Travely.biz

Le ultime notizie, commenti e funzionalità da The Futura

Immagina una vita senza frigorifero, lavastoviglie e frullatore

Ecco come poteva essere una cucina all’inizio del XX secolo.

Dalla cottura sul fuoco alla cucina di oggi con elettrodomestici integrati e lavatrici elettroniche. Partecipa a un viaggio nel tempo nella storia della cucina.

Oggi diamo per scontati gli ausili da cucina elettrici. Ma la cucina non ha sempre tutto questo.

Anche l’aspetto dell’arredamento è cambiato radicalmente, da una fossa aperta e pavimenti in pietra, passando per linoleum colorato e carta da parati a motivi negli anni ’60 e ’70, alla cucina moderna di oggi con superfici pulite e design funzionale.

Cucina della metà degli anni ’60. Gli armadi inclinati sono tornati in produzione e venduti come “cucine antiche”.
Arredamento della cucina giallo sole degli anni ’70.
Selvage House del 1949. La donna taglia il pane.

temperatura importante

Il calore è un elemento essenziale nella storia della cucina, afferma lo storico culturale Bert Sandvik al Norwegian Folk Museum.

va da sé. Il calore è necessario per preparare il cibo e fino al XIX secolo si faceva in fosse all’aperto. Quando la stufa a legna arrivò alla fine del 19° secolo, cambiò notevolmente sia i piatti che le abitudini alimentari.

– E’ stato rivoluzionario. Si controlla meglio il calore, si riduce il consumo di legna e si garantisce un migliore utilizzo dell’energia. Ora, ad esempio, puoi cuocere il pane, non solo la focaccia su una griglia su un fuoco aperto, afferma Sandvik.

La stufa a legna era chiamata “forno nero”. Persisteva nelle case norvegesi fino alla seconda guerra mondiale, sebbene i fornelli a gas ed elettrici fossero sul mercato da qualche tempo.

READ  I politici del MDG chiedono alla Norvegia di interrompere la vaccinazione: ottenere una forte opposizione da parte dei compagni di partito e della comunità professionale

La stufa elettrica è arrivata in Norvegia negli anni ’30. Tuttavia, ci è voluto del tempo prima che diventasse popolare nelle case norvegesi. Vediamo che si è gradualmente evoluto in linea con la comunità e le infrastrutture, afferma Sandvik.

Lo storico culturale del Norwegian Folk Museum, Bert Sandvik, ci accompagna in un viaggio attraverso la storia rivoluzionaria della cucina.
Dettagli della cucina da una casa della classe operaia a Vika, Oslo, 1957. La casa è stata fondata nel 1926, ma anche allora la cucina era vecchio stile.
La pasta è pronta da servire negli anni ’80.
Una donna in pieno svolgimento con la cottura in una cucina a Fredrikstad alla fine degli anni Cinquanta.

Ingresso frigorifero

Il calore è quindi un fattore importante nella storia della cucina, ma è anche freddo. Tuttavia, il frigorifero, come lo conosciamo, si è fatto strada nelle case norvegesi dopo oltre 100 anni di utilizzo della stufa.

La ghiacciaia, che precedeva il frigorifero, manteneva i cibi freddi utilizzando dei cubetti di ghiaccio posti nella parte superiore della ghiacciaia. Cambiato una o due volte a settimana.

Il ghiaccio è stato tagliato da fiordi, laghi e stagni artificiali. Questa era una grande azienda in Norvegia dal 1850 fino alla seconda guerra mondiale, con esportazioni in molti paesi.

La storia del frigorifero come lo conosciamo oggi è iniziata negli Stati Uniti nel 1916. Ma ci sono voluti quasi dieci anni prima che diventasse conveniente e abbastanza pratico da diventare particolarmente popolare.

