Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il sogno di Hovland di un master è deluso: – Non oggi

Il sogno di Hovland di un master è deluso: – Non oggi

Augusta (Norsk Golf): Per il Team Hovland, il Masters di quest'anno è iniziato come una corsa contro il tempo. Il venerdì è diventato rapidamente una battaglia contro il taglio.

L'ultimo gruppo della giornata se n'era andato Viktor Hovland È uscito al 15° posto, un colpo sotto il par, dopo un round di apertura molto affidabile in condizioni di vento difficili all'Augusta National.

Nel secondo turno cercherà di ottenere la sua prima vittoria importante. Ma dopo cinque buche il sogno era già infranto.

La giornata è lunga e pesante

“Non oggi”, è stata la chiara risposta di Hovland alla richiesta del coordinatore nell’area interviste.

Dopo una delle sue giornate più lunghe e pesanti sul campo da golf, almeno da professionista, il 26enne non ha voluto dire nulla. Ma il suo linguaggio del corpo diceva più di quanto potesse trasmettere a parole.

Danno. duro. Solo un giorno da dimenticare. E allora forse era anche comprensibile che il protagonista scomparisse dietro l'angolo e si lasciasse inghiottire dall'oscurità calata sull'Augusta National pochi minuti dopo il putt finale.

Con 81 colpi – nove durante la giornata, altri otto in totale – ha concluso due colpi dietro il traguardo, che nelle ore pomeridiane è salito fino a sei sopra il par.

Perché Hovland non era solo. C'erano molti che hanno lottato contro i forti venti. Ma un solo giocatore in campo è l'argentino Emiliano Grilloarrivato ultimo, ha avuto una giornata di lavoro più dura (83 colpi) rispetto al norvegese, che è sesto nella classifica mondiale.

Questo parla da solo. Perché niente era giusto. non oggi.

READ  Il campione del mondo ha sparato alla testa in una discoteca - VG

La fiducia che è scomparsa

La brutta giornata è stata una sorpresa per tutti. Perché anche se il vincitore della FedExCup dell'anno scorso ha giocato in disgrazia al Masters dopo un inverno improduttivo, era ancora estraneo alla giacca verde.

“So che posso ancora segnare punti molto bassi qui”, ha detto Hovland giovedì.

Ha poi giocato a golf in modo impeccabile sui primi nove, colpendo tutti i fairway e 8 dei 9 green. Ha completato il club alla moda con quattro sotto il par. Ma da qualche parte nelle ultime nove buche, la bella sensazione che aveva costruito lavorando così duramente per settimane, durante la settimana del Master in lunghe sessioni di prove con il suo nuovo allenatore, è scomparsa. Dana Dahlquist.

“La fiducia in se stessi non è qualcosa che si ha, è qualcosa che si ottiene”, ha detto il vecchio saggio allenatore e maestro di assiomi del Rosenborg. Niels Arne Eggen.

Hovland lo ha espresso con le sue parole dopo il primo round:

– È difficile acquisire fiducia da un buon risultato. Ha detto che ottengo fiducia attraverso buoni metodi.

È facile da riconoscere. L'uccello fortunato non è bravo come l'uccello medio che ha fairway, green e one-putt. E quella bella sensazione viene ribaltata almeno quando il colpo in cui di solito sei più bravo diventa improvvisamente difficile.

Viktor Hovland mentre giocava venerdì alla buca 12 e all'angolo Amen. È finita con un pareggio.

Tutto è andato a sinistra

Già sul campo pratica prima del giro, Hovland ha tirato a sinistra due piloti. È una perdita di cui cerca di liberarsi da molto tempo, ma che ritorna nei giorni brutti.

READ  Milan e Maldini accettano gli straordinari

Passarono i primi nove venerdì Qualunque cosa A sinistra. Si è ritrovato con uno spauracchio alla prima buca prima di arrivare alla seconda buca. Ha dovuto cadere due putt nella boscaglia prima di ritrovare la strada per il fairway e un triplo bogey.

Abbiamo tutti conosciuto questa sensazione. Da bambini, non vedevamo l'ora di fare una partita a golf, andare a letto presto, svegliarci con un passo elastico, fare una colazione lunga e deliziosa, indossare la nostra maglia Lindeberg e riscaldarci come mai prima d'ora – solo per essere sballottati in giro dagli dei del golf e inviato a La cantina è nelle prime due buche.

È consentito ricominciare da capo? Inserire la presa? Ctrl+Alt+Canc? Moltiplica quella sensazione per cento, forse mille, e sarai vicino a ciò che Hovland ha provato venerdì.

Come gestisci la cosa? Un portiere di calcio potrebbe sdraiarsi dopo due errori grossolani, afferrarsi la coscia o il gomito, mostrare il cartello di sostituzione in panchina e cedere il posto al numero 12.

Ma nel golf non c’è posto dove nascondersi. Sei solo. E al Masters i riflettori sono accesi.

Nell'ultima parte del davanti e nella prima parte del dietro è stato bilanciato sul bordo tagliato. Almeno un paio dopo l'altro bastò a fermare l'emorragia. Quando finalmente l'uccello rotolò nel buco all'uscita di Amen Corner, la vittima più grande fu guarita. Era nella top 50 per giocare ad Augusta questo fine settimana.

Ma per quanto doloroso possa sembrare, l’esplosione più grande era proprio dietro l’angolo.

È qui che le cose peggiorano al 15, quando Hovland deve respingere nel buco.

Bang con la S maiuscola

Il putt è arrivato con la S maiuscola alla 15a buca. L'umore non era altro che nella media dopo tutto il duro lavoro, le discussioni avanti e indietro sulla selezione del club e le iscrizioni molto lunghe che gli hanno negato una buona possibilità di birdie.

READ  Rapina a mano armata su Stirling - VG

Lo scivolo posteriore è quasi finito nella tazza. Il par tirato da una distanza di poco più di un metro ha colpito il bordo della buca. E quando Hovland, completamente sconfortato, stava per “centrare” la breve rimonta, disorientato ed esausto, l'intera squadra del Masters è svanita in fumo.

Il doppio spauracchio era il suo biglietto per tornare a casa.

Questo è stato il quinto torneo Masters di Hovland. Ha iniziato l’avventura da massimo dilettante nel 2019, e finora ha continuato a mancare la gara di Augusta. Con la brusca uscita di venerdì si è conclusa anche la lunga serie di 32 tornei consecutivi del PGA Tour senza perdere una partita del fine settimana.

Chiunque abbia visto Hovland lasciare l'Augusta National in campo durante il Black Friday sa che non voleva il fine settimana libero. Non è sicuro che le giornate debbano essere utilizzate per ulteriore formazione.

Nota! svedese Ludwig Aberg È stata la corsa migliore di sempre venerdì. Il giovane talento di Isloff ha tirato 69, tre sotto il par, ed è risalito al settimo posto, due colpi dietro al connazionale nella Ryder Cup. Nikolaj Hoggard (67, 63). Proprio in alto, con due round rimanenti, c'è la tripla Max Homa (67, 71), Bryson DeChambeau (65, 73) E – ovviamente – SCoty Scheffler (66, 72) a -6.

Classifiche