Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il rivale Bo Alexander Loginov: – Parla di una tragedia personale

Con due medaglie individuali ai WC di Ostersund nel 2019, seguite da una singola oro e argento individuale ad Anterselva lo scorso anno, Alexander Loginov è stato negli ultimi anni uno dei più grandi concorrenti norvegesi.

La sentenza antidoping emessa nel 2013, il che significa che il russo è bandito per due anni, ha influenzato anche il rapporto dei russi con Johannes Thinkness Boo e Tarji Boo. I norvegesi hanno criticato più volte il concorrente.

Malattia

Ma la scorsa stagione hanno smesso di pensare troppo ai russi. Il più notevole di Loginov è stata la staffetta di bronzo della Russia, nonché un vincitore della Coppa del Mondo. Lontano dal suo livello normale.

Adesso ci racconta di un anno difficile, ho iniziato con un periodo di malattia ad agosto, l’ho portato fuori per diverse settimane e ho rovinato l’inizio della stagione.

nella stanza: Tra le altre cose, è stato riferito che la polizia è entrata nella stanza di Alexander Loginov durante l’operazione. Foto: Christopher Lucas.
Mostra di più

Casi di morte

Subito dopo il nuovo anno, sono emerse notizie peggiori quando il padre di 29 anni è morto. Ha ricevuto il messaggio mentre si trovava a Oberhof dove doveva essere condotto.

– E ‘stata dura, eri davvero laggiù. Non potevo andare da nessuna parte, dovevo solo stare in piedi, spiega Partita televisiva.

La settimana successiva, Loginov ha ottenuto la sua unica vittoria stagionale, nella gara di 20 chilometri ad Anterselva.

Non è stato facile appassionarsi al biathlon quando ho perso colui che mi ha tenuto vicino a questo sport. I miei genitori adoravano il biathlon e durante la mia infanzia abbiamo assistito a molte gare insieme, continua.

READ  Solskjær è stato elogiato per la decisione di Lingard

Speranza olimpica

Il russo dice che ora è pronto a lasciarsi alle spalle il tempo pesante e non vede l’ora che arrivi la Coppa del Mondo a Pechino. Se raggiungerà il vecchio livello, sarà uno dei maggiori concorrenti per i norvegesi.

Dopo essersi allenato molto con se stesso la scorsa estate, ora è tornato con la nazionale russa.

– Dobbiamo lavorare sodo, non c’è tempo per riposare. Abbiamo in programma di utilizzare la forza della squadra per aiutarci a vicenda. Loginov conclude che tutti hanno punti di forza e di debolezza e ora dobbiamo spingerci a vicenda.