READ  Il consiglio del gruppo di esperti viene seguito: c'è spazio per di più

General Electric era il più grande produttore e il suo modello Frigidaire era in vendita in Norvegia alla fine degli anni ’20. Ma ci sono voluti altri 40 anni prima che i frigoriferi diventassero comuni nelle case norvegesi.

Ecco come appariva la cucina dell’Holmens Gate di Oslo nel 1957.
Una cucina appena rinnovata in un appartamento a Oslo. Tavoli e sedie disegnati da Alvor Alto.
Comfort in cucina negli anni settanta.
Una nuova cucina retrò alla Stockholm Furniture Fair nel 2007.

rivoluzione tecnologica

Quindi, due degli elementi più importanti della cucina sono: caldo e freddo. Durante gli anni ’30, altri ausili elettronici dominavano la cucina, come miscelatori e scaldabagni.

Le case e le cucine norvegesi hanno subito una rivoluzione tecnica nei decenni precedenti la seconda guerra mondiale. L’acqua e lo scarico installati, la luce elettrica, il gas e, infine, una serie di altri ausili elettrici hanno ridotto l’usura delle faccende domestiche. Sandvik spiega che cucinare e pulire è diventato più facile e richiede meno tempo rispetto a prima.

Parallelamente allo sviluppo tecnico, anche l’estetica è cambiata. Negli anni ’20 e ’30, l’obiettivo era quello di essere sani e facili da curare in cucina.

Le pareti erano spesso dipinte con una vernice lucida e lavabile, mentre i pavimenti potevano avere una vernice al linoleum facile da pulire. All’epoca, la maggior parte delle cucine era anche uno spazio compatto.

Cucina marrone anni ’70, quando gli elettrodomestici erano marroni.
Arredamento colorato della cucina in un edificio di appartamenti di nuova costruzione con tessuto ricoperto di plastica tra scaffali e tavolo da cucina.
Gran parte della tendenza degli anni ’60 è ora tornata.

La madre della cucina moderna

Ma è stata la prima donna architetto austriaca, Margrethe Schott Lehutsky, a diventare la madre della cucina moderna. Nel 1926 disegnò Cucina di Francoforte. È stata prodotta in più di 10.000 unità, e quindi può essere giustamente definita la prima cucina prodotta in serie.

READ  Le avventure di Cod con la democrazia come merce rara

Cucina di Francoforte Enfatizzare l’efficienza e l’uso dello spazio. Tra l’altro, questa cucina aveva assi da stiro e pensili che arrivavano fino al soffitto.

L’obiettivo era rendere più facile la vita quotidiana della casalinga. Uno studio svedese degli anni ’50 ha mostrato che una “casalinga media” percorre ben sette chilometri al giorno in cucina. Ciò ha portato a una cucina ben pianificata in cui il flusso di lavoro era al centro dell’attenzione.

Mobile da cucina azzurro con maniglie in plastica. Il muro è dipinto in giallo brillante, “mimosa”, che era molto popolare negli anni ’50 e ’60 del secolo scorso.
Questa cucina rossa e blu è stata introdotta a Nye Bonytt nel 1979 ed è stata ricreata in un condominio da Wessels Gate 15 al Norwegian Folk Museum.

stanza calda

Ma la storia del posto importante della cucina in casa non è solo una storia di tecnologia, funzionalità ed efficienza. Si tratta anche di psicologia sociale e personale.

La cucina è il cuore della casa. Il motivo principale è l’elemento di cui sopra: il calore.

Ai vecchi tempi, la cucina era spesso l’unica stanza calda. Era importante risparmiare carburante, e il resto della casa era spesso freddo. Ma in cucina c’era il fuoco nella stufa a legna e quindi calda e confortevole. È qui che si riunisce la famiglia. La stufa a legna fungeva da “focolare della casa” e rappresentava il calore della casa, anche in senso figurato. Sebbene la casa di oggi abbia il riscaldamento in tutte le stanze, afferma Sandvik, la cucina ha mantenuto il suo status di “stanza calda”.