Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Il tuo cane può vedere quando gli viene mentito

I ricercatori dell’Università di Vienna volevano vedere se il comportamento dei cani cambia quando sanno di essere stati ingannati e se c’è una differenza nel comportamento quando un cane ha la percezione del fatto che gli umani siano stati ingannati intenzionalmente.

I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte dei 260 cani ha agito contro gli ordini umani quando sapeva che le istruzioni che gli erano state date non avrebbero dato il risultato desiderato, in questo caso se sapevano di essere stati chiamati a una ciotola di cibo vuota. La percentuale di cani che non obbedivano aumentava se gli umani mentivano deliberatamente, secondo un articolo in Atti della Royal Society B.

metodo

L’esperimento e il metodo precedentemente utilizzati sono stati utilizzati per testare bambini piccoli e scimmie presumibilmente intelligenti. Nella camera vengono posizionati due contenitori e, mentre si osserva l’oggetto di prova, viene posta una ricompensa in uno di essi, mentre l’altro è vuoto.

Per consolidare la fiducia nell’allenatore, il comunicatore, l’oggetto di prova viene chiamato al contenitore contenente la ricompensa. In effetti, tutti i cani, bambini piccoli e scimmie, andranno al contenitore a cui sono chiamati, dopo aver visto che qualcosa di buono è stato messo dentro.

L’esperimento inizia quando una nuova persona appare nella stanza e mescola lo spuntino, osservando l’oggetto di prova.

Risultati

In questo caso, i cani inizialmente hanno visto il secchio A pieno di cibo, prima che la persona sconosciuta spostasse il cibo nel secchio B. Ai cani è stato quindi chiesto di venire al secchio A per mangiare, ma i cani hanno visto che il secchio era vuoto. Molti sono andati comunque, ma la maggioranza ha ignorato il chiamante ed è andata al gruppo B.

READ  La vita dei bambini è importante! Stop alla riapertura della scuola!

Non si fidano più di chi chiama, afferma Ludwig Huber dell’Università di Vienna nuovo mondo.

Se i cani avevano visto che il dispositivo di comunicazione vedeva anche il trasferimento di cibo, il 71% di loro ignorava le istruzioni e andava al secchio B. Se i cani avessero percepito che il chiamante era fuori dalla stanza quando il cibo veniva spostato, c’erano meno, il 52 percento, che ignoravano la chiamata per raggiungere il secchio vuoto.

I cani più giovani erano più fiduciosi dei cani più anziani e arrivavano in misura maggiore nel secchio A. Erano i cani della razza Border Collie molto obbediente e cooperativa che facevano tutto ciò che gli veniva detto, in cambio di una migliore conoscenza. Erano i diversi tipi di cani, noti per essere cani indipendenti, volitivi e intelligenti, che in gran parte ignoravano i messaggi dei bugiardi.

Più intelligenti dei bambini?

Negli esperimenti con bambini, scimpanzé e macachi giapponesi, i corpi di prova hanno reagito in modo leggermente opposto ai cani. Se l’allenatore di cui si fida è fuori dalla stanza, il soggetto del test andrà per lo più al contenitore della merenda, forse perché ha l’impressione che l’allenatore non sappia cosa sta facendo.

Ma se l’addestratore vedeva anche che gli snack venivano portati via, allora c’era già una grande percentuale di bambini e scimmie che seguivano le istruzioni quando venivano chiamati a un contenitore vuoto.

Questo potrebbe essere dovuto al fatto che bambini e primati si fidano dell’allenatore più di quanto non abbiano visto con i propri occhi, afferma Hooper.

In questo caso, i cani sono diversi.

Pensavamo che i cani si comportassero come bambini di cinque anni e scimmie, ma ora ci chiediamo se i cani possono rendersene conto quando qualcuno li guida dietro una luce. Potrebbero pensare: “Questa persona è seduta sulle mie stesse informazioni e mi sta ancora dando informazioni sbagliate”. Potrebbero vederlo come un travisamento deliberato, dice Hooper, che è una bugia.

READ  La Chiesa incontra una società laica

“Questo studio ci ricorda che i cani ci tengono d’occhio, raccolgono i nostri segnali sociali e imparano da noi tutto il tempo, anche al di fuori delle situazioni di addestramento formale”, ha affermato la professoressa Monique O’Dell dell’Oregon State University, che lavora con umani e umani. animali, ma non ha funzionato sullo studio.