Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il ricercatore norvegese con più pubblicazioni è stato assolto dall'accusa di frode.  Ora 12 dei suoi articoli sono stati segnalati

Il ricercatore norvegese con più pubblicazioni è stato assolto dall'accusa di frode. Ora 12 dei suoi articoli sono stati segnalati

Il ricercatore iraniano-tedesco Hamid Reza Karimi ha avuto un'enorme produzione quando lavorava all'Università di Agder (UiA). Nel 2013 e nel 2014 è stato coautore di oltre 100 pubblicazioni di ricerca su riviste internazionali, secondo Affari di oggi. Nessun altro si è avvicinato ai numeri che il professore di tecnologia e matematica ha potuto mostrare.

Molti dubitavano che fosse troppo bello per essere vero.

È stato indagato ma assolto

Nel 2016 e nel 2017, la sua produzione è stata esaminata dalla Commissione nazionale d'inchiesta sulla cattiva condotta nella ricerca (la Commissione d'inchiesta). Tra l'altro si sospettava che la co-paternità di Karimi fosse sbagliata, ma anche che la frequenza delle citazioni fosse stata manipolata. Ma Karimi è stato assolto. Ha ricevuto critiche per non aver contribuito a chiarire la questione, ma secondo la commissione non ha mostrato cattiva condotta scientifica.

Ma a quel punto aveva concluso la sua carriera di ricercatore in Norvegia per una ragione completamente diversa. PST
sfratto In particolare con l'accusa di spionaggio industriale a vantaggio delle forze armate cinesi. Oggi è professore al Politecnico di Milano in Italia, secondo il sito web dell'università.

Articoli che sono stati taggati dall'editore

Ma l’anno scorso, l’editore IEEE ha controllato gli articoli pubblicati da Karimi nelle sue riviste. A novembre hanno deciso di segnalare 12 dei suoi articoli, secondo il database L'ora del ritiro. L'editore ritiene di aver manipolato il numero di volte in cui questi articoli sono stati citati.

I 12 articoli ora iniziano con questo formato dell'editore:

“Dopo un esame approfondito da parte di un comitato opportunamente costituito, si è riscontrato che l'autore di questo articolo, Hamid Reza Karimi, ha agito in violazione dei Principi IEEE per l'editoria etica aumentando artificialmente il numero di citazioni a questo articolo.”

Karimi ha scritto tre di questi articoli mentre lavorava all'Università di Agder.

Editoria

Dal database sono state rimosse più di cinquanta riviste, per un totale di 19 riviste dello stesso editore

Diversi modi per elaborare le citazioni

L'editore non ha voluto spiegare a Chrono esattamente cosa crede che Karimi abbia fatto concretamente, e Karimi stesso non ha risposto alle nostre domande.

Esistono diversi modi per elaborare il numero di citazioni. Puoi ottenere aiuto da altri o collaborare con loro attraverso i cosiddetti club di quotazione o cartelli di quotazione. Oppure si possono citare troppo i propri articoli, il che si chiama autocitazione eccessiva. Ciò potrebbe accadere, ad esempio, con un riferimento al tuo stesso articolo, ma in realtà questo articolo non ha assolutamente nulla a che fare con ciò di cui stai scrivendo. Cita se stessi con l'obiettivo di aumentare le citazioni per il proprio articolo.

READ  Consumatore, Energia | Se fai questa perdita di energia, può avere gravi conseguenze

Dopo aver esaminato il caso, l'esperto di pratica delle citazioni Ole Bjorn Reykdal ritiene che in questo caso si tratti di quest'ultima, cioè di un'autocitazione eccessiva.

“Chiaramente l'editore ha esaminato una serie di cose che aveva fatto e scritto e ha scoperto che lui stesso – o forse con l'aiuto di altri – citava eccessivamente i suoi stessi articoli”, afferma Reykdal, professore emerito all'Università di Harvard. Università norvegese di scienze applicate.

Ole Björn Reykdal

Il contenuto dei 12 articoli non è il problema. ma dopo Altri articoli pagLi ripete senza che sia necessario.

Ma perché qualcuno dovrebbe gonfiare il tasso di citazione?

Il numero di citazioni è qualcosa con cui misuriamo. Non citarlo affatto è un po’ sciocco per un accademico. Ci sono grandi differenze tra i diversi argomenti riguardo all’importanza di questi numeri, ma si notano chiaramente quando qualcosa viene citato più spesso. Reykdal afferma che un’elevata frequenza di citazioni di solito significa che qualcosa ha “impatto”, ha influenza e importanza.

Due degli articoli pubblicati da Karimi mentre lavorava in Norvegia sono stati citati circa 300-400 volte ciascuno. Tra il 10 e il 15 per cento delle citazioni provengono da articoli scritti dallo stesso Reda. Non è chiaro se gli articoli, che secondo l'editore contengono citazioni ridondanti, siano stati scritti mentre Reza lavorava alla UiA. Si è dimesso dalla carica di professore presso l'UiA nel 2016.

Etica della ricerca

Il professore ha incolpato gli studenti di “errori sporchi”. Ora è accusato di cattiva condotta scientifica

Il tuo profilo Google Scholar è scomparso

Nel 2022 il profilo di Karimi su Google Scholar è scomparso. Ma attraverso la Wayback Machine, puoi vedere che i suoi articoli sono stati citati quasi 30.000 volte, poco più di 23.000 dal 2017.

