diverse parti devono essere esposte di nuovo, molte cose possono andare storte. Non c’è modo di aggiustare le cose se qualcosa va storto, a differenza del telescopio spaziale Hubble.

Brick afferma che più di 1.000 persone provenienti da 17 paesi diversi sono state coinvolte nella costruzione, costruzione, test e lancio del telescopio.

Ma non meno importante, ci sono migliaia di scienziati che aspettano da molti anni le immagini del nuovo telescopio spaziale.

– Quindi ci sono molti che vogliono tirare un sospiro di sollievo il giorno in cui il telescopio si è aperto e ha raggiunto la sua nuova casa in orbita attorno al punto di Lagrange n. 2. Questo punto si trova a ca. 1,5 milioni di km dalla Terra, sempre dalla parte opposta del Sole. Qui, James Webb percorrerà un percorso abbastanza stabile senza dover utilizzare molto carburante, afferma Pål Brekke.

READ  La demo di Kirby and the Forgotten Land ti consente di testare il gioco
Specchio: gli esperti controllano una volta per tutte lo specchio prima che venga piegato e posizionato nel missile con cui viene lanciato.

Una delle prime cose che accade dopo che un telescopio è apparso nello spazio, è che l’enorme cortina solare si apre. Dovrebbe aiutare a mantenere il telescopio estremamente freddo perché gli strumenti nel telescopio non sarebbero in grado di osservare se non fosse troppo freddo.

– L’ombrellone misura 21 x 14 metri – come un campo da tennis – ed è composto da cinque strati di strati separati con kapton fabbricato, un materiale plastico molto sottile e resistente. Ogni strato è ricoperto da una superficie metallica altamente riflettente. Ogni strato è più sottile di mezzo foglio di carta.

È, ovviamente, un’impresa ingegneristica smontare l’enorme parasole – fatto di strati ultrasottili – dai pali telescopici. Pertanto, gli ingegneri tratterranno il respiro quando lo “svuoteranno”.

– La temperatura sul lato in ombra dell’ombra sarà di 225 gradi Celsius. , dice Pål Break.

La prossima fase critica è quando si apre il telescopio stesso.

Lo specchio principale è composto da 18 esagoni, ciascuno di 1,32 m di diametro. Sono realizzati in materiale di berillio resistente e leggero: ogni pezzo pesa solo 20 kg. È anche placcato con un sottile strato di oro puro, che riflette efficacemente la luce infrarossa.

In totale, l’area dello specchio è di circa 25 metri quadrati. Il suo volume è circa sette volte la dimensione dello specchio Hubble.

Ogni parte dello specchio può essere messa a punto utilizzando minuscole pressioni dietro gli specchi e può essere regolata con una precisione di un decimillesimo dello spessore di un capello umano, afferma Pål Brekke.

READ  Svelati i piani multipiattaforma di Battlefield 2042

Dice anche che il telescopio è così sensibile che dovrebbe essere in grado di monitorare la radiazione termica di un’ape alla distanza della luna o rilevare una candela su una delle lune di Giove, a circa 800 milioni di chilometri di distanza.

Il telescopio seguirà l’orbita della Terra intorno al sole e ruoterà costantemente la parte posteriore della calotta solare verso il sole. Anche una debole radiazione termica dalla Terra o dalla Luna interferirebbe con le misurazioni di corpi celesti distanti senza la copertura del sole.

Pål Brekke del Norwegian Space Center comprende che James Webb è molto più di un aggiornamento del telescopio spaziale Hubble.

Uno specchio più grande raccoglierà più luce in modo da poter vedere oggetti distanti e darci immagini più chiare. Altrettanto importante è che James Webb rileverà la luce infrarossa dall’universo, una radiazione che non possiamo vedere con i nostri occhi. Questo è ciò che spesso chiamiamo radiazione termica. Molte persone hanno probabilmente visto immagini scattate con telecamere termiche. Quando si osserva l’infrarosso, non si può farlo nell’orbita terrestre come Hubble, ma bisogna essere lontani dalla Terra e da altre fonti di luce.

bersaglio di? Sì, dovremmo essere in grado di vedere le nebbie e le nuvole di polvere dove stanno nascendo nuove stelle, con i pianeti associati.

Pål Brekke pensa anche che James Webb sarà in grado di darci risposte migliori sul fatto che qualcuno delle migliaia di esopianeti che abbiamo scoperto negli ultimi anni possa ospitare esseri viventi.

In altre parole, possiamo fare un passo avanti per scoprire se siamo soli nell’universo.

Anche James Webb può guardare indietro nel tempo. La luce delle prime stelle e galassie che si sono formate dopo il Big Bang non esiste più come luce visibile. Quando l’universo si è espanso, questa luce si è espansa ed è ora visibile solo come radiazione infrarossa. È così che James Webb sarà come una macchina per contare il tempo e darà agli scienziati l’accesso all’intera storia dell’universo, afferma Pål Brekke del Norwegian Space Center.