lunedì, Luglio 22, 2024

Il Ponte Morandi a Genova è un avvertimento di disastri imminenti

Must read

Bertina Buccio
Bertina Buccio
"Lettore. Appassionato di viaggi esasperatamente umile. Studioso di cibo estremo. Scrittore. Comunicatore. "

Crollo dell’occupazione a Minneapolis. La situazione negli Stati Uniti potrebbe essere peggiore che in Europa. Quasi 70.000 ponti necessitano di manutenzione immediata.

Un tempo le autostrade e i ponti eleganti erano l’orgoglio dell’Italia. Il disastro sull’autostrada A10 di Genova dove sono morte almeno 43 persone, tra cui 3 bambini, è un esempio lampante di questo orgoglio che si trasforma in vergogna.

Ho imparato a conoscere l’età dell’oro in Italia quando ero ragazzo. Vaterne collaborò con l’industria cinematografica italiana e ricevemmo per posta una rivista mensile italiana dove potevamo leggere, o preferivamo vedere, poiché le nostre competenze linguistiche non erano grandi, i grandi progressi che l’Italia aveva fatto nella tecnologia, nella scienza, nelle infrastrutture e nell’ingegneria. Questa fu l’età d’oro della moderna economia italiana. L’Autostrada del Sol e i suoi audaci ponti stradali che attraversavano le colline toscane mostravano un paese che andava avanti e indietro, brillantemente.

L’Italia che incontriamo oggi è un paese in cui le strade stanno crollando a causa della totale mancanza di manutenzione. Anche le strade principali di Roma sono così piene di buche che è pericoloso percorrerle di notte, e in alcuni luoghi anche di giorno, come succede in un Paese dove gli antenati dell’Europa hanno insegnato loro a costruire strade. Il Colosseo e il Pantheon sono ancora in piedi, e peggio per cose costruite sessanta o settanta anni fa. La classe politica italiana ha indebolito il Paese per una generazione, e si vede.

Le autostrade italiane sono state di fatto cedute alla società privata Atlantia, di cui la famiglia Benetton è la maggiore proprietaria e nella quale il fondo petrolifero detiene una grossa partecipazione. È un colosso economico che opera rotte in Italia, Brasile, Cile, India e Polonia e gestisce gli aeroporti di Fiumicino e Ciampino fuori Roma, oltre a tre aeroporti nel sud della Francia. Questa è la capitale finanziaria mondiale. Il loro obiettivo è ottenere il massimo profitto al minimo costo.

READ  In attesa di un prezzo del petrolio di 95 dollari al barile

Leggi: Il disastro del ponte di Genova mette in luce il profitto privato e la povertà pubblica

Il vice primo ministro italiano Luigi Di Maio afferma:

“Riscuotono le tasse più alte in Europa, ma pagano tasse molto basse attraverso la loro sede in Lussemburgo”.

La privatizzazione ha portato a una scarsa manutenzione

Questo è un esempio lampante di “collaborazione pubblico-privato”. In Italia esiste anche una vasta industria cosiddetta del calcestruzzo, dell’edilizia e delle costruzioni, completamente infiltrata dalla mafia. Si stima che in tutta Italia ci siano 300 ponti e tunnel in pessime condizioni. In alcuni casi, ciò è dovuto al furto di armature dalle strutture o alla presenza di troppo poco cemento nella malta. Quando il terremoto colpì L’Aquila nel 2009, si scoprì che gli appaltatori non avevano utilizzato rinforzi e avevano mescolato sabbia marina nel processo di getto.

Ma il tracollo non è un problema particolarmente italiano. Un rapporto pubblicato dal Ministero dei trasporti francese ha rivelato che 840 ponti nel paese sono ad “alto rischio di crollo”. La quantità di investimenti accumulati è così grande che se gli investimenti continuassero allo stesso livello di oggi fino al 2037, il 62% delle strade del paese sarà pericoloso da percorrere.

Negli Stati Uniti, dal 2000, 25 ponti sono crollati completamente o parzialmente. Gli Stati Uniti spendono solo lo 0,6% della spesa pubblica in investimenti infrastrutturali, una percentuale molto piccola rispetto a quanto viene investito nell’esercito. Nel suo discorso sullo stato dell’Unione del 2013, Obama ha chiesto con forza l’immediata riparazione di quasi 70.000 ponti fatiscenti in tutto il paese in un piano chiamato Risolvilo prima. Sarebbe costoso 50 miliardi di dollari Per tutto il settore dei trasporti. Invece il Congresso passò Una riduzione di 1,9 miliardi di dollari Il piano non è mai stato attuato. La corrosione si verifica in tutti gli ambiti: strade, ponti, tunnel, reti elettriche, reti telefoniche, trasporti pubblici…

READ  La Juventus è diventata campionessa della coppa quando sono tornati i tifosi
I crolli dei servizi pubblici non si verificano raramente negli Stati Uniti.

In Norvegia, secondo uno Rapporto sullo stato Il VG ha pubblicato 1.087 ponti con difetti “gravi” o “critici” in termini di capacità portante e sicurezza del traffico. Ciò deve essere visto nel contesto dell’aumento del trasporto stradale e dell’aumento del trasporto di merci su strada. L’Unione Europea ha adottato norme che consentono la circolazione sulle strade norvegesi di grandi treni di camion lunghi 25 metri e pesanti 60 tonnellate.

Il moderno sistema commerciale globalizzato fa sì che la mobilità sia l’alfa e l’omega. Gli acquisti vengono effettuati dove sono sempre più economici e le merci vengono poi trasportate avanti e indietro attraverso il continente verso le società di produzione e i mercati.

Carrozze da 40 a 60 tonnellate attraversano il continente, con le grandi catene alla frenetica ricerca del miglior margine di profitto.

Durante il cosiddetto “scandalo della carne di cavallo” del 2013, il Financial Times ha fornito una chiara descrizione di come funzionava il sistema. Avisa cita il professor Karel Williams della Manchester Business School che racconta come nei fine settimana nei Paesi Bassi i rimorchi refrigerati si mettono in fila fuori dai macelli, con gli autisti che non hanno idea di dove stanno andando fino all’ultimo minuto. Ogni intermediario ha 10-20 macelli da cui acquista. Una settimana compra un posto, la settimana dopo ne compra un altro. È possibile stipulare offerte last minute in modo che l’autista possa ricevere i suoi ordini di consegna. “Abbiamo un commercio europeo infinito in cui pezzi di animali vengono trasportati in rimorchi da 40 tonnellate”. dice Williams.

Ciò è in linea con la logica di mercato e i principi di acquisto dei grandi monopoli. Ma nessun paese è in grado di tenere il passo con questo sviluppo quando si tratta di costruire, soprattutto mantenendo strade, ponti e tunnel sufficientemente sicuri. Questa corsa febbrile ai margini di profitto sta uccidendo in ogni senso della parola, sia per la natura che per le persone. Quindi preparati al prossimo crollo del ponte. Perché accadrà.

READ  L'app per il riciclaggio di Childhood Friends ha un valore di 63 milioni e ha attirato importanti investitori: - Non abbiamo biografie particolarmente belle

Bal Stegan

Leggi anche:

– Le norme UE impediscono all’Italia di investire nelle proprie infrastrutture

Dopo il crollo del ponte di Genova: potrebbe succedere in tutta Europa.

Le infrastrutture sono in caduta libera

More articles

Latest article