READ  Energia fossile, COP28 | Il leader della Cop 28 risponde dopo clamorose affermazioni petrolifere

“È incredibilmente alto”, afferma Ole Bjorn Reykdal.

Il cosiddetto h-index era pari a 95, anch'esso molto elevato. L'indice viene calcolato in base al numero di articoli pubblicati e al numero di volte in cui ciascun articolo è stato pubblicato.

Reykdal afferma che pochissimi ricercatori hanno così tante pubblicazioni da avere un impatto significativo sul tuo indice delle citazioni se citassi te stesso.

-Ma il fatto è che ha una produzione follemente alta. Puoi effettivamente utilizzare l'autocitazione per aumentare il tuo h-index e ripetere un po' la citazione.

Sono stato criticato per non aver contribuito

Nel 2015 e nel 2016, Dagens Næringsliv ha iniziato a scrivere sulla produzione del “ricercatore straordinario” e dell’”eroe editoriale norvegese” Karimi. Ha contribuito a far sì che l'UiA chiedesse al Comitato nazionale d'inchiesta di esaminare la questione.

Pertanto, nel loro rapporto del 2017 hanno concluso che Karimi non aveva agito in modo scientificamente fraudolento. Ma li ha criticati per non aver voluto contribuire lui stesso alle indagini. Il rapporto affrontava in particolare se a Karimi fosse stata attribuita la paternità illecita degli articoli, ma il comitato ha scritto che non era possibile chiarire questo senza il coinvolgimento dello stesso Karimi. Il comitato ha concluso che il principio di trasparenza riguardo a chi contribuisce alla ricerca non è stato rispettato.

Ma per quanto riguarda le citazioni, la commissione investigativa non aveva nulla su cui puntare. Tra l'altro si sospettava che Karimi avesse collaborato con ricercatori cinesi per aumentare la frequenza delle citazioni attraverso i cosiddetti cartelli delle citazioni. Ma non hanno trovato prove che egli si sia impegnato in una collaborazione sistematica per aumentare il numero di citazioni. Gli esperti hanno notato che i suoi articoli vengono citati più frequentemente, circa il doppio della frequenza media sullo stesso argomento. Circa il 20% dei suoi articoli erano tra i più citati al mondo all'interno del profilo tematico del ricercatore. Gli esperti hanno commentato questo:[forskerens] Un'influenza relativamente buona nella letteratura di ricerca, anche senza autocitazioni, è un segno che ricercatori indipendenti nello stesso campo considerano utili i risultati a cui hanno contribuito.

La commissione di esame non ha esaminato tutti gli articoli da lui scritti all'UiA, ma ha fatto una selezione.

– Molto serio

Quanto è pericolosa l'inflazione delle citazioni?

READ  Eriksen ha ammirato: - Un'atmosfera completamente diversa adesso

Considerato isolatamente, questo è molto meno pericoloso di ciò che viene chiamato FFP, ovvero fabbricazione, falsificazione e plagio, afferma l'esperto di citazioni Ole Bjorn Reykdal. Ciò di cui Karimi è accusato rientra in quella che viene descritta come pratica di ricerca discutibile (QRP o “pratica di ricerca discutibile”).

– Ma quando ce n’è troppa, il sistema marcisce. Quando ci sono molte citazioni che non colpiscono, perdiamo rispetto per la fonte di riferimento come strumento accademico e smettiamo di cercare documentazione e garanzia di qualità per ciò di cui siamo più soddisfatti. Poi abbiamo un problema enorme, dove la distinzione tra scienza da un lato e sciocchezze dall'altro è sfumata, dice Reykdal.

– In questo senso, quello che sta facendo è molto pericoloso. Le citazioni delle fonti dovrebbero essere sacre, non sono qualcosa che dovresti buttare in giro per aumentare la frequenza delle citazioni tue o di altre persone.

Secondo Rykdal, è piuttosto unico per un editore controllare le citazioni e segnalare gli articoli in questo modo. Lui stesso conosce un solo caso simile di denuncia.

– Tutto dimostra che hanno fatto un ottimo lavoro, è davvero impressionante. Dice: Secondo me è meraviglioso che queste cose vengano rivelate.

Non crede che il comitato investigativo norvegese debba essere incolpato per non aver scoperto la frode delle citazioni.

“Scrutare ogni angolo della carriera di uno che ha scritto così tanto mi sembra un compito del tutto insormontabile”, dice.

È quanto afferma il rettore dell'UiA

La presidentessa dell'Università di Agder, Soneva Whittaker, afferma in un commento scritto a Khrono:

“Come università, non vogliamo speculare su quanto accaduto senza ulteriori informazioni. È anche importante che gli editori e i redattori possano esercitare il proprio ruolo quando si tratta delle proprie pubblicazioni, e parte di ciò è seguire le pratiche di citazione.”

All’UiA facciamo affidamento sulla buona pratica scientifica e abbiamo bisogno di qualcosa di più di quanto mostrato qui per valutare cosa è successo”.

Aggiunge che qui il problema sembra essere quello delle citazioni A Articoli prodotti presso UiA.

Determinare i requisiti di citazione per fare domanda per una cattedra. Poi in Italia aumentò l’automartirio.